Connect with us
Pubblicità

Sport

Il Festival dello Sport: sulle tracce del mito (e del rito): Hervé Barmasse richiama al rispetto per la montagna

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Quando gli ottomila erano un sogno, un lusso per pochi. Se qualche decina di anni fa per scalare le grandi montagne del mondo serviva un lunghissimo allenamento ed una estenuante preparazione fisica, oggi le vette più ambite sono diventate una meta per turisti.

E ciò che è peggio, ha spiegato Hervé Barmasse, è il fatto che anche gli alpinisti professionisti sembrano essersi adeguati alla situazione, comportandosi allo stesso modo di quelli con minori competenze.

Personalmente, ho deciso di pormi l’obiettivo degli ottomila metri dopo un infortunio al collo – ha spiegato Barmasse – puntando a scalare la parete sud dello Shisha Pangma in stile alpino nel 2017, una cosa che nessuno aveva mai fatto ed è stata un avventura incredibile, straordinaria, anche se con il passare del tempo si è trasformata in una grande incertezza: arrivati ai 7.600 metri David Göttler voleva tornare indietro, ma alla fine in 13 ore siamo arrivati a 8.024 metri”.

Pubblicità
Pubblicità

E poi è arrivato il Nanga Parbat, nel dicembre del 2021, con la sua parete più grande del mondo ma purtroppo il meteo avverso, che ha impedito a Barmasse e Göttler di arrivare in cima, fermandosi comunque a 6.200 metri dopo aver superato la parte più complessa dal punto di vista tecnico ed aver sfidato i 50 gradi sotto zero.

Purtroppo ormai questi traguardi non possono più essere definiti “conquiste”, ha aggiunto l’alpinista, perché quasi chiunque può raggiungere una vetta molto ambita grazie alla tecnologia e alle comodità moderna.

Per chi come Barmasse ha scalato montagne storiche, come l’Himalaya, il mondo dell’alpinismo sta cambiando in modo rapido e, sfortunatamente, non in meglio. Ci sono villaggi ai piedi delle vette dove stanno attendendo di salire anche più di mille persone, ha evidenziato. Per non parlare degli elicotteri, anche sei o sette contemporaneamente, che portano le persone direttamente al campo 1 o campo 2 in modo veloce e comodo, ha aggiunto.

Pubblicità
Pubblicità

C’è poi il grande tema della “plastificazione della montagna“, sul quale si è soffermato Barmasse. Ogni anno sull’Everest vengono abbandonati seimila metri di corde di nylon che gli alpinisti non riportano a casa, ha sottolineato, e c’è solo l’idea di arrivare in cima, mettere la bandierina e dire “io ci sono stato”.

Ma ciò che viene abbandonato sulle montagne fa rabbrividire, ha confessato: manca completamente il rispetto per questo ambiente, si è creata una “bolla” dell’alpinismo dove tutto sembra permesso, senza principi etici.

Infine, un ragionamento sull’avventura nell’alpinismo: bisogna capire che la cosa più importante è il percorso e non il raggiungimento della meta, ha concluso Barmasse, e che in questo campo “avventura” significa mettersi in gioco, rischiare, vivere nell’incertezza e sfidare i propri limiti.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Val di Non – Sole – Paganella12 minuti fa

“Taio Ieri” si rinnova: tre nuovi membri entrano nel direttivo

Trento1 ora fa

Il turismo trentino cerca personale: ecco come candidarsi

Trento1 ora fa

Sabato la festività di S. Barbara: in piazza Duomo i Vigili del fuoco volontari

Arte e Cultura2 ore fa

Venerdì 2 inaugurazione della mostra «Cinque percorsi d’arte si incontrano» in sala Thun

Valsugana e Primiero2 ore fa

“Frontiere-Grenzen”, il Premio letterario internazionale delle Alpi, finisce qui la sua avventura culturale

Italia ed estero2 ore fa

Agrigento: litiga col cardiologo e gli spara, fermato un 47 enne

Italia ed estero2 ore fa

Tragedia Ischia, la procura indaga per gli allarmi inascoltati: le autorità competenti sapevano del rischio

Val di Non – Sole – Paganella3 ore fa

Rocambolesco incidente al tornante sopra l’abitato di Denno: coinvolti un autoarticolato e due vetture

Trento3 ore fa

Spaccio: 3 denunce e 17 segnalazioni per uso personale. Fra di loro anche un 14 enne

Italia ed estero3 ore fa

Guerra, Tajani: “La Nato proteggerà i Balcani e i vicini dell’Ucraina”. Ue propone tribunale per crimini russi

Trento3 ore fa

Levata di scudi tra Fp Cgil e Muse: «Ancora una volta si rimbalzano le responsabilità»

Trento3 ore fa

Gallerie Martignano: da dicembre saranno attivi gli autovelox

Val di Non – Sole – Paganella3 ore fa

L’UPT di Cles sabato 3 dicembre presenta “Scuola aperta” per illustrare il nuovo programma formativo

Italia ed estero4 ore fa

Manovra, Meloni convoca i sindacati: “Servono misure che combattono disuguaglianze. Avanti con la mobilitazione”

Io la penso così…4 ore fa

Calcio giovanile troppo violento, anche sulle tribune

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Monica Cadau perde il ricorso al TAR e dovrà risarcire il comune di Borgo e il Ministero

Trento2 settimane fa

A Trento è arrivata “Pokè Monade”, la Poke trentina!

Trento7 giorni fa

Avvistato un branco di lupi tra Centa San Nicolò e Caldonazzo

Trento3 settimane fa

Occupa abusivamente 3 parcheggi da anni e nessuno fa nulla

Val di Non – Sole – Paganella1 settimana fa

Morte neonato a Cles: era già successo 42 anni fa

Trento1 settimana fa

I pendolari della sanità trentina: «È l’unico modo per curarsi e rimanere in vita»

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Massimiliano Lucietti è morto mentre era a terra per sparare

Trento3 settimane fa

Le sconcertanti e imbarazzanti parole di Antonio Ferro sulle Oss trentine

Le ultime dal Web2 settimane fa

Tesla Model Y impazzita uccide due persone – IL VIDEO

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Non più lezioni, ma esperienze in montagna. A Molveno apre la nuova «Non scuola di sci»

Trento3 settimane fa

Non poteva essere l’avvocato della Provincia di Trento. La corte dei Conti chiede 113 mila euro di risarcimento a Giacomo Bernardi

Trento2 settimane fa

Gardolo: autobus va contro un’auto, manda a quel paese il guidatore e scappa

Trento2 settimane fa

Trento in lutto, è morto Rinaldo Detassis fondatore di Elettrocasa

Trento3 settimane fa

Paura in Trentino per una scossa di Terremoto

Rovereto e Vallagarina5 giorni fa

Via libera per la costruzione della mega stalla a Terragnolo. La polemica però continua

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza