Connect with us
Pubblicità

Trento

Manovra finanziaria, Fugatti: un bilancio con i piedi per terra

Si spera in un avanzo di 150 milioni di euro. Si continuano gli investimenti sulle opere pubbliche

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Il presidente della Giunta nella giornata di ieri ha presentato in prima commissione la manovra di bilancio 2023.

Maurizio Fugatti, partendo dalla situazione della crisi energetica e della crescita dei tassi di interesse, ha ricordato che, dopo il 3,7% di crescita del primo trimestre 2022 (contro il previsto 3,4%), le previsioni 2023 per il Trentino sono allo 0,7 se va bene e allo 0,2 se va male.

Una situazione che preoccupa, ha aggiunto, ma non va dimenticata la verità: che a oggi rispetto alle previsioni dei mesi passati i dati non segnalano una recessione. Quindi, ha detto il presidente, dobbiamo essere consapevoli che le prospettive sono difficili, ma alla data odierna il sistema economico trentino sta tenendo.

Pubblicità
Pubblicità

Il turismo mostra dati positivi, l’artigianato sa tenendo. Ma cosa accadrà domani è difficile saperlo anche perché dipende dalla crisi energetica e dalla situazione internazionale. In sintesi, il ‘22 pare andare oltre le aspettative ed è probabile che di recessione si parlerà all’inizio del ‘23.

La Pat, ha continuato Fugatti, si sta muovendo su due linee di azione: una sul caro bollette e la carenza di liquidità, la seconda sul medio periodo continuando i programmi degli investimenti. Intanto, sono stati fatti interventi per 100 milioni anche utilizzando il fondo per le emergenze varato in assestamento, compresi i 30 milioni necessari per mantenere il tetto dell’addizionale Irpef a 25 mila euro. Eventualmente in assestamento, ha aggiunto Fugatti, verranno aggiunte risorse per mantenere l’esenzione nel ‘24.

Sulle opere pubbliche c’è il problema della crescita del 20 – 25% dei costi e quindi è stato fatto un adeguamento prezzi e interventi ulteriori per le opere della Pat e dei comuni. Con queste crescite dei costi si sono dovuti mettere in bilancio circa 150 milioni di euro per mantenere i programmi.

Pubblicità
Pubblicità

Si sarebbe potuto scegliere di tagliare qualche opera, ma, ha affermato Fugatti, dall’analisi fatta si è deciso di mantenere le opere pubbliche in essere perché hanno una funzione anti ciclica. Ci sono poi i costi del caro energia per ospedali, uffici, scuole, ospedali, comuni schizzati all’insù nel 2022 che hanno richiesto un’ulteriore spesa di 30 milioni. In sintesi, tra sostegno alle famiglie, alle imprese, bollette della Pat e costi dei lavori si sono dovuti impiegare 370 milioni.

Sulle concessioni idroelettriche, Fugatti ha confermato, che c’è una trattativa col Governo e ha ricordato che ci sono risorse esterne per 2,5 miliardi, che vengono dallo Stato e dalla Ue. Il Pnrr cha assegnato al Trentino 1,5 miliardi, compresi i 900 milioni per la circonvallazione ferroviaria di Trento.

In più ci sono i 220 milioni per le Olimpiadi e, ad esempio, i 35 milioni per la funivia Trento – Bomdone. In tutto 100 milioni, preziosi di fronte al venire meno degli arretrati (-300 milioni) e alla prevista recessione economica. Assieme a Bolzano si stanno trattando con Roma alcune partite finanziarie e, chiusa la questione dei giochi, rimane aperta quella delle accise per il gasolio da riscaldamento.

Oggi, rispetto al passato, l’Agenzia dei monopoli riesce a calcolare quanto ci è dovuto e quindi si può essere ottimisti. C’è poi la questione Imis che non è calcolata dal conto della riserva all’erario e che fa mancare 40 milioni al bilancio Pat. Col governo Meloni si tornerà a parlare della neutralità fiscale sull’Irpef e del sostegno della Pat al debito pubblico statale.

Due miliardi e mezzo da risorse esterne al bilancio Pat – Quindi, se si sommano i 2,5 miliardi di entrate esterne con l’1,8 degli investimenti di opere pubbliche Pat si arriva a oltre 4 miliardi. Ma, ha aggiunto il presidente, la crescita del costo dei materiali e delle materie prime potrebbe irrigidire ulteriormente il bilancio.

Il bilancio per il ‘23, ha aggiunto, non è un bilancio da voli pindarici ma si mantengono tutte le funzioni della Pat e si conta di programmare altri investimenti nella manovra di assestamento della prossima estate. Compreso, ha ribadito, le risorse per l’addizionale Irpef.

L’assestamento sarà comunque inferiore rispetto a quello di quest’anno che ha potuto far conto su un avanzo di 300 milioni, cifra che ragionevolmente nel ‘23 si fermerà ai 150 milioni. Inoltre Fugatti, ha ricordato che sta vendendo avanti una norma per utilizzare l’avanzo anche prima dell’assestamento.

Bonus per il terzo figlio perché c’è già la disponibilità a fare il secondo – Il presidente infine ha ricordato il bonus di 5 mila euro dal terzo figlio (un investimento di 3 milioni in via sperimentale) perché le analisi dell’Agenzia della famiglia mettono in evidenza che sta emergendo la disponibilità del secondo figlio. Sugli investimenti, ha detto ancora Fugatti, in questa manovra con i piedi per terra non ci sono grandi cose nuove, anche perché non si può andare avanti a fare debito. Per lo sviluppo economico sono previsti circa 165 milioni.

Il presidente Fugatti sugli investimenti ha replicato ad alcune osservazioni dei membri della commissione affermando che il Trentino deve mantenere una certa mole di investimenti perché questi creano la tenuta del sistema su medio periodo. E, tra l’altro, non è neppure facile tagliare opere già previste. Ha ricordato, inoltre, che già 90 milioni dei 100 del fondo emergenza dell’assestamento sono già stati utilizzati per famiglie e rincari delle materie prime e maggiori costi.

Per quanto riguarda i comuni è in corso il confronto con l’assessore Gottardi ma ha ammesso che le criticità ci sono e si sta lavorando su una forma di flessibilità del fondo ex Bim.

Ma, ha aggiunto, non c’è alcuna volontà di mettere i comuni inelle condizioni di tagliare i servizi o aumentare le tasse. Rispondendo a Tonini, il presidente ha detto che la navigazione della Giunta è stata caratterizzata da una tempesta continua. Per i finanziamenti alle piccole imprese ha ricordato, rispondendo a Vanessa Masè, che sono stati posti 23 milioni su Confidi e 2 su Coperfidi e proprio oggi è stato trovato l’accordo con le banche.

  • Pubblicità
    Pubblicità
Alto Garda e Ledro42 minuti fa

Riva del Garda, fascia lago e Palafiere: ieri l’incontro con l’assessore Spinelli

Piana Rotaliana43 minuti fa

Investito da un camion mentre cambia una gomma dell’auto, 39 enne gravissimo

Val di Non – Sole – Paganella2 ore fa

A fuoco una canna fumaria, limitati i danni

Val di Non – Sole – Paganella2 ore fa

Marilleva: ruba uno snowboard sulle piste, rintracciato e denunciato padre insospettabile

Giudicarie e Rendena2 ore fa

È grave al Santa Chiara il 68 enne trovato ieri nella vasca di smaltimento del ghiaccio

Fiemme, Fassa e Cembra4 ore fa

Ospedale Cavalese, Fugatti: «Pronti a sostenere la decisione dei territori»

Fiemme, Fassa e Cembra4 ore fa

Brt di Fiemme e Fassa, l’analisi delle 130 osservazioni formulate dai Comuni

Fiemme, Fassa e Cembra4 ore fa

Val di Fassa, operazione «Sciamano 2»: arrestate 14 persone per spaccio di droga

Sport Trentino4 ore fa

A Gennaio Trentino protagonista sui media nazionali

Trento4 ore fa

Tossicodipendente aggredisce tabaccaio in Corso 3 novembre

Trento5 ore fa

Medicina, nominati i primi quattro professori clinici ma manca la sede. Polemica fra il rettore e Segnana

Val di Non – Sole – Paganella5 ore fa

Sono aperte le domande per la nuova assegnazione degli orti comunali a Cles

Valsugana e Primiero6 ore fa

Borgo Valsugana: La storica bottega Cicli Debortoli oggi chiude i battenti dopo 63 anni di attività

Trento12 ore fa

Elezioni provinciali: nuova fumata nera, rimangono in lizza Fugatti e Gerosa

Val di Non – Sole – Paganella16 ore fa

A Coredo un “canto di speranza” capace di toccare l’anima

Trento4 giorni fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Trento4 settimane fa

Dramma a Trento: ricercatrice muore a 42 anni per un malore improvviso

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Torna in Val di Non la grande “Festa di San Romedio”

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragedia di Capodanno: è morta la 25 enne roveretana Valentina Vallenari Benedetti, troppo gravi le ferite riportate nell’incidente lo scorso 31 dicembre

Trento2 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Offerte lavoro5 giorni fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Vista su Rovereto2 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

economia e finanza4 settimane fa

Il colosso Amazon licenzia 18 mila dipendenti

Rovereto e Vallagarina3 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento1 settimana fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento3 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento3 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento2 settimane fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Trento4 settimane fa

Lutto nell’azienda sanitaria: muore a 58 anni Martina Liber

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza