Connect with us
Pubblicità

L'Editoriale

Maurizio Fugatti: tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino

Errori e promesse mai mantenute indicano ormai il crepuscolo della sua avventura in Piazza Dante

Pubblicato

-

“Meglio tirare a campare che tirare le cuoia”: diceva così Giulio Andreotti da Presidente del Consiglio dei Ministri, quando si avvicinava nell’aria una crisi di governo.

Maurizio Fugatti, invece, che dei democristiani vorrebbe emularne le azioni, pur non avendone la caratura culturale, preferisce rimanere in silenzio.

Che la sua Giunta sia ormai al capolinea è un dato scontato negli ambienti della politica provinciale. A tal punto che Fratelli d’Italia se ne guarda bene dall’entrarci per evitare il rischio di rimanere coinvolta politicamente nelle prossime scelte di Maurizio Fugatti.

Il sorpasso, quasi raddoppio, di Fratelli d’Italia alle politiche dello scorso 25 settembre rispetto alla provincia di Trento ha disarcionato gli equilibri che il presidente leghista aveva immaginato: l’alleanza (precaria e mai confermata perché ad oggi inesistente) con il Patt e il rapporto sempre più solido con “l’africano” Grisenti e col suo portavoce in Giunta, il vice Presidente Mario Tonina.

Il voto dello scorso 25 settembre ha spazzato via tutto. Fratelli d’Italia, pur non esplicitandolo con il suo commissario, il neo deputato Alessandro Urzì, ha fatto intendere che il partito di Giorgia Meloni per le provinciali del prossimo anno (autunno 2023) punterà verso una nuova leadership del centrodestra per la guida della Provincia autonoma di Trento.

Nei palazzi romani il ragionamento che si fa è questo: nel ‘23 Lombardia, Trentino e Friuli Venezia Giulia andranno al rinnovo delle rispettive amministrazioni. Fedriga, il presidente friuliano, sembra l’unico che sarà confermato, visti i buoni rapporti con Giorgia Meloni, premier in pectore.

Pubblicità
Pubblicità

Le aspirazioni “meloniane” vanno dirette sulla locomotiva del Paese, la Lombardia, e sulla guida di un territorio autonomo come il Trentino, per sdoganare definitivamente il suo partito rispetto al ventennio fascista.

I consiglieri del Presidente Fugatti sono trincerati nel silenzio. A microfoni spenti qualcuno, chiedendo di rimanere in anonimo, accusa Salvini del tonfo elettorale e del prossimo bagno di sangue in vista delle provinciali del prossimo anno.

Tuttavia i segnali che il voto sia stato una bocciatura sull’amministrazione provinciale è del tutto evidente. L’elettore leghista non ha digerito la “persecuzione” subita da chi non si è vaccinato (tutti i governatori della Lega hanno spinto molto su questo), la gestione sanitaria trentina passata dal primo al sesto posto nazionale e le code per le visite con prenotazioni anche oltre i 12 mesi con il conseguente sprerpero di denaro per le visite a pagamento.

L’elettore storico della lega non ha gradito nemmeno la capovolta avuta sui temi “caldi” come sull’inceneritore e l’abolizione delle Comunità di Valle. La sicurezza e la lotta contro la droga, temi caldi sbandierati in campagna elettorale e cavalli di battaglia delle lega dell’opposizione risultano non pervenuti, mentre Orsi e Lupi aumentano proporzionalmente alle stragi di ovini ed equini.

Questa settimana il centro Bruno festeggia i 20 anni dalla nascita, e molti militanti si stanno chiedendo come mai non sia stato chiuso e sgomberato 4 anni fa. E mentre centri sociali e anarchici se la ridono prendendo in giro i militanti delle lega in tanti si chiedono anche dove sia finita la valorizzazione del patrimonio Itea e che fine abbiano fatto i 1.250 alloggi che sono rientrati in possesso della Società e che non risultano disponibili alla locazione alla data in cui viene fotografato lo stato del patrimonio della Società destinato alla locazione abitativa.

Molti elettori della lega non hanno gradito inoltre i baci e gli abbracci con il Sindaco Franco Ianeselli e nemmeno alcune strampalate nomine di personaggi della sinistra dentro il governo leghista. E anche il silenzio dei consiglieri comunali della lega ora diventa pesante e pieno di interrogativi.

Alcuni militanti sperano in un recupero parlando di «rivincita» o di voto «liquido» e i vertici della lega per tenere buoni i pochi rimasti si affrettano a dire che quello di domenica 25 settembre è stato un voto nazionale, scordardo clamorosamente cosa successe nel 2018.

Qualcuno tira fuori anche l’esempio dei grillini di Conte che dopo il crollo si sono riposizionati e che crescono. Ma Conte & Company sbandierano il reddito di cittadinanza, al contrario la lega invece non ha più nulla da mettere sul piatto. Anche lo slogan tanto caro a Fugatti, «Prima i Trentini» non esiste più, perché non ci sono più i trentini che voteranno lega. Tutto qui.

Lo scontento nel gruppo consigliare è evidente, anche se tutti ben si guardano da esporsi con dichiarazioni ufficiali. “Gli chiediamo (a Fugatti ndr) un incontro per una questione – racconta in segreto un consigliere provinciale leghista – e ci manda dal dirigente che ci riceve dopo una settimana”.

I consiglieri sanno bene che la forza della lega in consiglio alle prossime elezioni sarà come minimo dimezzata e il malessere e il disagio presto lascerà il posto al nervosismo. Sono gli stessi numeri del 2018 che portarono la lega al potere in Trentino a dirlo.

La coperta è corta, troppo corta, e coloro che rimarranno esclusi magari dopo aver lavorato per 6 mesi in campagna elettorale a vantaggio dei 5 o 6 che entreranno in consiglio (potrei persino farne ora i nomi con poco margine di errore) non la prenderanno molto bene.

Archimede da Siracusa si starà girando nella tomba pensando che la matematica non è certo una opinione e che se nel 2018 la lega si portò in dote alle provinciali il 24% del 27% del ciclone Salvini, questa volta succederà la stessa cosa a vantaggio però di Fratelli d’Italia.  E indovinate dove il partito della Meloni andrà a prendere questi voti? 

Fugatti ha perso tempo nel correre dietro ad un sogno irragiungibile dimostrando ancora una volta di non sapere leggere le tabelline. Lega, parte del Patt, qualche civica e Renzi – Calenda (questo l’obiettivo di Fugatti) valgono insieme solo il 20/22%, cioè meno di quello che conta oggi solo Fratelli d’Italia in Trentino (25,5% in forte crescita). Ebbene, per superare il 40% Fugatti dovrebbe stringere un allenza con PD. Fate voi.

A Fugatti è sfuggita la cosa più semplice del mondo: sommando i voti di lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia e qualche civica avrebbe la maggioranza da un bel pezzo e anche la sicurezza di avere un nuovo mandato di governatore. Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino. 

La mancata elezione alla Camera dei Deputati del commissario del partito Diego Binelli, tornato al lavoro in questi giorni presso il Comune di Strembo, è l’ulteriore segnale che il rapporto territoriale che una volta il partito vantava avere, oggi non esiste più. Fatti e segnali che, per l’attuale governatore, sembrano ormai indicare il crepuscolo della sua avventura in Piazza Dante.

Ora il governatore dovrà decidere se allearsi con il centro destra (quello vero) oppure lasciare campo aperto al ritorno della sinistra al potere in Trentino. Un’eventualità piuttosto imbarazzante e a dir poco inquietante. 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento3 ore fa

Forte vento, ieri 30 interventi dei Vigili del fuoco sul territorio

Trento5 ore fa

È finita la storia d’amore tra Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez

Trento5 ore fa

A Palazzo Geremia il sindaco incontra il console generale americano Robert Needham

Val di Non – Sole – Paganella5 ore fa

Successo, grande partecipazione e importanti testimonianze a Castelfondo per l’evento «Respect»

Trento7 ore fa

A Trento costituito il Nucleo interforze per il controllo dei fondi del Pnrr

Trento7 ore fa

Sentieristica a misura di famiglia: ecco l’accordo tra Provincia, parchi naturali e Apt trentine

Bolzano7 ore fa

A fuoco il bosco sopra Marlengo, particolarmente difficili le operazioni di spegnimento a causa del forte vento

Val di Non – Sole – Paganella8 ore fa

In fiamme due canne fumarie a Commezzadura e in Primiero

Alto Garda e Ledro8 ore fa

Investito da un camion in rotatoria, gravissimo ciclista 42 enne

Italia ed estero10 ore fa

Coesistere con i grandi predatori: un nuovo studio

Cani Gatti & C10 ore fa

Nasce “Quattro Zampe in Famiglia”, il nuovo motore di ricerca per adottare cani e gatti ospiti in canili e gattili di tutta Italia

Vita & Famiglia11 ore fa

Dalla 45ª Giornata per la Vita alla manifestazione del prossimo maggio – “Restiamo Liberi”, la rubrica settimanale di Pro Vita & Famiglia

Bolzano21 ore fa

Slavina in Alto Adige: investite due turiste tedesche, una purtroppo è rimasta uccisa

Piana Rotaliana21 ore fa

Poste chiuse a Mezzolombardo? Il “Progetto di Rete” accompagna gli anziani all’ufficio sostitutivo di Mezzocorona

Trento22 ore fa

Occupazione abusiva a Cognola, una storia di ordinaria follia

Trento1 settimana fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Torna in Val di Non la grande “Festa di San Romedio”

Valsugana e Primiero4 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Offerte lavoro1 settimana fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Vista su Rovereto3 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento2 settimane fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento3 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento4 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento2 settimane fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Giudicarie e Rendena4 giorni fa

Non ce l’ha fatta Luigi Poli: il gestore del Palaghiaccio di Pinzolo è morto ieri

Trento3 settimane fa

«Soliti noti», abusivismo a Villazzano: una storia tutta trentina

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Sviluppo turistico di Coredo, un gruppo di esercenti (e non) chiama a raccolta i cittadini: «Ora tocca a noi darci da fare»

Rovereto e Vallagarina4 giorni fa

Trovato morto in casa un 60 enne di Rovereto

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza