Connect with us
Pubblicità

Sport

Il Festival dello Sport: Serie A femminile, professione calciatrici

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Uguali ma diversi. Calciatori e calciatrici sono uniti dallo sport più diffuso al mondo. Negli Stati Uniti il calcio è lo sport più praticato dalle donne. In Italia siamo arrivati al professionismo nel campionato appena iniziato.

Tecnica e tattica – hanno spiegato al Festival dello Sport di Trento le calciatrici professioniste Martina Tomaselli e Alessia Cappelletti – sono le stesse del calcio maschile. L’aspetto fisico è diverso, come per tutti gli sport al femminile”.

E lo sapevate che le calciatrici sono più predisposte agli infortuni al ginocchio e alla caviglia rispetto ai colleghi maschi?

Pubblicità
Pubblicità

Dipende dalla conformazione del bacino, conformato alla possibilità del parto” ha approfondito Elisabet Spina, ex calciatrice e ora responsabile del settore femminile del Calcio Milan.

Riguardo alla proposta di cambiare le dimensioni del campo di gioco e delle porte per rendere più spettacolare il calcio femminile, ecco il no compatto dalle dirette interessate.

Alessia Cappelletti, cremonese portiere del Parma, ha raccontato dell’emozione di allenarsi nel campo vicino a Gigi Buffon e dell’indossare persino un calzino con la scritta Italia quando gioca nelle nazionali (under 19 e under 23).

Pubblicità
Pubblicità

La trentina (delle Lochere di Caldonazzo) Martina Tomaselli, 21 anni, centrocampista del Sassuolo da alcune stagioni, ha ricordato come la più grande emozione l’esordio in serie A a 16 anni con il Brescia, dopo le giovanili nell’Audace e Clarentia.

Abbiamo bisogno di voi, venite a vederci!” l’appello del calcio in rosa, che ha avuto nel mondiale 2019 una grande vetrina, nell’europeo di quest’anno una delusione che non deve abbattere e che vede le nostre azzurre già qualificate al mondiale 2023.

Il format del campionato di A è stato rivisto, con poule scudetto e salvezza e meno squadre impegnate. La serie B – ha spiegato la presidente della Divisione femminile Ludovica Mantovani – è stata concepita come vivaio per la serie A.

Un nuovo coordinatore è stato aggiunto per le nazionali giovanili: “Non dobbiamo dimenticare il calcio femminile di base. Alcuni sport che hanno introdotto il professionismo poi sono tornati indietro. Noi dobbiamo crescere portando le persone negli stadi” ha ribadito Mantovani.

“Con il professionismo sono aumentate le responsabilità delle società – ha ricordato Elisabet Spina – ma anche le tutele e le opportunità”.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Italia ed estero4 settimane fa

Venivano in Italia per ottenere il reddito di cittadinanza per poi tornare nei loro paesi. Scoperta maxi truffa da 4 milioni di euro

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Maxi rissa davanti alla coop di viale Trento a Rovereto

Valsugana e Primiero1 settimana fa

Monica Cadau perde il ricorso al TAR e dovrà risarcire il comune di Borgo e il Ministero

Trento1 settimana fa

A Trento è arrivata “Pokè Monade”, la Poke trentina!

Trento3 giorni fa

Avvistato un branco di lupi tra Centa San Nicolò e Caldonazzo

Trento3 settimane fa

Occupa abusivamente 3 parcheggi da anni e nessuno fa nulla

Trento5 giorni fa

I pendolari della sanità trentina: «È l’unico modo per curarsi e rimanere in vita»

Val di Non – Sole – Paganella6 giorni fa

Morte neonato a Cles: era già successo 42 anni fa

Trento3 settimane fa

Le sconcertanti e imbarazzanti parole di Antonio Ferro sulle Oss trentine

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Massimiliano Lucietti è morto mentre era a terra per sparare

Le ultime dal Web2 settimane fa

Tesla Model Y impazzita uccide due persone – IL VIDEO

Trento4 settimane fa

34 fallimenti in Trentino negli ultimi 12 mesi

Val di Non – Sole – Paganella1 settimana fa

Non più lezioni, ma esperienze in montagna. A Molveno apre la nuova «Non scuola di sci»

eventi4 settimane fa

«Boci del Number»: lunedì al Teatro Matisse di Pergine la notte dei ricordi

Trento2 settimane fa

Non poteva essere l’avvocato della Provincia di Trento. La corte dei Conti chiede 113 mila euro di risarcimento a Giacomo Bernardi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza