Connect with us
Pubblicità

Trento

Levata di scudi tra Fp Cgil e Muse: «Ancora una volta si rimbalzano le responsabilità»

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

«Dichiarazioni paradossali e inverosimili da chi gestisce la cosa pubblica e si sottrae alle responsabilità della stazione appaltante, come emerge dalla sentenza». Così la Fp Cgil, col segretario generale Luigi Diaspro e la segretaria Roberta Piersanti, torna oggi sulla vicenda del Muse, all’indomani della conferenza stampa che ha chiarito che l’indennità di appalto va corrisposta ai lavoratori e ha condannato in solido Muse e Coopculture a risarcire un lavoratore. (QUI link articolo)

«Apprendiamo oggi dal direttore Lanzinger, a mezzo stampa, che al tavolo a cui siamo stati convocati per domani dal Muse, per illustrarci la “proroga e variante dell’appalto” la cui scadenza è proprio domani (oggi per chi legge), il Muse sarà solo uno spettatore. Ci chiediamo, allora, chi se non l’ente appaltante ci illustrerà le ragioni sottese all’ennesima proroga e le varianti dell’appalto. Chi quel contratto deve eseguire?

Ancora una volta il dottor Lanzinger rimpalla le responsabilità proprie e del Muse su altri soggetti, chiamandosi fuori dalla situazione esistente, come se il committente non fosse parte in causa.

Pubblicità
Pubblicità

Ricordiamo che negli anni il Muse è stato troppo a lungo spettatore, sostenendo di nulla potere di fronte alla mancanza di orario di chi lavora per garantire i servizi museali (che sceglie e prenota il Muse) e di avere le mani legate sull’indennità di appalto non erogata.

Il ruolo da attore a tutela dei lavoratori che oggi rivendica Lanzinger si scontra con due dati di fatto: in primo luogo, la ripetuta proroga dell’appalto, (due volte nel solo 2022) pure a fronte dell’accertamento da parte del Servizio Lavoro delle omissioni retributive, contributive e assicurative del 2021, che il Direttore si intesta e che invece è conseguenza dell’iniziativa della Fp Cgil che aveva sollecitato una verifica proprio al Servizio Lavoro.

Se il Muse avesse davvero avuto un ruolo da attore non avrebbe continuato a pagare con soldi pubblici un costo della manodopera che la Provincia tramite i propri servizi ispettivi aveva accertato non arrivare ai lavoratori, con buona pace dei principi che stanno alla base dell’agire amministrativo e il dottor Lanzinger non avrebbe personalmente replicato alle nostre richieste sostenendo che i lavoratori non potevano lamentarsi di condizioni di lavoro migliori che in altri musei e che il Muse avrebbe ben potuto sostituire i divulgatori con dei totem, come viene fatto in America.

Pubblicità
Pubblicità

In secondo luogo, vi è una sentenza di condanna, che dice che il Muse è responsabile in solido, non che grazie al Muse si è finalmente giunti al ripristino della legalità. Ci stupisce che per il Direttore del Museo la condanna sia una buona notizia, anziché un momento di riflessione sulla gestione. La dichiarazione, fatti alla mano, è paradossale e inverosimile allo stesso tempo, ma desta profonda preoccupazione soprattutto per la disinvoltura con cui si pretende sia di gestire la cosa pubblica sia di sottrarsi a precise responsabilità della stazione appaltante come emerge dalla lettura della sentenza.

Da ultimo, ricordiamo che il ricorso al Giudice è stato necessario proprio per il pervicace atteggiamento di chiusura del Muse e delle Cooperative che non hanno mai offerto alcuno spiraglio per migliorare la situazione, tant’è che anche tutti i nuovi assunti (anche quelli degli ultimi mesi) non hanno un orario di lavoro contrattualmente definito e a nessuno viene corrisposta l’indennità di appalto. E domani (oggi per chi legge) qualcuno (scopriremo chi, visto che non sarà l’attore Muse) ci presenterà la seconda proroga dell’appalto del 2022».

In merito alla recente sentenza del Giudice del Lavoro riguardo la mancata corresponsione dell’indennità di appalto ai lavoratori delle cooperative in servizio presso il MUSE, la direzione del museo ha affermato che: «È doveroso precisare come il Tribunale abbia condannato l’operatore economico nella sua qualità di datore di lavoro e dichiarato – come previsto per legge e mai contestato dal museo – la responsabilità solidale del Muse. Pertanto, in caso di inerzia del datore di lavoro il Muse si farà carico di liquidare direttamente al lavoratore quanto dovuto.

Al tavolo convocato per domani (oggi per chi legge), il museo intende condividere con le Organizzazioni sindacali i contenuti della variante del contratto di appalto e la conseguente proroga.

La proroga, rappresenta (e rappresentava) la soluzione più idonea per un verso a garantire il servizio offerto alla cittadinanza e la continuità lavorativa degli operatori, e per l’altro ad analizzare compiutamente le mutate esigenze dell’offerta culturale oggetto della futura procedura.

In tale sede, appare evidente come il museo, in qualità di osservatore promotore del tavolo, voglia altresì facilitare il raggiungimento di un punto di compromesso tra le parti coinvolte (lavoratori e datore di lavoro) e superare le criticità rilevate dal Servizio lavoro su istanza del Muse (datata marzo 2019)».

  • Pubblicità
    rel="nofollow"Pubblicità
Trento1 minuto fa

ENPA del Trentino: “Il fenomeno degli avvelenamenti è un problema di sanità e incolumità pubblica”

Trento6 minuti fa

Le richieste delle circoscrizioni alla Giunta: l’Osservatorio ambientale sarà il luogo del confronto con i cittadini

Io la penso così…12 minuti fa

Sanità pubblica: sistema obsoleto che guarda a vecchi modelli privi di ragione

Arte e Cultura20 minuti fa

Garantita l’apertura e la continuità dei musei trentini

Politica1 ora fa

Sondaggio Swg Mentana: crescono Fratelli d’Italia e PD, in calo Lega e Forza Italia

Spettacolo2 ore fa

Al Teatro Sociale arriva “Il Gruffalò” e fa registrare il tutto esaurito

Cani Gatti & C2 ore fa

Bobi è un cane da record: a 30 anni è il cane più anziano di sempre

Trento2 ore fa

Occupazione abusiva Cognola: dopo il danno arriva anche la beffa

Musica3 ore fa

«Finché ce n’è», una storia d’amore in stile country: Lorenzo Lupo con la partecipazione di Bobby Solo

Trento3 ore fa

Not, sentenza del Consiglio di Stato. Fugatti: “Avanti con il percorso intrapreso”

Alto Garda e Ledro3 ore fa

Che impresa per Stefano Ghisolfi: l’atleta ha espugnato Excalibur 9B+

Rovereto e Vallagarina4 ore fa

Scossa di terremoto a Mori, in Vallagarina: immediate le segnalazioni sui social

Italia ed estero4 ore fa

Terremoto tra Turchia e Siria: quasi 5.000 i morti e oltre 13.000 i feriti, si cerca un italiano

Arte e Cultura4 ore fa

Si arricchisce il patrimonio del Mart: acquisito l’intero archivio di Piermario Ciani

Trento5 ore fa

Prima tappa a Lugano degli appuntamenti internazionali del Festival dell’Economia di Trento

Trento2 settimane fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Trento2 giorni fa

È finita la storia d’amore tra Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez

Valsugana e Primiero4 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Offerte lavoro2 settimane fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Vista su Rovereto3 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento2 settimane fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento4 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento4 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Giudicarie e Rendena6 giorni fa

Non ce l’ha fatta Luigi Poli: il gestore del Palaghiaccio di Pinzolo è morto ieri

Trento3 settimane fa

«Soliti noti», abusivismo a Villazzano: una storia tutta trentina

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Sviluppo turistico di Coredo, un gruppo di esercenti (e non) chiama a raccolta i cittadini: «Ora tocca a noi darci da fare»

Rovereto e Vallagarina6 giorni fa

Trovato morto in casa un 60 enne di Rovereto

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza