Connect with us
Pubblicità

Trento

Morto Bruno Fronza il padre delle Acli Trentine: il cordoglio di Kaswalder e Oliver

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Martedì prossimo in aula il presidente Walter Kaswalder, ricordando che a lasciarci è un uomo dalla vita lunga e feconda, dedicata al sociale, ai deboli, agli stranieri chiederà un minuto di silenzio.  Il presidente Kaswalder ha inteso rivolgere ai familiari le più sentite condoglianze ai familiari, anche a nome di tutta l’assemblea legislativa provinciale.

Fronza – morto appunto ieri a 98 anni d’età – fu consigliere regionale e provinciale in ben 4 legislature e fin dagli albori dell’autonomia speciale. Eletto nel 1952, fu subito assessore provinciale supplente nella Giunta guidata da Remo Albertini, suo compagno di partito nella Democrazia Cristiana.

Saltò la III legislatura e rientrò in Consiglio nel 1960, per rimanervi fino al 1973, un lungo arco di tempo durante il quale fu ripetutamente assessore regionale, quando era la Regione ad avere la gran parte delle competenze legislative e di governo.

Pubblicità
Pubblicità

Ma la biografia di Fronza è particolarmente ricca per quanto fatto nel mondo associazionistico. Basti dire che nel 1957 fondò la Trentini nel mondo e che poi contribuì assieme alla Caritas a dare vita all’Atas (Associazione accoglienza stranieri).

Bruno Fronza è considerato unanimemente un padre delle Acli trentine avendo svolto incarichi di rilievo fin dalla fondazione dell’associazione.  Forte delle sue competenze tecniche nel 1947, l’anno dopo la fondazione del movimento in Trentino, assunse la carica di revisore dei conti del Patronato.

Nel marzo 1949 venne eletto Presidente delle Acli trentine, incarico che manterrà per i 12 anni successivi.  La presidenza Fronza si caratterizzerà per l’organizzazione e il consolidamento dei servizi e dei circoli in tutti i paesi del Trentino.

Pubblicità
Pubblicità

Oltre al Patronato erano attivi in quegli anni i “Segretariati del popolo” attraverso i quali le Acli svolgevano un’intensa attività di organizzazione presindacale e crescita culturale fra i lavoratrici e le lavoratrici dell’allora incipiente “rivoluzione industriale trentina”. 

Con Bruno Fronza presero corpo le prime organizzazioni femminili legate al lavoro, i corsi per le casalinghe, gli incontri culturali sulla dottrina sociale e la riforma della Chiesa, nonché le prime esperienze legate alla formazione professionale che culminarono, alla fine degli anni 50, nella costituzione dell’Enaip.

Bruno Fronza, e grazie a lui le Acli stesse, ebbero inoltre un ruolo fondamentale nella nascita e nello sviluppo dell’Associazione Trentini nel Mondo nell’opera di ricostruzione dei rapporti fra le tante comunità di conterranei che hanno vissuto la difficile esperienza dell’emigrazione.

Arriva anche il cordoglio delle Acli per voce del suo presidente Luca Oliver che si stringe attorno ai famigliari e a tutti coloro che hanno condiviso la testimonianza umana, politica ed associativa di Bruno Fronza. «Lo ricordiamo con le sue stesse parole in calce al testo “Le Acli trentine” curato dal compianto Armando Vadagnini: “Mi auguro che i dirigenti e gli iscritti attuali ricordino sempre il passato delle Acli irto di difficoltà non meno di oggi: le difficoltà furono superate in tutti i campi per l’entusiasmo che era in noi.  Fu nostro ideale promuovere i lavoratori nei lori diritti e nei loro doveri, facendone dei corresponsabili nella conquista di un domani migliore in una società più giusta, illuminata dal messaggio di Cristo».

E ancora: «Bruno non smise mai di frequentare le Acli assicurando sempre una presenza attenta e puntuale, dispensando consigli ed indirizzando il movimento verso i valori sociali delle origini che si esprimo nelle fedeltà alla Chiesa, alla democrazia e la mondo del lavoro. 

Attento ai bisogni dei meno fortunati e dei più deboli, nonché ai diritti dei lavoratori e delle lavoratrici, Fronza ha svolto anche un’intensa attività politica con ruoli di rilievo nelle istituzioni ed in particolare come consigliere e assessore regionale fino al 1973, portando nelle istituzioni lo stile ed i valori aclisti e del cattolicesimo democratico». 

Foto Bruno Fronza ritratto in occasione del 70° di fondazione delle Acli trentine

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Val di Non – Sole – Paganella29 minuti fa

Messa in sicurezza della SS421, la soddisfazione di Denis Paoli: «Appalto del secondo lotto previsto a inizio 2023»

Val di Non – Sole – Paganella1 ora fa

Vigili del Fuoco Val di Sole: quest’anno 1.500 interventi per 380 pompieri effettivi

Fiemme, Fassa e Cembra2 ore fa

Ospedale Cavalese: la Giunta dichiara l’interesse pubblico

Val di Non – Sole – Paganella2 ore fa

Bentornato sci: a Pontedilegno-Tonale aprono gli impianti, via a una nuova stagione invernale

Val di Non – Sole – Paganella2 ore fa

Melinda vince il premio «Vivere a spreco zero 2022» nella categoria ortofrutta

Sport3 ore fa

Morto il ciclista Davide Rebellin: è stato travolto da un camion

Piana Rotaliana4 ore fa

Living LAB alla FEM «Vite e clima: quali scenari futuri?»

Trento5 ore fa

Trento terza nella classifica italiana delle città più digitalizzate ICity Rank ‘22

Bolzano5 ore fa

Rubano i vestiti ad un anziano in ospedale: l’azienda sanitaria chiede lo scontrino per risarcire

economia e finanza5 ore fa

L’indice di fiducia dei consumatori trentini rimane negativo. Cala anche il potere d’acquisto dei consumatori

Ambiente Abitare5 ore fa

Lupi, Enpa: «un’altra conferma che l’allarme-lupo è strumentale»

Trento5 ore fa

APT: Pinè e Cembra cambiano casa e si uniscono con Trento

Val di Non – Sole – Paganella6 ore fa

Caso Iob: David Dallago rimane in carcere

Trento6 ore fa

Manifesti contro il gender all’Università di Trento, Coordinamento DAria: «Propaganda gender business sulla pelle delle persone»

Piana Rotaliana6 ore fa

“Bambini si canta”: a Lavis il concerto in memoria di Italo Varner

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Monica Cadau perde il ricorso al TAR e dovrà risarcire il comune di Borgo e il Ministero

Trento2 settimane fa

A Trento è arrivata “Pokè Monade”, la Poke trentina!

Trento1 settimana fa

Avvistato un branco di lupi tra Centa San Nicolò e Caldonazzo

Trento3 settimane fa

Occupa abusivamente 3 parcheggi da anni e nessuno fa nulla

Val di Non – Sole – Paganella1 settimana fa

Morte neonato a Cles: era già successo 42 anni fa

Trento1 settimana fa

I pendolari della sanità trentina: «È l’unico modo per curarsi e rimanere in vita»

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Massimiliano Lucietti è morto mentre era a terra per sparare

Trento3 settimane fa

Le sconcertanti e imbarazzanti parole di Antonio Ferro sulle Oss trentine

Le ultime dal Web2 settimane fa

Tesla Model Y impazzita uccide due persone – IL VIDEO

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Non più lezioni, ma esperienze in montagna. A Molveno apre la nuova «Non scuola di sci»

Trento3 settimane fa

Non poteva essere l’avvocato della Provincia di Trento. La corte dei Conti chiede 113 mila euro di risarcimento a Giacomo Bernardi

Trento2 settimane fa

Gardolo: autobus va contro un’auto, manda a quel paese il guidatore e scappa

Trento2 settimane fa

Trento in lutto, è morto Rinaldo Detassis fondatore di Elettrocasa

Trento3 settimane fa

Paura in Trentino per una scossa di Terremoto

Rovereto e Vallagarina5 giorni fa

Via libera per la costruzione della mega stalla a Terragnolo. La polemica però continua

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza