Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Fronte comune Italia, Grecia, Cipro e Malta: «Delusi dai ricollocamenti». Nuova stretta del governo verso le ONG

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Non si placa la questione dei migranti che continua a creare tensioni in tutta l’Europa. Pronta per la prossima settimana la nuova stretta contro le ONG. Il governo Meloni ha intenzione di preparare nuovi provvedimenti contro le ONG che non seguono le leggi vigenti.

Ci saranno importanti sanzioni ed eventuali confische dei mezzi e nuovi provvedimenti per bloccare gli sbarchi illegali. Il governo infatti sta pensando di tornare ai vecchi decreti inventati da Salvini che colpivano direttamente i “volontari” presenti sulle ONG. La linea della Meloni è drastica sul problema migranti.

Ad illustrarla è anche il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi: “Altro che solidarietà Ue, finora l’Italia ha affrontato da sola il problema. Quest’anno sono sbarcate quasi 90.000 persone. Tredici paesi europei si sono impegnati a ricollocare circa 8.000 persone. Finora ne sono state ricollocate in tutto 117. A fronte di questo si vuole imporre il principio che noi siamo l’unico approdo d’Europa per gli immigrati illegali“.

Pubblicità
Pubblicità

A dargli manforte, il sottosegretario alla presidenza Giovanbattista Fazzolari, considerato l’alter ego della premier: “Se guardiamo le navi delle Ong, il porto più sicuro è la Tunisia, in Europa è Malta. L’Italia non ha obblighi superiori a quelli francesi. Ma i Paesi europei hanno stabilito che si deve sbarcare qui e non ci possono essere spostamenti. Vogliamo porre la questione in modo sereno, e far rispettare la legge”.

La grande novità che scalfisce l’omertà della comunità Europea è la dichiarazione congiunta Italia, Malta, Cipro e Grecia, i Paesi di primo ingresso in Europa nel Mediterraneo, che definiscono “increscioso e deludente” il mancato rispetto degli accordi sui ricollocamenti. “Purtroppo il numero di impegni di relocation assunti dagli Stati membri partecipanti rappresenta solamente una frazione molto esigua del numero effettivo di arrivi irregolari“, si legge nella nota. Il meccanismo, aggiungono, si è dimostrato “lento” per alleviare la pressione sui Paesi “di prima linea”.

Intanto la Francia torna all’attacco criticando ancora l’Italia: “Da Giorgia Meloni metodi inaccettabili” -ha dichiarato la ministra degli esteri francese Catherine Colonna, aggiungendo che “ci saranno conseguenze”.

Pubblicità
Pubblicità

L’invito a fare altrettanto rivolto agli altri stati Europei però non ha ottenuto l’effetto sperato. Germania e Olanda infatti hanno risposto picche, schierandosi col governo Meloni, mentre dagli altri stati europei è arrivato il silenzio. Segno che il polverone alzato dal governo italiano affonda la lama in una ferita che l’Europa ad oggi deve ancora rimarginare. 

Italia, Malta, Cipro e Grecia invitano le Ong a “rispettare” la “cornice giuridica internazionale sulle operazioni di search and rescue“. “Ogni Stato – si legge in una nota congiunta – deve effettivamente esercitare la giurisdizione e il controllo sulle navi battenti la propria bandiera”.

I quattro Paesi, inoltre, ritengono “urgente e necessaria” una discussione sul coordinamento delle Ong nel rispetto delle convenzioni internazionali”. “Tutti gli Stati di bandiera si assumano le loro responsabilità in conformità con i loro obblighi internazionali”, conclude la nota invitando l’Ue ad adottare le misure per avviare la discussione.

Dopo anni di silenzio e di umiliazioni ricevute dall’Italia, di promesse mai mantenute dall’Europa per i ricollocamenti dei migranti arriva finalmente una svolta. Il governo Meloni preparerà nel prossimo consiglio dei ministri delle nuove misure per regolare il “lavoro” delle OMG.

Viene registrato anche l’intervento del ministro degli Esteri italiano, Antonio Tajani, chegiudica la reazione francese è stata sproporzionata. “Noi sul tema migranti abbiamo posto un problema politico, non volevamo creare alcuna polemica – ha detto infatti intervistato dal Corriere della Sera – Da parte della Francia c’è stata una reazione sproporzionata, anche per questioni loro di politica interna. Vogliamo un’azione europea più forte, perché i settemila chilometri di costa italiana sono la frontiera Sud dell’Europa. Anche Manfred Weber, il presidente del Ppe, ci ha dato ragione”.

“È l’Europa che deve fare un piano, non l’Italia – ha quindi aggiunto Tajani –. Serve una scelta condivisa sul ricollocamento. Noi porremo il tema immigrazione con grande serenità e determinazione, perché il problema va avanti da anni e dobbiamo assolutamente risolverlo. Chiederò quale accordo dice che quelli italiani sono i porti dove devono sbarcare tutti i migranti. Non mi risulta che esista”.

Intanto Bruxelles fa sapere come il dossier migranti sia prioritario per l’Ue, che, dopo lo scontro tra Italia e Francia sui ricollocamenti, sta lavorando a un vertice ad hoc, con l’idea di riunire i ministri dell’Interno europei e non solo i tecnici.

La riunione potrebbe tenersi negli ultimi giorni di novembre e dovrà essere convocata dalla presidenza ceca del Consiglio europeo. La decisione ufficiale dovrebbe arrivare la prossima settimana

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento42 secondi fa

Circonvallazione ferroviaria: conclusa la seconda fase della campagna di monitoraggio ambientale

Trento42 minuti fa

Failoni umilia il Sindaco di Rovereto: «Ignori l’abc delle leggi della nostra autonomia»

Spettacolo2 ore fa

Tutti al Melotti di Rovereto per ascoltare la “Storia di Pinocchio”

Benessere e Salute2 ore fa

Tumori, 390.700 nuove diagnosi nel 2022: «Pesano i gravi ritardi accumulati durante pandemia»

Trento2 ore fa

La sanità Trentina saccheggiata dalle multinazionali: l’appello al presidente Fugatti

Trento2 ore fa

Aperto il disegno di legge per bloccare il «gender» nelle scuole trentine

Val di Non – Sole – Paganella3 ore fa

«Respect»: a Castelfondo un evento per aumentare la sensibilità verso la diversità

Val di Non – Sole – Paganella3 ore fa

Mascherine, coriandoli, stelle filanti: Spormaggiore si prepara a festeggiare il Carnevale

Fiemme, Fassa e Cembra4 ore fa

Ubriaco fradicio sulle piste da sci finisce in coma etilico

Rovereto e Vallagarina4 ore fa

Anarchici devastano i muri dei palazzi di Rovereto

Val di Non – Sole – Paganella4 ore fa

Aperta a Monclassico la “Piazzetta del riuso”

Trento6 ore fa

Trovati panetti di hashish tra le siepi del centro santa Chiara

Trento6 ore fa

Polizia di Stato: dal primo dell’anno 2.900 persone identificate e 5 arresti

Hi Tech e Ricerca6 ore fa

Trentino Startup Valley. Yore vince il Validation Day

Valsugana e Primiero6 ore fa

Avviata la gara per realizzare l’ultimo tratto della ciclabile Trento-Pergine

Trento6 giorni fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Torna in Val di Non la grande “Festa di San Romedio”

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Trento2 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Offerte lavoro1 settimana fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Vista su Rovereto3 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

economia e finanza4 settimane fa

Il colosso Amazon licenzia 18 mila dipendenti

Rovereto e Vallagarina3 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento2 settimane fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento3 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento3 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento2 settimane fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Giudicarie e Rendena1 giorno fa

Non ce l’ha fatta Luigi Poli: il gestore del Palaghiaccio di Pinzolo è morto ieri

Trento2 settimane fa

«Soliti noti», abusivismo a Villazzano: una storia tutta trentina

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Sviluppo turistico di Coredo, un gruppo di esercenti (e non) chiama a raccolta i cittadini: «Ora tocca a noi darci da fare»

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza