Connect with us
Pubblicità

Trento

“Incontri al Museo per parlare di fauna”: Aquile reali e gipeti nelle Alpi che cambiano

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

I grandi rapaci diurni sono i protagonisti del secondo appuntamento di “Incontri al Museo per parlare di fauna”.

Mercoledì 7 dicembre alle 20.45 il MUSE – Museo delle Scienze dedica una serata a due delle specie alate più iconiche delle Alpi: l’aquila reale, padrona di casa in Trentino, e il gipeto, tornato a veleggiare sull’arco alpino a oltre trent’anni dai primi rilasci.

Ospite della serata, Enrico Bassi, ornitologo dell’Ufficio faunistico ERSAF – Parco Nazionale dello Stelvio e referente italiano del progetto “Gipeto”. 

Pubblicità
Pubblicità

L’appuntamento di dicembre di “Incontri al Museo per parlare di fauna”, la rassegna del MUSE dedicata a chi ama il mondo della natura e della fauna selvatica, porta l’attenzione sullo stato di conservazione di aquile reali e gipeti e sulle difficoltà che i due grandi volatili devono affrontare in uno degli ambienti montuosi più antropizzati del mondo, le Alpi.

“Si tratta di specie carismatiche e rare. Nel corso della serata – anticipa Bassisaranno presentati i risultati e le difficoltà incontrate nel corso delle numerose ricerche in atto per conoscerli e comunicare il prezioso ruolo ecologico che ricoprono. Queste specie posso essere “utilizzate” come bandiera, per richiamare l’attenzione sulle crescenti minacce quali l’impatto dei cavi aerei e degli elettrodotti, l’incidenza di alcune attività umane (attività outdoor, fruizione turistica) e la grave la problematica dell’intossicazione da piombo (saturnismo) che deriva dalle munizioni usate dai cacciatori”.

Spazio anche agli aspetti biologici e comportamentali di queste specie, alla loro distribuzione e preferenza ambientale e alle recenti tecniche utilizzate a sostegno del tradizionale monitoraggio di campo.

Pubblicità
Pubblicità

Dalla radio telemetria satellitare al monitoraggio genetico, dallo studio degli aspetti comportamentali messi in atto per la costruzione e difesa dei loro nidi a quello sul loro regime alimentare e sugli adattamenti noti e meno noti messi in atto per vivere nel delicato scenario alpino, in continuo dinamismo. Nel corso della serata saranno mostrati anche alcuni reperti naturalistici raccolti direttamente sul campo.

 Biografia

Laureato in Scienze Naturali presso l’Università degli Studi di Pavia, Enrico Bassi si occupa prevalentemente di avifauna selvatica, censimenti e ricerca ornitologica, ripristini e mitigazioni ambientali.

Dedica particolare attenzione alle problematiche inerenti alla conservazione dell’avifauna italiana e dei rapaci diurni e notturni quali la perdita e sottrazione di habitat, la gestione dei Siti di Rete Natura 2000, gli impatti delle linee elettriche e dei cavi aerei e dell’attività di caccia e il saturnismo di origine venatoria.

Dal 2004, ricercatore e ornitologo di ERSAF – Parco Nazionale dello Stelvio per cui segue progetti pluriennali sulla conservazione di Aquila reale e Gipeto. Membro dell’Advisory Board della VCF (Vulture Conservation Foundation), organismo impegnato nella ricerca e conservazione degli avvoltoi europei, africani e del Medio Oriente.

I prossimi appuntamenti

11 gennaio 2023
Una silenziosa presenza nei nostri boschi: il gatto selvatico in Italia, fra passato, presente e futuro
Con Andrea Sforzi, Museo di Storia Naturale della Maremma

1 febbraio 2023

Atlante delle migrazioni degli Uccelli fra Eurasia e Africa: oltre 100 anni di dati per una conservazione a scala globale
Con Fernando Spina, Convention of Migratory Species

8 marzo 2023

Studio e la gestione dei grandi felini nelle savane della Namibia
Con Miha Krofel, Università di Lubiana

5 aprile 2023

Specialisti d’alta quota in un clima che cambia: gli insetti sono le nostre sentinelle
Con Mauro Gobbi, ricercatore MUSE

10 maggio 2023

Coesistere con l’orso in sicurezza: esperienze globali a confronto
Con Tom Smith, Università di Provo (USA)

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento3 giorni fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Trento4 settimane fa

Dramma a Trento: ricercatrice muore a 42 anni per un malore improvviso

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Torna in Val di Non la grande “Festa di San Romedio”

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragedia di Capodanno: è morta la 25 enne roveretana Valentina Vallenari Benedetti, troppo gravi le ferite riportate nell’incidente lo scorso 31 dicembre

Trento2 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Vista su Rovereto2 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

Offerte lavoro4 giorni fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

economia e finanza4 settimane fa

Il colosso Amazon licenzia 18 mila dipendenti

Rovereto e Vallagarina3 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento1 settimana fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento3 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento3 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento2 settimane fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Trento4 settimane fa

Arrivano i saldi invernali: ecco quando inizieranno

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza