Connect with us
Pubblicità

Trento

Prevenzione delle epidemie: si è aperto oggi il workshop scientifico organizzato da FEM con FBK e MUSE

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Quali sono i rischi legati alla diffusione di nuovi patogeni in Europa? In quali zone è maggiore la probabilità che si diffondano? Quali strumenti utilizzare per prevedere nuove pandemie e monitorarne la diffusione?

Duecento ricercatori, di cui cento in presenza e cento collegati da remoto, provenienti da 30 nazioni, si confrontano oggi e domani a Trento nell’ambito del workshop organizzato dalla Fondazione Edmund Mach in collaborazione con Fondazione Bruno Kessler e MUSE sull’analisi, il monitoraggio e la valutazione delle malattie emergenti in Europa.

Questa mattina in apertura sono intervenuti in apertura il dirigente del Centro Ricerca e Innovazione FEM, prof. Mario Pezzotti (qui l’intervista), il sostituto direttore dell’Ufficio programmazione del sistema di ricerca e innovazione della Provincia autonoma di Trento, Valentina Perrotta, il direttore del MUSE, Michele Lanzinger, il responsabile presso la struttura semplice vigilanza e controllo acque della APSS, Francesco Pizzo.

Pubblicità
Pubblicità

I lavori scientifici sono stati introdotti da Annapaola Rizzoli (qui l’intervista), responsabile dell’Unità Ecologia applicata del Centro Ricerca e Innovazione FEM e coordinatrice della Work Package sulla diseases intelligence, e da Elena Arsevska (qui l’intervista) del CIRAD coordinatore del progetto MOOD.

Il workshop è promosso all’interno del progetto MOOD, in cui la FEM coordina una specifica area relativa alla intelligenza delle malattie in partenariato con FBK, nell’ambito della JRU Epilab, operante nell’ambito dell’epidemiologia quantitativa delle malattie infettive, e l’Istituto Superiore di Sanità. L’obiettivo della ricerca e della collaborazione è raccogliere dati a livello europeo e sviluppare modelli epidemiologici.

L’evento ha visto la partecipazione di esperti e scienziati da enti di ricerca ed agenzie di salute pubblica e veterinaria internazionale, impegnati nel fornire supporto pratico e metodologico alle esistenti piattaforme di monitoraggio, combinando le informazioni legate alla salute umana con dati legati ad altri fattori, come quelli climatici, faunistici e migratori, oppure all’uso del territorio.

Pubblicità
Pubblicità

Il progetto MOOD è coordinato dal CIRAD, il centro francese di cooperazione internazionale nella ricerca agronomica per lo sviluppo, nel contesto del programma europeo H2020, con un budget di 14 milioni di Euro. Il progetto è stato lanciato a Stoccolma, dove ha sede il Centro Europeo per il controllo delle malattie, partner dell’iniziativa assieme all’Organizzazione Mondiale per la Sanità (WHO), alla FAO e all’Organizzazione Mondiale per la Salute Animale.

L’inizio del progetto, nel mese di gennaio 2020, è coinciso con la diffusione del virus Covid-19, mettendo alla prova fin da subito il team di ricerca nell’elaborazione di misure basate sulla modellizzazione della trasmissione del virus, la diagnosi precoce e lo sviluppo della pandemia.
https://mood-h2020.eu

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Italia ed estero4 settimane fa

Venivano in Italia per ottenere il reddito di cittadinanza per poi tornare nei loro paesi. Scoperta maxi truffa da 4 milioni di euro

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Maxi rissa davanti alla coop di viale Trento a Rovereto

Valsugana e Primiero1 settimana fa

Monica Cadau perde il ricorso al TAR e dovrà risarcire il comune di Borgo e il Ministero

Trento1 settimana fa

A Trento è arrivata “Pokè Monade”, la Poke trentina!

Trento3 giorni fa

Avvistato un branco di lupi tra Centa San Nicolò e Caldonazzo

Trento3 settimane fa

Occupa abusivamente 3 parcheggi da anni e nessuno fa nulla

Trento5 giorni fa

I pendolari della sanità trentina: «È l’unico modo per curarsi e rimanere in vita»

Val di Non – Sole – Paganella6 giorni fa

Morte neonato a Cles: era già successo 42 anni fa

Trento3 settimane fa

Le sconcertanti e imbarazzanti parole di Antonio Ferro sulle Oss trentine

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Massimiliano Lucietti è morto mentre era a terra per sparare

Le ultime dal Web2 settimane fa

Tesla Model Y impazzita uccide due persone – IL VIDEO

Trento4 settimane fa

34 fallimenti in Trentino negli ultimi 12 mesi

Val di Non – Sole – Paganella1 settimana fa

Non più lezioni, ma esperienze in montagna. A Molveno apre la nuova «Non scuola di sci»

eventi4 settimane fa

«Boci del Number»: lunedì al Teatro Matisse di Pergine la notte dei ricordi

Trento2 settimane fa

Non poteva essere l’avvocato della Provincia di Trento. La corte dei Conti chiede 113 mila euro di risarcimento a Giacomo Bernardi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza