Connect with us
Pubblicità

Trento

Payback dispositivi medici, proroga al 30 aprile per i pagamenti

Sospiro di sollievo per le aziende trentine che dovrebbero restituire allo Stato oltre 250 milioni di euro

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Il Governo ha prorogato al 30 aprile il pagamento dei 2,2 miliardi del payback 2015-2018 da parte delle aziende di dispositivi medici. Per molte aziende trentine è una boccata di ossigeno.

In Trentino infatti sono decine le aziende colpite dal provvedimento studiato da Matteo Renzi che approsimatamente dovrebbero restituire allo Stato oltre 250 milioni di euro.

Un colpo insostenibile per le aziende fornitrici che porterebbe a un default generalizzato e, per conseguenza, minerebbe la tenuta del sistema sanitario provinciale: non sarebbero più garantiti i rifornimenti dei materiali tecnico-medicali e degli altri dispositivi sanitari, nonché la manutenzione di quelli in utilizzo, e sarebbe quindi impossibile garantire la continuità delle cure ai pazienti.

Pubblicità
Pubblicità

La proroga del payback sanitario fino al 30 aprile prossimo – approvato ieri sera in Consiglio dei ministri grazie al governo di Giorgia Meloni – è solo il primo passo per affrontare in modo strutturale un contenzioso avviato dal governo del Pd guidato da Matteo Renzi, con l’introduzione di una norma di dubbia legittimità, che ha visto la sua attuazione dopo 7 anni da parte del ministro, Roberto Speranza.

“Fratelli d’Italia fin dalla manovra ha voluto portare avanti questa battaglia con l’obiettivo, concordato col governo, di dare risposte ad aziende che rischiano il fallimento” – ha dichiarato la capogruppo di Fratelli d’Italia in commissione Bilancio, Ylenja Lucaselli, che aveva sollevato nel corso dell’esame della manovra la criticità.

Ma non solo nella riunione, sempre secondo quanto filtrato, si è parlato anche di una riscrittura dei criteri del payback che secondo quanto denunciato dalle aziende oggi non è equo.

Pubblicità
Pubblicità

Inoltre, qualora i conti dello Stato in primavera dovessero essere migliori c’è anche l’ipotesi di una riduzione degli importi da pagare e di un innalzamento del tetto di spesa dall’attuale 4,4% al 5,2%.

Si punta quindi a congelare i pagamenti, rinviando di sei mesi la scadenza per i rimborsi, per poi provvedere ad una riforma complessiva del meccanismo una volta individuate le coperture necessarie nel prossimo Documento di Economia e Finanza.

«In questo momento di grande incertezza – spiega il presidente di Confcommercio Trentino Giovanni Bort – le Aziende cercheranno comunque di fare quanto nelle loro possibilità per mantenere inalterato il livello di supporto che quotidianamente viene fornito al Sistema Sanitario, ma è evidente che se si troveranno nelle condizioni di dover coprire questi sforamenti, di cui non sono assolutamente responsabili, non potranno onorare i contratti in essere mantenendo gli standard di fornitura sino ad oggi garantiti».

L’appello alla Provincia di Trento è dunque quello di sospendere i pagamenti in attesa anche dei numerosi ricorsi attivati presso i Tribunali amministrativi di tutta Italia.

Tutto nasce da una legge del Governo Renzi, nel 2015, che introduce il PayBack sui dispositivi medici per le aziende sanitarie.

Il Premier Draghi poi la rende attuativa prima della sua definitiva uscita da Palazzo Chigi. Una legge dimenticata da tutti per anni che ora rischia di far fallire centinaia di aziende e mettere sulla strada intere famiglia.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Spettacolo2 ore fa

Filippo Porro e Simone Zambelli portano al Teatro di Meano “Ombelichi tenui”

Trento2 ore fa

Abbattute alcune piante malate nella Circoscrizione Oltrefersina

Val di Non – Sole – Paganella3 ore fa

Fibra ottica a Cavedago, serata informativa

Valsugana e Primiero3 ore fa

Recuperato nella notte un escursionista bloccato nella neve sopra il Col di Luna

Italia ed estero4 ore fa

“Spero che tutto questo finisca presto, spero in un futuro migliore” le parole di chi vive in Russia

Trento5 ore fa

In fiamme una vettura nel bosco della città

Piana Rotaliana5 ore fa

Dopo 38 anni in Azienda Sanitaria, primo giorno da pensionato per il dottor Giorgio Devigili: «Grazie a tutti i miei pazienti, il contatto con loro è ciò che mi mancherà di più»

Rovereto e Vallagarina5 ore fa

Trovato morto in casa un 60 enne di Rovereto

Io la penso così…6 ore fa

Le contraddizioni della nostra sanità: mille scartoffie per la privacy e camere miste negli ospedali trentini

Trento7 ore fa

Caso Saverio Tateo e Liliana Mereu: chiuse le indagini

Bolzano7 ore fa

Fienile in fiamme, morte capre e pecore

Val di Non – Sole – Paganella7 ore fa

Cles: nominato il direttore di ostetricia e ginecologia

Giudicarie e Rendena8 ore fa

Non ce l’ha fatta Luigi Poli: il gestore del Palaghiaccio di Pinzolo è morto ieri

Trento9 ore fa

Crollo iscritti nelle scuole d’infanzia trentine: ieri la discussione del ddl «Zerosei»

Trento9 ore fa

Dopo le polemiche Segnana chiarisce: «Il polo di medicina si farà in via Monte Baldo»

Trento5 giorni fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Trento4 settimane fa

Dramma a Trento: ricercatrice muore a 42 anni per un malore improvviso

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Torna in Val di Non la grande “Festa di San Romedio”

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Trento2 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Offerte lavoro6 giorni fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Vista su Rovereto2 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

economia e finanza4 settimane fa

Il colosso Amazon licenzia 18 mila dipendenti

Rovereto e Vallagarina3 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento2 settimane fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento3 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento3 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento2 settimane fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Trento4 settimane fa

Lutto nell’azienda sanitaria: muore a 58 anni Martina Liber

Trento2 settimane fa

«Soliti noti», abusivismo a Villazzano: una storia tutta trentina

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza