Connect with us
Pubblicità

Trento

Alessia Ambrosi e Sara Ferrari nominate deputate, bocciato invece Diego Binelli

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Arriva nel tardo pomeriggio di ieri, attraverso il complicato conteggio della quota di voti proporzionali,  la conferma della nomina alla camera di Alessia Ambrosi e Sara Ferrari.

Purtroppo il meccanismo «perverso» della legge elettorale «Rosatellum» tiene col fiato sospeso i candidati fino all’ultimo secondo. Successe nel 2018 a Stefania Segnana dapprima esclusa per poi essere ripescata all’ultimo momento.

Il conteggio dei voti proporzionali è invece impietoso con Diego Binelli che non farà ritorno al parlamento romano.

Quanto successo al segretario della lega Trentino rappresenta una novità nel panorama nazionale. Mai, a memoria d’uomo, era successo che il segretario del primo partito provinciale che governa fosse escluso dal parlamento italiano. Questo la dice lunga sullo stato di salute del carroccio in provincia.

La Lega si consola con la nomina de Elena Testor e Vanessa Cattoi, e deve riflettere sulla sonora bocciatura di Martina Loss nel collegio di Trento del Senato. Insieme alle due leghiste inm viaggio per Roma anche Michaela Biancofiore, eletta nel collegio del Senato di Rovereto e Pietro Patton del centro sinistra vincitore nell’uninominale nel collegio del Senato di Trento.

L’elezione di Alessia Ambrosi era data già per scontata nella mattinata di ieri, visto l’enorme successo del partito di Giorgia Meloni. Ma lei ha voluto chiudersi nel silenzio assoluto fino alla conferma ufficiale.

Pubblicità
Pubblicità

La sua nomina è frutto di un grandissimo e infaticable lavoro sul territorio iniziato mesi orsono che ha portato i suoi frutti. Alessia Ambrosi rappresenta il futuro di governo e non è detto che sia chiamata direttamente in causa per ricoprire posti di grande responsabilità nel prossimo governo. Per il Trentino ora rappresenta una grande risorsa. 

«Eletta alla Camera dei Deputati! Un trionfo al di là di ogni aspettativa – ha esordito Ambrosi alla notizia certa della sua nomina  postando una sua foto insieme alla leader Giorgia Meloni sul suo profilo social – il mio ringraziamento a Giorgia Meloni che ha avuto fiducia in me, ad Adolfo Urso sotto la cui guida del partito provinciale è maturata la mia scelta di campo. La mia infinita riconoscenza alle elettrici e agli elettori del Trentino-Alto Adige.  Lavorerò per una nuova stagione di serenità. Per il benessere e lo sviluppo di questa meravigliosa terra»

Felice della nomina, appesa al filo fino all’ultimo momento, anche Sara Ferrari del Pd.  I dati nefasti sel suo partito a livello nazionale, l’astensione a livelli storici e il risultato negativo seppur previsto sul collegio uninominale non lasciavano ben sperare.

«Nel Parlamento più conservatore della storia repubblicana dovrà suonare forte la voce di chi vuole un’Italia più giusta, libera, verde e capace di guardare con fiducia al futuro. Il mio lavoro prosegue, dunque, all’opposizione in Parlamento: questo risultato è l’esito di un lavoro collettivo, e ringraziare tutte e tutti è difficilissimo» – Ha scritto l’esponente del PD Trentino 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Italia ed estero4 settimane fa

Venivano in Italia per ottenere il reddito di cittadinanza per poi tornare nei loro paesi. Scoperta maxi truffa da 4 milioni di euro

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Maxi rissa davanti alla coop di viale Trento a Rovereto

Valsugana e Primiero1 settimana fa

Monica Cadau perde il ricorso al TAR e dovrà risarcire il comune di Borgo e il Ministero

Trento1 settimana fa

A Trento è arrivata “Pokè Monade”, la Poke trentina!

Trento3 giorni fa

Avvistato un branco di lupi tra Centa San Nicolò e Caldonazzo

Trento3 settimane fa

Occupa abusivamente 3 parcheggi da anni e nessuno fa nulla

Trento5 giorni fa

I pendolari della sanità trentina: «È l’unico modo per curarsi e rimanere in vita»

Val di Non – Sole – Paganella6 giorni fa

Morte neonato a Cles: era già successo 42 anni fa

Trento3 settimane fa

Le sconcertanti e imbarazzanti parole di Antonio Ferro sulle Oss trentine

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Massimiliano Lucietti è morto mentre era a terra per sparare

Le ultime dal Web2 settimane fa

Tesla Model Y impazzita uccide due persone – IL VIDEO

Trento4 settimane fa

34 fallimenti in Trentino negli ultimi 12 mesi

Val di Non – Sole – Paganella1 settimana fa

Non più lezioni, ma esperienze in montagna. A Molveno apre la nuova «Non scuola di sci»

Trento2 settimane fa

Non poteva essere l’avvocato della Provincia di Trento. La corte dei Conti chiede 113 mila euro di risarcimento a Giacomo Bernardi

Trento2 settimane fa

Gardolo: autobus va contro un’auto, manda a quel paese il guidatore e scappa

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza