Connect with us
Pubblicità

Alto Garda e Ledro

Nuovi Sguardi Gardesani: al via la nuova campagna fotografica

Pubblicato

-

MAG
Pubblicità

Pubblicità

Si è appena svolta sul territorio altogardesano la campagna fotografica del progetto “Nuovi Sguardi Gardesani” attraverso cui il Museo Alto Garda si pone l’obiettivo di documentare i differenti aspetti della società attuale e le trasformazioni del paesaggio.

Conoscere il territorio, documentare le trasformazioni della società contemporanea e l’evoluzione del paesaggio nel corso del tempo costituiscono attività fondamentali per un museo territoriale come il Museo Alto Garda.

Per svolgere queste iniziative il museo utilizza differenti modalità di indagine, anche in un’ottica di valorizzazione del paesaggio stesso attraverso forme espressive e artistiche di carattere contemporaneo.

Pubblicità
Pubblicità

Uno degli strumenti maggiormente utilizzati è costituito dal mezzo fotografico: infatti nel corso degli anni il Museo Alto Garda ha commissionato numerose campagne fotografiche del territorio altogardesano, acquistando il materiale realizzato che è andato progressivamente a costituire specifici fondi, utili per studiare lo sviluppo urbano e le trasformazioni del paesaggio, soprattutto in relazione all’antropizzazione del territorio stesso.

Tra tutte le differenti iniziative, grande successo ha riscontrato il progetto “Sguardi Gardesani”, nato nel 1997 grazie al coinvolgimento di importanti autori contemporanei di fama internazionale.

Sono stati organizzati differenti cicli di percorsi fotografici di carattere paesaggistico-antropologico sull’Alto Garda nei quali veniva dedicata particolare attenzione agli aspetti della trasformazione del territorio e del tessuto urbano e sociale.

Pubblicità
Pubblicità

La prima fase del progetto, sviluppata nel decennio 1997-2007, ha visto il coinvolgimento di dieci fotografi di fama internazionale i quali, in un confronto a due, hanno documentato e indagato attraverso le loro visioni diversi aspetti del paesaggio gardesano. Nell’ordine, Gabriele Basilico e Massimo Vitali, John Davies e Martin Parr, Vincenzo Castella e Toni Thorimbert, Jordi Bernadó e Luca Campigotto, Mimmo Jodice e Bernard Plossu.

Il progetto è stato poi ripreso nel biennio 2016-2017 con il rinnovato nome di “Nuovi Sguardi Gardesani” mediante il coinvolgimento del collettivo Riverboom, composto da Paolo Woods, Edoardo Delille e Gabriele Galimberti i quali, con la curatela di Giovanna Calvenzi, responsabile dell’Archivio Gabriele Basilico di Milano, photoeditor e autrice di numerose pubblicazioni di fotografia contemporanea, hanno realizzato tre personali narrazioni del paesaggio umano e naturale dell’Alto Garda, frutto delle diverse suggestioni individuali e artistiche di ciascuno.

Nel 2018, in occasione delle celebrazioni della fine della Prima guerra mondiale, il progetto è stato affidato a Paolo Ventura che ha costruito una poetica storia che ripercorreva gli eventi bellici e il coinvolgimento con il territorio.

Nel 2022, sempre con la curatela di Giovanna Calvenzi, è stata avviata una nuova fase.

Il direttore del Museo Alto Garda Matteo Rapanà ha voluto sottolineare la centralità di queste iniziative per un museo contemporaneo e attuale: “Sguardi Gardesani è un progetto molto importante per il Museo Alto Garda perché permette di indagare le complesse dinamiche sociali e antropologiche del nostro territorio e capire così come si stanno trasformando la società e il paesaggio. Inoltre queste iniziative consentono al Museo di uscire all’esterno delle sedi museali e di entrare direttamente nella vita quotidiana delle persone, dialogando con la comunità di riferimento e coinvolgendola direttamente nelle nostre iniziative”.

Giovanna Calvenzi aggiunge: “La pratica di coinvolgere l’arte nella documentazione dei territori e delle loro mutazioni è tra le più longeve e felici della storia della fotografia e delle istituzioni internazionali. “Sguardi Gardesani” e i “Nuovi Sguardi Gardesani” sono un esempio virtuoso della relazione che un museo è riuscito a creare con il proprio territorio e i suoi abitanti contribuendo in modo diretto alla creazione di opere che arricchiscono l’intera comunità”.

Quest’anno il nuovo incarico è stato affidato al collettivo TerraProject, fondato a Firenze nel 2006 e composto da Michele Borzoni, Simone Donati, Pietro Paolini e Rocco Rorandelli.

Oltre a collaborazioni con istituzioni, comuni e aziende, i lavori del collettivo sono stati pubblicati sulle pagine delle principali riviste internazionali e nazionali. Tra i progetti da loro realizzati negli ultimi anni si segnalano quello sul dopo terremoto in Italia centrale e quello sull’anniversario dei 20 anni del G8 di Genova insieme a indagini sul mondo del lavoro in Italia, sulla scuola italiana e sulle aree interne del Sud Italia.

I componenti del collettivo hanno ricevuto prestigiosi riconoscimenti internazionali tra i quali il World Press Photo (2010 e 2012), Canon Prize (2010), Fund for Investigative Journalism (2011), Premio Pesaresi per la fotografia contemporanea (2013), Graziadei Award (2014), Celeste Prize-Streamers (2016), Landskrona photobook dummy award (2018) e il Premio Gabriele Basilico (2020).

Per il progetto “Nuovi Sguardi Gardesani”, il collettivo TerraProject, le cui tematiche affrontate in fotografia spaziano dal temi sociali a quelli ambientali e antropologici raccontando il paesaggio e le persone che lo abitano, hanno voluto capovolgere la prospettiva scontata che vede il territorio del lago di Garda unicamente come luogo di svago e villeggiatura, ponendo invece l’attenzione su coloro che abitano il territorio, e che costituiscono una rete di servizi e strutture per cittadini e turisti e la gestione del paesaggio.

L’obiettivo di questa specifica campagna fotografica è dunque quello di andare oltre la visione più immediata e conosciuta dei luoghi e di documentare l’elemento umano, gli abitanti, che costituiscono la colonna vertebrale sulla quale si fonda l’identità del territorio.

In una prima fase, lo staff del Museo ha preso contatto con singoli cittadini, realtà pubbliche e private, associazioni e imprese, al fine di individuare specifiche situazioni di interesse sociale, economico, culturale e paesaggistico nel territorio altogardesano. Il passo successivo è stato rappresentato dalla campagna fotografica che si è svolta proprio in questi giorni nei quali i fotografi sono stati impegnati nella documentazione dei differenti contesti.

Sono state così realizzate immagini dei residenti del territorio dell’Alto Garda nei contesti più vari: il lavoro (da quello legato alle attività imprenditoriali all’agricoltura), le comunità (dalla chiesa, alla scuola, alle associazioni di cittadini), i luoghi di ritrovo e di socialità, le famiglie e i modi di abitare il territorio. Queste immagini sono messe in dialogo con le fotografie del paesaggio naturale e di quello architettonico, interpretando quella simbiosi che si realizza tra uomo e ambiente e che permette la conservazione del suggestivo territorio gardesano.

Grande soddisfazione per i risultati preliminari della campagna fotografica è stata espressa dai TerraProject:Siamo molto felici di essere stati invitati a realizzare questo lavoro in un territorio che a prima vista ti colpisce per la bellezza e la maestosità del paesaggio per scoprire poi la ricchezza di coloro che lo abitano.

Per noi raccontare un luogo offre il privilegio di avere il tempo di soffermarsi, di incontrare le persone che lo abitano e scoprirne a poco a poco le peculiarità. Abbiamo deciso quindi di concentrarci sulla comunità che lo abita, cercando di ribaltare la prospettiva che guarda a questi luoghi solo come mete turistiche”.

Gli esiti di questa edizione dei “Nuovi Sguardi Gardesani” saranno visibili l’anno prossimo con la realizzazione di una mostra al Museo Alto Garda ma anche attraverso conferenze, workshop, laboratori e tavole rotonde nell’ottica di un museo partecipativo e inclusivo nel quale la comunità non è semplice spettatore, ma protagonista attivo nelle iniziative organizzate dal museo stesso.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento11 minuti fa

Basta catene ai cani, multe fino a 800 euro. Claudio Cia: «Disegno di legge di civiltà»

Val di Non – Sole – Paganella43 minuti fa

Messa in sicurezza della SS421, la soddisfazione di Denis Paoli: «Appalto del secondo lotto previsto a inizio 2023»

Val di Non – Sole – Paganella2 ore fa

Vigili del Fuoco Val di Sole: quest’anno 1.500 interventi per 380 pompieri effettivi

Fiemme, Fassa e Cembra2 ore fa

Ospedale Cavalese: la Giunta dichiara l’interesse pubblico

Val di Non – Sole – Paganella2 ore fa

Bentornato sci: a Pontedilegno-Tonale aprono gli impianti, via a una nuova stagione invernale

Val di Non – Sole – Paganella2 ore fa

Melinda vince il premio «Vivere a spreco zero 2022» nella categoria ortofrutta

Sport3 ore fa

Morto il ciclista Davide Rebellin: è stato travolto da un camion

Piana Rotaliana4 ore fa

Living LAB alla FEM «Vite e clima: quali scenari futuri?»

Trento5 ore fa

Trento terza nella classifica italiana delle città più digitalizzate ICity Rank ‘22

Bolzano5 ore fa

Rubano i vestiti ad un anziano in ospedale: l’azienda sanitaria chiede lo scontrino per risarcire

economia e finanza5 ore fa

L’indice di fiducia dei consumatori trentini rimane negativo. Cala anche il potere d’acquisto dei consumatori

Ambiente Abitare6 ore fa

Lupi, Enpa: «un’altra conferma che l’allarme-lupo è strumentale»

Trento6 ore fa

APT: Pinè e Cembra cambiano casa e si uniscono con Trento

Val di Non – Sole – Paganella6 ore fa

Caso Iob: David Dallago rimane in carcere

Trento6 ore fa

Manifesti contro il gender all’Università di Trento, Coordinamento DAria: «Propaganda gender business sulla pelle delle persone»

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Monica Cadau perde il ricorso al TAR e dovrà risarcire il comune di Borgo e il Ministero

Trento2 settimane fa

A Trento è arrivata “Pokè Monade”, la Poke trentina!

Trento1 settimana fa

Avvistato un branco di lupi tra Centa San Nicolò e Caldonazzo

Trento3 settimane fa

Occupa abusivamente 3 parcheggi da anni e nessuno fa nulla

Val di Non – Sole – Paganella1 settimana fa

Morte neonato a Cles: era già successo 42 anni fa

Trento1 settimana fa

I pendolari della sanità trentina: «È l’unico modo per curarsi e rimanere in vita»

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Massimiliano Lucietti è morto mentre era a terra per sparare

Trento3 settimane fa

Le sconcertanti e imbarazzanti parole di Antonio Ferro sulle Oss trentine

Le ultime dal Web2 settimane fa

Tesla Model Y impazzita uccide due persone – IL VIDEO

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Non più lezioni, ma esperienze in montagna. A Molveno apre la nuova «Non scuola di sci»

Trento3 settimane fa

Non poteva essere l’avvocato della Provincia di Trento. La corte dei Conti chiede 113 mila euro di risarcimento a Giacomo Bernardi

Trento2 settimane fa

Gardolo: autobus va contro un’auto, manda a quel paese il guidatore e scappa

Trento2 settimane fa

Trento in lutto, è morto Rinaldo Detassis fondatore di Elettrocasa

Trento3 settimane fa

Paura in Trentino per una scossa di Terremoto

Rovereto e Vallagarina5 giorni fa

Via libera per la costruzione della mega stalla a Terragnolo. La polemica però continua

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza