Connect with us
Pubblicità

Telescopio Universitario

Covid, Europa favorevole a vaccinazioni eque a livello globale

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

L’accesso alle vaccinazioni contro Covid rimane segnato da un’alta diseguaglianza tra Nord e Sud del mondo. L’Università di Trento, con Giuseppe A. Veltri del Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale, ha partecipato a una ricerca internazionale per studiare l’orientamento della cittadinanza di sei paesi europei sulle priorità nella distribuzione dei vaccini. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista medica internazionale eLife.

Dallo studio, che è stato coordinato dalla Technische Universität München e ha coinvolto oltre seimila persone residenti in sei paesi europei, emerge un generale sostegno a favore del trasferimento dei vaccini contro Covid-19 a soggetti vulnerabili dei paesi più poveri.

A schierarsi per una copertura vaccinale equa a livello globale sono state soprattutto le donne, le persone più giovani e quelle con più alta istruzione. Le più restie a trasferire i vaccini al di fuori del nord del mondo sono sembrate le persone con maggiore rischio di malattia grave.

Pubblicità
Pubblicità

«Comprendere la posizione dell’opinione pubblica rispetto alla distribuzione globale del vaccino contro Covid-19 è di primaria importanza per promuovere politiche di vaccinazione più eque» afferma Janina Steinert, professoressa associata alla School of Social Sciences and Technology della Technische Universität München, Germania.

«È improbabile che i governi donino vaccini a paesi meno ricchi o che partecipino ad alleanze globali per le vaccinazioni se pensano che ne dovranno pagare il prezzo alle elezioni». Steinert e Henrike Sternberg, ricercatrice e dottoranda della Technische Universität München, sono le principali autrici dello studio.

Per misurare l’opinione pubblica riguardo alla distribuzione dei vaccini in Europa, il gruppo di ricerca ha reclutato un campione di 6030 persone favorevoli alla vaccinazione ma non ancora vaccinate in Francia, Germania, Italia, Polonia, Spagna e Svezia.

Pubblicità
Pubblicità

Gli esperimenti sono stati condotti in Germania nell’aprile 2021, nel mezzo della terza ondata di Covid-19, e negli altri cinque paesi nel giugno 2021, in un periodo di relativa tregua. L’esperimento online chiedeva di dare priorità nella somministrazione del vaccino tra una persona del loro paese, con un solido sistema sanitario, e una persona in un paese a basso reddito con meno risorse per la sanità pubblica. Il gruppo di partecipanti comprendeva persone diverse per età, rischio di morte da Covid-19 e status occupazionale.

I partecipanti di tutti e sei i paesi hanno dato la priorità alle persone più vulnerabili, indipendentemente dal fatto che queste vivessero nel loro paese. Hanno anche dato la priorità alle persone occupate, a quelle impiegate nei settori più a rischio (frontline workers) e a quelle che hanno perso reddito durante la pandemia rispetto alle persone disoccupate.

A parità di caratteristiche, in Italia, Francia, Svezia e Spagna si è data la massima priorità a chi proviene da paesi a basso reddito, mentre in Germania è stata maggiore la propensione per connazionali. Le autrici suppongono che le ragioni di questa posizione siano diverse. In Germania, infatti, la ricerca è stata condotta in un periodo di forte incremento dei contagi, ha coinvolto persone di età più avanzata e dal maggiore rischio di infezione.

«Speriamo che i responsabili politici trovino utili queste osservazioni per prevedere quali gruppi sosterrebbero la donazione di vaccini ad altri paesi e quali gruppi abbiano invece bisogno di più informazioni sui vantaggi di una distribuzione globale dei vaccini» commenta Sternberg.

Secondo Tim Büthe, co-autore dello studio e professore e responsabile delle relazioni internazionali alla Technische Universität München, lo studio dimostra che i governi europei dovrebbero attendersi un forte sostegno pubblico a favore di una distribuzione equa dei vaccini.

«Si può presumere che il sostegno dell’opinione pubblica alla donazione di vaccini ai paesi del sud del mondo sia ancora maggiore oggi, dal momento che ora le persone più a rischio nei paesi in cui si è svolta l’indagine sono state vaccinate o hanno persino ricevuto la dose di richiamo» osserva Büthe.

«Inoltre, la disponibilità di nuovi vaccini specifici per le varianti e di dosi di richiamo rinnova l’urgenza di combattere la disuguaglianza globale nella distribuzione dei vaccini» aggiunge Giuseppe A. Veltri, professore di scienze sociali computazionali e sociologia cognitiva al Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’Università di Trento.

Approfondimenti – L’articolo, dal titolo “How should COVID-19 vaccines be distributed between the global north and south: a discrete choice experiment in six european countries”, è stato scritto da Janina I. Steinert, corresponding author, Henrike Sternberg e Tim Büthe (Technical University of Munich, Germany) e Giuseppe A. Veltri (Università di Trento, Italia).

Pubblicato il 18 ottobre 2022 sulla rivista medica eLife, è disponibile in Open Access su: https://doi.org/10.7554/eLife.79819

Lo studio fa parte del progettoPeriscope – Pan-European Response to the ImpactS of Covid-19 and future Pandemics and Epidemics”, che ha ricevuto finanziamenti UE per 10 milioni di euro e che vede 32 istituzioni partner di 15 paesi europei impegnate nello studio dell’impatto sociale, politico ed economico della pandemia.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
rel="nofollow"Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Alto Garda e Ledro59 minuti fa

Rolex finisce negli oggetti smarriti del comune, la polizia Locale però scopre che è un falso

Trento1 ora fa

Vigili del fuoco volontari, la nuova sede a Ravina nei pressi dell’uscita A22

Trento2 ore fa

Corte dei Conti, nominato l’ex Commissario del Governo, Gianfranco Bernabei

Italia ed estero2 ore fa

Piccolo miracolo in Siria, neonata trovata viva tra le macerie

Val di Non – Sole – Paganella2 ore fa

Alla Csen Arena di Cavareno arrivano i campi da padel

Le ultime dal Web2 ore fa

Il web si scatena: chi è e perché nelle ultime ore viene nominato Frank Hoogerbeets?

Val di Non – Sole – Paganella2 ore fa

“Predaia Arte & Natura”: aperte le iscrizioni alla quinta edizione del simposio di scultura

Rovereto e Vallagarina3 ore fa

L’eresia della giovinezza: una serata dedicata a Sylvano Bussotti nelle sale della mostra “Eretici. Arte e vita”

Tecnologia3 ore fa

Wired Next Fest Trentino: presentato stamattina il nuovo festival

Trento3 ore fa

Patt in assemblea, Marchiori: «Parleremo con i candidati presidenti»

Trento3 ore fa

Il carnevale a Trento: ecco il programma di tutte le manifestazioni

Rovereto e Vallagarina3 ore fa

La bimba ha fretta di nascere: parto in ambulanza lungo la strada statale 240

Trento4 ore fa

Autonomia differenziata: positivo il giudizio di Maurizio Fugatti

Arte e Cultura4 ore fa

Anno accademico del Bonporti: Bisesti al concerto di inaugurazione

Trento5 ore fa

Sanità trentina: nel 2022 i medici gettonisti sono stati 90

Trento2 settimane fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Trento2 giorni fa

È finita la storia d’amore tra Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez

Valsugana e Primiero4 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Offerte lavoro2 settimane fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Vista su Rovereto3 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento2 settimane fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento4 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento4 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Giudicarie e Rendena6 giorni fa

Non ce l’ha fatta Luigi Poli: il gestore del Palaghiaccio di Pinzolo è morto ieri

Trento3 settimane fa

«Soliti noti», abusivismo a Villazzano: una storia tutta trentina

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Sviluppo turistico di Coredo, un gruppo di esercenti (e non) chiama a raccolta i cittadini: «Ora tocca a noi darci da fare»

Rovereto e Vallagarina6 giorni fa

Trovato morto in casa un 60 enne di Rovereto

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza