Connect with us
Pubblicità

Musica

Trenta anni fa moriva il grande Augusto Daolio

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

30 anni fa come oggi moriva uno dei più grandi interpreti della musica italiana. Stiamo parlando di Augusto Daolio, il fondatore dei Nomadi.

Augusto moriva a soli 45 anni per un cancro ai polmoni lasciando un vuoto che rimane ancora a distanza di 30 anni. «Fumava troppo, dormiva poco e faceva quello che un cantante non dovrebbe fare» – disse Beppe Carletti l’indomani della sua morte. 

Nel 1992 ad Augusto Daolio veniva diagnosticato un tumore ai polmoni. A gennaio di quell’anno era stato ricoverato nel reparto di pneumologia dell’ospedale di Reggio Emilia e da lì in poi deve intervallare i periodi on the road a quelli in ospedale, restando però caparbiamente sul palco fino a che la sua malattia glielo consente (l’ultimo concerto si tiene il 7 agosto, vicino a Genova).

Pubblicità
Pubblicità

La sua morte segue di pochi mesi quella del bassista dei Nomadi Dante Pergreffi che il 14 maggio muore in un incidente d’auto, ad appena 30 anni.

Io vagabondo, forse la canzone simbolo del gruppo, è del 1972 e fu scritta da lui, cofondatore del gruppo insieme a Beppe Carletti. Daolio morì a soli 45 anni nel 1992 lasciando in eredità a tutto il gruppo e alla musica italiana la sua voce e soprattutto i suoi testi, carichi anche di politica come era caratteristico quegli anni.

Il primo album della band è datato 1967, Per quando noi non ci saremo, e il secondo, I Nomadi, comprende anche Canzone per un’amica. Il brano è di Francesco Guccini ma Daolio lo amava così tanto che lo volle incidere anche lui e inserirlo nell’album. Guccini lo scrisse per il suo primo lavoro, Folk beat n. 1., e fu messo nell’album all’ultimo minuto, quando seppe della morte di una sua cara amica, Silvana Fontana, avvenuta in autostrada.

Pubblicità
Pubblicità

Oltre all’istituzione di un premio in suo onore sono stanti gli artisti italiani che l’hanno omaggiato dedicandogli delle canzoni. Nel 1993 i Litfiba scrissere Sotto il vulcano, nel ’95 gli stessi Nomadi Ricordati, brano dell’album Lungo le vie del ventoZucchero nel 1999 con Arcord lo omaggiò inserendo una parte de Canzone della bambina portoghese cantata da Daolio nel 1974.

Ma la musica dei Nomadi ha anche ispirato le band giovanili di Levico e della Valsugana. All’inizio degli anni 60 i Nomadi infatti iniziano i primi “live” proprio a Levico Terme trascinando i giovani trentini al Lido di Levico con le prime canzone Beat ribelli. Daolio insieme ai nomadi tornò nuovamente in Trentino a metà degli anni 70 suonando varie volte al Paradisi Number one di Pergine.

«Io Vagabondo», «un pugno di sabbia», «voglio vivere», «ho difeso il mio amore», «ala bianca», «canzone per un’amica», «il vecchio e il bambino», «Dio è Morto», «voglio vivere» sono solo alcune delle canzoni che hanno decretato il successo eterno di Augusto Daolio. La sua voce, il suo modo di stare sul palco, la sua umiltà lo hanno reso un grande uomo oltre che un artista non solom musicale.

Spirito libero, un po’ Bob Dylan, un po’ Francesco Guccini, ha lasciato in eredità alcune delle canzoni più belle degli anni Sessanta e Settanta che hanno segnato intere generazioni che tutt’ora ascoltano ancora la sua voce con emozione e nostalgia di una musica che esiste più.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento55 minuti fa

Il turismo trentino cerca personale: ecco come candidarsi

Trento1 ora fa

Sabato la festività di S. Barbara: in piazza Duomo i Vigili del fuoco volontari

Arte e Cultura2 ore fa

Venerdì 2 inaugurazione della mostra «Cinque percorsi d’arte si incontrano» in sala Thun

Valsugana e Primiero2 ore fa

“Frontiere-Grenzen”, il Premio letterario internazionale delle Alpi, finisce qui la sua avventura culturale

Italia ed estero2 ore fa

Agrigento: litiga col cardiologo e gli spara, fermato un 47 enne

Italia ed estero2 ore fa

Tragedia Ischia, la procura indaga per gli allarmi inascoltati: le autorità competenti sapevano del rischio

Val di Non – Sole – Paganella3 ore fa

Rocambolesco incidente al tornante sopra l’abitato di Denno: coinvolti un autoarticolato e due vetture

Trento3 ore fa

Spaccio: 3 denunce e 17 segnalazioni per uso personale. Fra di loro anche un 14 enne

Italia ed estero3 ore fa

Guerra, Tajani: “La Nato proteggerà i Balcani e i vicini dell’Ucraina”. Ue propone tribunale per crimini russi

Trento3 ore fa

Levata di scudi tra Fp Cgil e Muse: «Ancora una volta si rimbalzano le responsabilità»

Trento3 ore fa

Gallerie Martignano: da dicembre saranno attivi gli autovelox

Val di Non – Sole – Paganella3 ore fa

L’UPT di Cles sabato 3 dicembre presenta “Scuola aperta” per illustrare il nuovo programma formativo

Italia ed estero3 ore fa

Manovra, Meloni convoca i sindacati: “Servono misure che combattono disuguaglianze. Avanti con la mobilitazione”

Io la penso così…4 ore fa

Calcio giovanile troppo violento, anche sulle tribune

Hi Tech e Ricerca4 ore fa

Il cloud riduce del 76% i costi informatici: Esakon protagonista al Forum N.A

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Monica Cadau perde il ricorso al TAR e dovrà risarcire il comune di Borgo e il Ministero

Trento2 settimane fa

A Trento è arrivata “Pokè Monade”, la Poke trentina!

Trento7 giorni fa

Avvistato un branco di lupi tra Centa San Nicolò e Caldonazzo

Trento3 settimane fa

Occupa abusivamente 3 parcheggi da anni e nessuno fa nulla

Val di Non – Sole – Paganella1 settimana fa

Morte neonato a Cles: era già successo 42 anni fa

Trento1 settimana fa

I pendolari della sanità trentina: «È l’unico modo per curarsi e rimanere in vita»

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Massimiliano Lucietti è morto mentre era a terra per sparare

Trento3 settimane fa

Le sconcertanti e imbarazzanti parole di Antonio Ferro sulle Oss trentine

Le ultime dal Web2 settimane fa

Tesla Model Y impazzita uccide due persone – IL VIDEO

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Non più lezioni, ma esperienze in montagna. A Molveno apre la nuova «Non scuola di sci»

Trento3 settimane fa

Non poteva essere l’avvocato della Provincia di Trento. La corte dei Conti chiede 113 mila euro di risarcimento a Giacomo Bernardi

Trento2 settimane fa

Gardolo: autobus va contro un’auto, manda a quel paese il guidatore e scappa

Trento2 settimane fa

Trento in lutto, è morto Rinaldo Detassis fondatore di Elettrocasa

Trento3 settimane fa

Paura in Trentino per una scossa di Terremoto

Rovereto e Vallagarina5 giorni fa

Via libera per la costruzione della mega stalla a Terragnolo. La polemica però continua

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza