Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

C’è chi dice di no al reddito di cittadinanza e si alza alle 4 del mattino per guadagnare 1.600 euro al mese

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

«C’è chi dice no», ma non è la citazione della mitica canzone del Vasco nazionale ma una proposizione negativa di rifiuto al reddito di cittadinanza.

Da Jesolo infatti arriva una storia di giovani ragazzi che hanno rifiutato il reddito di cittadinanza preferendo alzarsi alle 4 del mattino per lavorare in pasticceria guadagnando 1.600 euro al mese. Tutti avrebbero diritto al sussidio ma i soldi preferiscono guadagnarseli facendo sacrifici. «È questione di dignità– dicono tutti in coro – e poi vogliamo costruirci una famiglia».

Tra di loro, come Laura, c’è anche chi deve percorrere 40 chilometri per andare sul posto di lavoro e altri 40 per tornare a casa. Gianmarco invece ne percorre la metà.

A raccontare la storia di questi ragazzi dai 20 ai 25 anni è il Messaggeroo che sottolinea l’impegno che tutti questi ragazzi mettono nel lavoro quotidiano.

Tra di loro Claudio era impiegato d’estate come bagnino ma poi ha scelto di rimboccarsi le maniche e di lavorare senza soste. Giulia, Linda e Aurora sono tre ragazze in gamba che, con gentilezza e determinazione, si impegnano quotidianamente nella loro attività.

Uomini e donne in erba che provano a costruirsi un futuro lontano dai cliché più attuali che dipingono con troppa facilità le nuove generazioni come scarsamente volitive e poco propense al sudore. Altro che reddito di cittadinanza. 

Pubblicità
Pubblicità

Il panificio storico che opera da quasi 130 anni nella zona si chiama Pinel ed è diventato la pasticceria di riferimento della zona: “Il nostro primo ingrediente è la passione – dice Mauro Pinel, titolare dell’azienda al Messaggero. La stessa passione che muove i nostri ragazzi. Siamo una famiglia allargata e Laura, Giammarco, Claudio, Giulia, Linda ed Aurora ne fanno parte di diritto per l’impegno che profondono e per le qualità che manifestano. I loro occhi, la loro voglia di crescere fanno a cazzotti con l’idea che i nostri giovani siano sul divano in attesa di ricevere la ricarica del Reddito di cittadinanza. Potrebbero averne diritto, certo, ma preferiscono guadagnarseli i soldi e fare sacrifici per ottenerli. Sacrifici che noi premiamo, con stipendi che, di media, si aggirano attorno ai 1600 euro. Una base di partenza per mettere su, mattone dopo mattone, un domani solido e pieno di prospettive”.

Secondo il titolare del Pinel salari adeguati e orari decenti sarebbe la formula giusta per consumare meno i divani di tante case italiane. “I ragazzi hanno voglia di lavorare – aggiunge Mauro – non vanno sottovalutati. Lo dico per esperienza. Se ne vale la pena e se non si sentono sfruttati, i nostri giovani danno l’anima. Perché hanno voglia di certezze e, perché no, di mettere su famiglia”.

Il titolare del panificio Pinel spiega che non è facile fare l’impreditore oggi. “Ma tutti noi siamo mossi però da quel sacro fuoco che si chiama dignità. La dignità di chi come me è diventato maestro pasticciere e, ogni giorno, pensa a nuove ricette che siano innovative ma che, nello stesso tempo, rispettino la nostra cultura. La dignità di Laura, Giammarco, Claudio, Giulia, Linda ed Aurora che, tutte le mattine, dicono sì al suono della sveglia, si mettono in macchina e vengono qui. Carichi di sogni e desideri. Sono loro molto grato, come lo sono a mia moglie che, in qualche modo, mi ha offerto questa opportunità di lavoro e di amore”. – Conclude Pinel

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Politica9 ore fa

Fedriga presenta la sua lista personale: Salvini e la Lega spariscono dai simboli

Val di Non – Sole – Paganella9 ore fa

Nuovi orari per il Crm di Fai della Paganella

Val di Non – Sole – Paganella10 ore fa

“Per chi splende questo lume”: a Fondo la storia di Virginia Gattegno

Vita & Famiglia10 ore fa

Sanremo. Pro Vita & Famiglia: «Amadeus e Rai lascino in pace i bambini»

Piana Rotaliana10 ore fa

Mezzolombardo, da giovedì via ai lavori agli uffici postali (che potrebbero durare meno del previsto)

Alto Garda e Ledro12 ore fa

Rolex finisce negli oggetti smarriti del comune, la polizia Locale però scopre che è un falso

Trento12 ore fa

Vigili del fuoco volontari, la nuova sede a Ravina nei pressi dell’uscita A22

Trento12 ore fa

Corte dei Conti, nominato l’ex Commissario del Governo, Gianfranco Bernabei

Italia ed estero12 ore fa

Piccolo miracolo in Siria, neonata trovata viva tra le macerie

Val di Non – Sole – Paganella13 ore fa

Alla Csen Arena di Cavareno arrivano i campi da padel

Le ultime dal Web13 ore fa

Il web si scatena: chi è e perché nelle ultime ore viene nominato Frank Hoogerbeets?

Val di Non – Sole – Paganella13 ore fa

“Predaia Arte & Natura”: aperte le iscrizioni alla quinta edizione del simposio di scultura

Rovereto e Vallagarina13 ore fa

L’eresia della giovinezza: una serata dedicata a Sylvano Bussotti nelle sale della mostra “Eretici. Arte e vita”

Hi Tech e Ricerca13 ore fa

Wired Next Fest Trentino: presentato stamattina il nuovo festival

Trento13 ore fa

Patt in assemblea, Marchiori: «Parleremo con i candidati presidenti»

Trento2 settimane fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Trento3 giorni fa

È finita la storia d’amore tra Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez

Valsugana e Primiero4 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Offerte lavoro2 settimane fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Vista su Rovereto3 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento3 settimane fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento4 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento18 ore fa

Occupazione abusiva Cognola: dopo il danno arriva anche la beffa

Trento4 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Giudicarie e Rendena7 giorni fa

Non ce l’ha fatta Luigi Poli: il gestore del Palaghiaccio di Pinzolo è morto ieri

Trento3 settimane fa

«Soliti noti», abusivismo a Villazzano: una storia tutta trentina

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Sviluppo turistico di Coredo, un gruppo di esercenti (e non) chiama a raccolta i cittadini: «Ora tocca a noi darci da fare»

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza