Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

Via libera al bando da 150 mila euro per i restauri delle opere del patrimonio culturale popolare

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

In Quinta commissione, presieduta da Alessia Ambrosi (FdI), è stato dato parere favorevole, con 4 sì e due astenuti (Ferrari del Pd e Demagri del Patt), alla delibera che riguarda i contributi per il recupero delle opere che fanno parte del patrimonio culturale popolare.

Il limite di finanziamento viene portato nel range che va dai 30 ai 150 mila euro. Un’iniziativa una tantum, valida solo per l’anno in corso, per la quale è stato stabilito un budget di 150 mila euro. L’assessore Mirko Bisesti ha affermato che l’obiettivo è quello di ampliare il campo di intervento per il recupero di opere che non si potrebbero realizzare con le cifre stabilite dalla delibera del 2012 (si va dai 2 ai 10 mila euro) che rimane peraltro in vigore.

Il sovrintendente ai beni culturali Franco Marzatico ha ricordato che la legge del 2003 fissa il requisito dei 70 di anzianità, ma ci sono casi come quelli degli affreschi di Swaizer e Sartori che richiedono interventi rapidi per evitarne il degrado.

Pubblicità
Pubblicità

Quindi, gli elementi di fondo della delibera di Bisesti sono tre: permette interventi su manufatti che non hanno ancora 70 anni; aumentare la soglia di finanziamento e aprire alla collaborazione con i musei per individuare le opere da ripristinare. Comunque, ha detto Marzatico in Commissione, c’è bisogno di una nuova normativa che verrà presentata prossimamente.

Il bando una tantum di 150 mila euro, votato oggi pomeriggio, potrà coprire anche il 100% della spesa di interventi su opere di proprietà di privati senza scopo di lucro.

Rispondendo a Sara Ferrari del Pd, il Sovrintendente ha detto che i contributi per i piccoli restauri, che vanno dai 2 mila ai 10 mila euro (spesa ammessa il 50% per privati e l’80% per i beni ecclesiastici), rimangono comunque in vigore.

Pubblicità
Pubblicità

Quella presentata oggi in Quinta commissione è un’iniziativa, come detto , valida solo per il 2022. L’esponente Pd ha però sottolineato che se il range va da 30 mila a 150 mila, cifra che rappresenta l’intero budget, significa che si potrebbe finanziare anche una sola opera.

L’assessore ha risposto che sì, questo è possibile, e ha aggiunto la cifra è stata fissata in base ad una analisi dei bisogni e se questa modalità del bando dimostrerà di essere efficiente si potrà ripetere anche nei prossimi anni.

Per Lucia Coppola (Europa Verde), che ha votato a favore della delibera, è confortante il fatto che per la definizione delle graduatorie di questo bando è previsto l’intervento dei musei e della Sovrintendenza.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Italia ed estero4 settimane fa

Venivano in Italia per ottenere il reddito di cittadinanza per poi tornare nei loro paesi. Scoperta maxi truffa da 4 milioni di euro

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Maxi rissa davanti alla coop di viale Trento a Rovereto

Valsugana e Primiero1 settimana fa

Monica Cadau perde il ricorso al TAR e dovrà risarcire il comune di Borgo e il Ministero

Trento1 settimana fa

A Trento è arrivata “Pokè Monade”, la Poke trentina!

Trento3 giorni fa

Avvistato un branco di lupi tra Centa San Nicolò e Caldonazzo

Trento3 settimane fa

Occupa abusivamente 3 parcheggi da anni e nessuno fa nulla

Trento5 giorni fa

I pendolari della sanità trentina: «È l’unico modo per curarsi e rimanere in vita»

Val di Non – Sole – Paganella6 giorni fa

Morte neonato a Cles: era già successo 42 anni fa

Trento3 settimane fa

Le sconcertanti e imbarazzanti parole di Antonio Ferro sulle Oss trentine

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Massimiliano Lucietti è morto mentre era a terra per sparare

Le ultime dal Web2 settimane fa

Tesla Model Y impazzita uccide due persone – IL VIDEO

Trento4 settimane fa

34 fallimenti in Trentino negli ultimi 12 mesi

Val di Non – Sole – Paganella1 settimana fa

Non più lezioni, ma esperienze in montagna. A Molveno apre la nuova «Non scuola di sci»

Trento2 settimane fa

Non poteva essere l’avvocato della Provincia di Trento. La corte dei Conti chiede 113 mila euro di risarcimento a Giacomo Bernardi

Trento2 settimane fa

Gardolo: autobus va contro un’auto, manda a quel paese il guidatore e scappa

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza