Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

Rivedono la luce dopo 2.300 anni: rinvenute in Toscana oltre 24 statue di bronzo

Pubblicato

-

@ANSA
Pubblicità

Pubblicità

Sono riemersi dal fango, dopo essere rimasti coperti e nascosti per circa 2.300 anni: negli scavi di San Casciano dei Bagni, in Toscana, 24 splendide statue di raffinato bronzo sono ritornate a vedere la luce del sole.

Adagiato sul fondo della vasca romana, il giovane Efebo – bellissimo – sembra quasi dormire. Accanto a lui c’è Igea, la dea della salute che fu figlia o moglie di Asclepio, un serpente arrotolato sul braccio. Poco più in là, ancora in parte sommerso dall’acqua, si intravede Apollo e poi ancora divinità, matrone, fanciulli, imperatori.

Protette per 2.300 anni dal fango e dall’acqua bollente delle vasche sacre, è riemerso in questi giorni un deposito votivo mai visto, con oltre 24 statue in bronzo di raffinatissima fattura, cinque delle quali alte quasi un metro, tutte integre e in perfetto stato di conservazione.

Una scoperta che riscriverà la storia e sulla quale sono già al lavoro oltre 60 esperti di tutto il mondo” ha annunciato in anteprima all’ANSA l’archeologo Jacopo Tabolli. Il giovane docente dell’Università per Stranieri di Siena, dal 2019 è alla guida del progetto con la concessione del ministero della Cultura e il sostegno anche economico del piccolo comune.

Un tesoro “assolutamente unico, sottolinea, che si accompagna ad una incredibile quantità di iscrizioni in etrusco e in latino e al quale si aggiungono migliaia di monete oltre ad una serie di altrettanto interessanti offerte vegetali.

Insediato da una manciata di giorni, il ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano ha già visitato il laboratorio di restauro che ha appena accolto le statue: “Un ritrovamento eccezionale che ci conferma una volta di più che l’Italia è un paese fatto di tesori immensi e unici. La stratificazione di diverse civiltà è un unicum della cultura italiana“.

Pubblicità
Pubblicità

“La scoperta più importante dai Bronzi di Riace e certamente uno dei ritrovamenti di bronzi più significativi mai fatti nella storia del Mediterraneo antico” Ha commentato poi il DG musei del MiC Massimo Osanna, che ha da poco approvato l’acquisto del palazzo che ospiterà nel borgo senese le meraviglie restituite dal Bagno Grande, un museo al quale si aggiungerà in futuro un vero e proprio parco archeologico.

Realizzate con tutta probabilità da artigiani locali, le 24 statue appena ritrovate si possono datare tra il II secolo avanti Cristo e il I dopo.

Il santuario, con le sue piscine ribollenti, le terrazze digradanti, le fontane, gli altari, esisteva almeno dal III secolo a.C. e rimase attivo fino al V d.C. Venne poi chiuso in epoca cristiana, quando le vasche vennero sigillate con blocchi di pietra e le divinità raffigurate affidate alla protezione dell’acqua.

È grazie alla chiusura delle vasche che queste opere sono rimaste intatte e perfettamente conservate da fango e acqua bollente. 

Nella zona degli scavi – e in tutta l’area della Toscana e del Centro Italia – la lingua etrusca sembra essere sopravvissuta ben più a lungo di quanto le date canoniche riportano. Così come sembra esserci stata una coesione delle due culture (etrusca e latina) e delle loro tradizioni. Una convivenza pacifica, fatta di nomi che cambiano ma di culti e divinità molto simili per non dire identiche.

Saranno poi gli storici e gli studiosi a trovare le risposte alle domande che aleggiano intorno a questa incredibile e stupefacente scoperta. Senza dubbio, sarà un capitolo completamente nuovo della storia antica.

@ANSA, San Casciano – Fasi di scavo di una statua maschile

@ANSA, L’area degli scavi con le piscine, San Casciano dei Bagni

  • Pubblicità
    Pubblicità
Io la penso così…4 settimane fa

«Il Trentino Alto Adige, un luogo da sogno con persone (spesso turisti) da incubo»

Trento4 settimane fa

Dramma a Trento: ricercatrice muore a 42 anni per un malore improvviso

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Torna in Val di Non la grande “Festa di San Romedio”

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragedia di Capodanno: è morta la 25 enne roveretana Valentina Vallenari Benedetti, troppo gravi le ferite riportate nell’incidente lo scorso 31 dicembre

Trento2 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Vista su Rovereto2 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

Trento1 giorno fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

economia e finanza3 settimane fa

Il colosso Amazon licenzia 18 mila dipendenti

Rovereto e Vallagarina2 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Offerte lavoro2 giorni fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Trento2 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento7 giorni fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento3 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento1 settimana fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza