Connect with us
Pubblicità

Io la penso così…

Tragedia Marche: quando la storia non insegna nulla

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Gentile Direttore,

ogni anno si ripete in modo rabbioso la solita affermazione “si poteva evitare“. Chissà quante volte anche nei prossimi anni risentiremo queste parole trite e ritrite, consumate nell’indifferenza e nella mancanza cronica di risposte efficaci.

Infatti, mentre nelle Marche si piangono le numerose vittime di questa ennesima tragedia, la storia degli ultimi decenni sembra non aver sortito alcun effetto e non aver insegnato nulla. Eppure, dal 2010 ad oggi, si sono registrate ben oltre 500 alluvioni, non dico 2 o 3, con oltre 150 morti, con 132 eventi climatici estremi solo nell’anno corrente, pertanto un numero decisamente più alto della media dell’ultimo decennio, con tutta la violenta distruzione che ne è conseguita.

Pubblicità
Pubblicità

Mi ha colpito leggere, in relazione alla recentissima alluvione delle Marche che, nonostante le numerose esondazioni del fiume Misa, un progetto risalente a 40 anni fa e che definì già allora lo stanziamento di oltre 4 miliardi di lire per la realizzazione di una vasca di espansione e di convoglio delle acque non sia mai stato realizzato.

Di che cosa parliamo quindi? Ci si appella sempre ai soliti discorsi, alla fragilità del territorio italiano, al problema del dissesto idrogeologico, alle parole di circostanza e ai proclami dei soliti politici e poi…cosa si fa concretamente? Intanto le case, frutto del lavoro e dei sacrifici di un’intera esistenza, le attività commerciali magari faticosamente avviate e già duramente provate da pandemie anche economiche, vengono spazzate via per sempre nel giro di pochi minuti.

Ma soprattutto troppe vite umane vengono cancellate responsabilmente dall’incuria umana. Uomini e donne sopravvissuti, private dei loro affetti, che, supportati esclusivamente dalla sincera solidarietà e dalla commozione dell’intero popolo italiano, probabilmente, non troveranno poi una reale giustizia .

Pubblicità
Pubblicità

Ma chi ha pagato in passato, chi paga al presente e chi pagherà in futuro, e secondo un’equa misura, per tutti questi accadimenti?

A proposito, e lo conosciamo tutti, lo studiamo e lo insegnano ai nostri ragazzi, che ne è dell’articolo 9 della Costituzione, che tutelerebbe prioritariamente la cura del paesaggio naturale. Sarebbe, insomma, un obbligo costituzionalmente sancito, rientrante a pieno titolo nelle premesse fondamentali della nostra Carta.

Mah…

Claudio Riccadonna

Potete inviare le email al direttore da inserire nella rubrica «io la penso così» scrivendo a: [email protected] – La vostra opinione conta, sempre….)

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Giudicarie e Rendena8 ore fa

Scivola per 80 metri sotto il passo di Ortiche, gravissimo al santa Chiara

Politica9 ore fa

Dopo Claudio Cia anche «Coraggio Italia» chiede chiarimenti a Fugatti

Alto Garda e Ledro10 ore fa

Nuovi Sguardi Gardesani: al via la nuova campagna fotografica

Val di Non – Sole – Paganella11 ore fa

“Termenago a teatro. La rinascita di un borgo”: il progetto finanziato dal Pnrr ai nastri di partenza

Arte e Cultura11 ore fa

«Venezia millenaria» in scena al Castello del Buonconsiglio

Val di Non – Sole – Paganella12 ore fa

“Sinfonie d’autunno”: in Val di Sole una stagione da vivere con tutti i sensi

Trento12 ore fa

Coronavirus: 696 nuovi positivi nelle ultime 24 ore in Trentino

Arte e Cultura12 ore fa

Al Teatro Sociale di Trento oggi un workshop con i principali rappresentanti delle imprese culturali di livello internazionale

Trento13 ore fa

Prevenzione delle epidemie: si è aperto oggi il workshop scientifico organizzato da FEM con FBK e MUSE

Val di Non – Sole – Paganella13 ore fa

Ospedale di Cles «Amico delle Bambine e dei Bambini»: stamattina la cerimonia di assegnazione del riconoscimento

fashion13 ore fa

Torna le settima edizione del Galà della Moda Sotto al Nettuno

Fiemme, Fassa e Cembra13 ore fa

Dal 1° ottobre la raccolta delle richieste di indennizzo per i danni da maltempo in Val di Fassa

Trento14 ore fa

Sanità: «Basta discriminazioni, tutti i sospesi rientrino al lavoro»

Trento14 ore fa

Furti negozi, denunciati un 27 enne tunisino e una 39 enne italiana

Trento14 ore fa

Controlli piazza Dante: trovata della droga nascosta, espulso cittadino straniero

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza