Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

Cromologia: a Palazzo Assessorile di Cles inaugurata la mostra sul colore legato alla cultura trentina

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

E’ stata inaugurata a Cles sabato 29 ottobre la mostra “Cromologia.

Traiettorie asincrone nell’arte e nella cultura trentina”. Palazzo Assessorile ospiterà questa collettiva di artisti trentini, nonesi e clesiani nell’ottica del colore e delle sue sfumature nell’artigianato, nella natura, negli oggetti di uso comune, che fanno parte da tempo immemorabile della cultura trentina, con uno sguardo particolare alla valle e alla borgata.

Una mostra tutta da vedere, che abbina giovani artisti ad artisti consolidati, che affianca moderne creazioni ed installazioni a oggetti antichi, collocati nelle stanze del Palazzo creando con esse un tutt’uno teatrale e sincrono, la cui tematica rimane sempre e comune il colore.

Un approccio diverso quello di questa esposizione rispetto alle precedenti, nella quale il visitatore può addentrarsi in scenari spettacolari attentamente costruiti nelle stanze del medievale Palazzo Assessorile, che fungono da cornice ideale per queste incredibili opere d’arte.

Nella preview precedente l’inaugurazione i curatori Federico Mazzonelli e Gabriele Lorenzoni spiegano: «Il titolo rivela l’approccio volutamente radicale, a-scientifico, militante, totalmente sbilanciato sul fronte aniconico, che la mostra vuole evocare, esercizio di pensiero laterale e motore di costruzioni intellettuali insolite: Cromologia.

Un neologismo, un gioco di parole che genera una crasi e un fraintendimento fra Cronologia e Cromatico. Cromologia indica il metodo che ci siamo dati: portare a galla una serie di realtà, attestazioni, esperienze, espressioni della cultura materiale o artistica o addirittura della natura spontanea, geologica e incontrollabile, di epoche fra loro distanti, nell’ambito di un atteggiamento totalmente asincrono rispetto alle cronologie ufficiali. 11 artisti e artiste contemporanei, di cui 9 in attività e 2 storici, vedono le loro opere messe in dialogo con oggetti lontani nel tempo, nello spazio e, talvolta, pure nella sensibilità».

Pubblicità
Pubblicità

Ogni stanza ospita un colore: si va dal grigio cemento che riporta alla diga di Santa Giustina costruita con il cemento Tassullo, al rosso dei lastroni calcarei sui fianchi delle montagne e del lago che circondano la valle, con i quali si producevano le terrecotte usate per creare le chincaglierie, le tipiche ‘scodelle’ clesiane da cui prendono nome gli abitanti di Cles, detti appunto ‘Scudelari’, passando dal verde, classico colore delle antiche stufe ad olle realizzate a Sfruz, al giallo del marmo di Castione di Brentonico che rimanda all’oro usato per i paramenti sacri tessuti e ricamanti dalla storica Manifattura Viesi di Cles, agli argenti dei preziosi candelabri della Parrocchia di Cles, donati nel 1700 circa da un benefattore, ai vetri soffiati delle damigiane usate per contenere il vino prodotto dai contadini, colori che si fondono perfettamente con le pareti bianche/rosse del Palazzo.

Commenta il Sindaco di Cles, nonchè Assessore alla Cultura, Arch. Ruggero Mucchi: “Quando nel 2020 abbiamo impostato il programma per le esposizioni a Palazzo Assessorile, dopo la serie di mostre antologiche, e prima del centenario dalla scomparsa del pittore Bartolomeo Bezzi, abbiamo pensato che era ora di fare qualcosa di diverso; puntare di più sui visitatori con tematiche sempre diverse, che avvicinino maggiormente i giovani all’arte, proponendo esperienze non usuali per Cles, un’esposizione più emozionale.

A lavorare sull’astrattismo torna Gabriele Lorenzoni, dopo la mostra di Adolf Vallazza, e propone artisti molto giovani in una collettiva, addentrandosi nella contemporaneità. Quando ho visto il volantino sono rimasto un po’ basito, e i curatori Lorenzoni e Mazzonelli mi hanno detto: “Era quello che volevamo.” E’ difficile pensare ad un volantino in bianco e nero quando si parla di colori, ma il bianco/nero è proprio il sunto dei colori.”

Presente il neo Assessore alla Cultura della Comunità di Valle Andrea Biasi che spiega: “Quando i curatori sono venuti a chiedermi una stufa ad olle per una mostra sull’astrattismo non ero ancora Assessore, e sono rimasto molto stupito; ma come Associazione Antiche Fornaci di Sfruz abbiamo subito acconsentito. Questa è una mostra ambiziosa, presenta una relazione che non ti aspetti, arte antica affiancata ad arte astratta“.

Artiste e artisti in mostra: Italo Bressan, Mauro Cappelletti, Annamaria Gelmi, Micol Grazioli, Diego Mazzonelli, Angelo Demitri Morandini, Gianni Pellegrini, Federico Seppi, Rolando Tessadri, Rolando Trenti, Maddalena Zadra. Con un omaggio ad Aldo Schmid.

Collaborazioni: la mostra vede la collaborazione di Roberta Menapace, il coordinamento di Sara Lorengo e Laura Paternoster dell’Ufficio Cultura – Comune di Cles. Immagine coordinata Angelica Stimpfl, allestimento Arteam, Trento, Pedrotti Legno, Trento.

Grazie al generoso contributo dei prestatori e di quanti hanno sostenuto il progetto espositivo: Associazione Antiche Fornaci Sfruz, Cantina LasteRosse, Comune di Sfruz, Comune di Brentonico, Gruppo Miniera San Romedio, Museo Diocesano Tridentino, Unità Pastorale di Santo Spirito – Andrea Biasi, Domizio Cattoi, Grazia Corradini Schmid, Roberto Covi, Bruno Gazza, Patrizia Poli, Fabrizio Pozzatti, Silvia Tadiello, Marta Trenti, Giorgio Viesi, Franco Zadra, Renzo Zeni.

Orari: dal martedì alla domenica 10-12 / 15-18; lunedì chiuso tranne il 31 ottobre e 26 dicembre; chiusure straordinarie 25 dicembre e 1° gennaio  – Apertura fino al 23 febbraio 2023

 

 

 

 

 

 

 

 

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento25 minuti fa

Failoni umilia il Sindaco di Rovereto: «Ignori l’abc delle leggi della nostra autonomia»

Spettacolo1 ora fa

Tutti al Melotti di Rovereto per ascoltare la “Storia di Pinocchio”

Benessere e Salute2 ore fa

Tumori, 390.700 nuove diagnosi nel 2022: «Pesano i gravi ritardi accumulati durante pandemia»

Trento2 ore fa

La sanità Trentina saccheggiata dalle multinazionali: l’appello al presidente Fugatti

Trento2 ore fa

Aperto il disegno di legge per bloccare il «gender» nelle scuole trentine

Val di Non – Sole – Paganella3 ore fa

«Respect»: a Castelfondo un evento per aumentare la sensibilità verso la diversità

Val di Non – Sole – Paganella3 ore fa

Mascherine, coriandoli, stelle filanti: Spormaggiore si prepara a festeggiare il Carnevale

Fiemme, Fassa e Cembra3 ore fa

Ubriaco fradicio sulle piste da sci finisce in coma etilico

Rovereto e Vallagarina3 ore fa

Anarchici devastano i muri dei palazzi di Rovereto

Val di Non – Sole – Paganella4 ore fa

Aperta a Monclassico la “Piazzetta del riuso”

Trento5 ore fa

Trovati panetti di hashish tra le siepi del centro santa Chiara

Trento6 ore fa

Polizia di Stato: dal primo dell’anno 2.900 persone identificate e 5 arresti

Hi Tech e Ricerca6 ore fa

Trentino Startup Valley. Yore vince il Validation Day

Valsugana e Primiero6 ore fa

Avviata la gara per realizzare l’ultimo tratto della ciclabile Trento-Pergine

Bolzano7 ore fa

Colonnello dei carabinieri sospeso per dieci mesi, due le ipotesi di reato

Trento6 giorni fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Torna in Val di Non la grande “Festa di San Romedio”

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Trento2 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Offerte lavoro1 settimana fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Vista su Rovereto3 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

economia e finanza4 settimane fa

Il colosso Amazon licenzia 18 mila dipendenti

Rovereto e Vallagarina3 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento2 settimane fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento3 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento3 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento2 settimane fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Giudicarie e Rendena1 giorno fa

Non ce l’ha fatta Luigi Poli: il gestore del Palaghiaccio di Pinzolo è morto ieri

Trento2 settimane fa

«Soliti noti», abusivismo a Villazzano: una storia tutta trentina

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Sviluppo turistico di Coredo, un gruppo di esercenti (e non) chiama a raccolta i cittadini: «Ora tocca a noi darci da fare»

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza