Connect with us
Pubblicità

Trento

Scuola, Bisesti replica alla Cgil: «Nessun errore di programmazione sul fabbisogno dei docenti»

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Ieri la Flc Cgil ha denunciato che a giugno erano stati liberati, a seguito dei pensionamenti, 548 posti a tempo indeterminato, ma che solo il 52% è stato coperto con insegnanti entrati in ruolo.

Una situazione che il sindacato di via Muredei imputa a una programmazione inadeguata da parte della Provincia spiega la segretaria Cinzia Mazzacca. «Oltre un anno fa abbiamo messo in guardia l’assessore che i posti messi a concorso erano insufficienti. Bastava fare una stima dei pensionamenti per avere una fotografia del reale fabbisogno»

L’amministrazione scolastica trentina però replica che non sono stati fatti errori di programmazione riguardo agli organici del personale docente,

Pubblicità
Pubblicità

Come infatti ha spiegato l’assessore all’istruzione della Provincia autonoma di Trento Mirko Bisesti la programmazione dei fabbisogni del personale docente per la Scuola trentina viene elaborata tenendo conto sia dei pensionamenti su un arco temporale triennale – in questo caso gli anni 2020/2023 – sia delle graduatorie concorsuali o per titoli, vigenti al momento della programmazione.

Se è pur vero che dei 566 posti destinati alle immissioni in ruolo per quest’anno scolastico, non sono stati nominati circa 280 docenti in ruolo, che peraltro saranno coperti con incarichi di supplenza, è altrettanto vero che appare semplicistico e parziale attribuire questa situazione a presunti errori di programmazione da parte dell’Amministrazione.

È noto infatti, e lo è ancor più per il concorso ordinario del personale docente, che l’impossibilità di fare fronte alla totale copertura dei fabbisogni è imputabile a fattori indipendenti dall’azione dell’Amministrazione.

Pubblicità
Pubblicità

Per contribuire a fare chiarezza della situazione complessiva Bisesti fornisce alcuni dati. 

Al concorso ordinario (indetto nell’anno 2020 e svoltosi nel corso dell’anno 2022 a causa del fermo dovuto alla pandemia) erano stati ammessi 1.715 candidati distribuiti su 41 classi di concorso, per un fabbisogno iniziale di 185 posti; si sono presentati alle prove scritte 1.325 candidati e non ne sono stati ammessi alle fasi successive 826, con un tasso del 62% di bocciati, distribuiti in modo eterogeneo tra le diverse discipline. In alcuni casi si è registrato l’80% ed in altri il 100% delle bocciature.

Pur potendo anche se solo in parte, difettare la stima dei fabbisogni è altrettanto vero però che l’assenza importante di candidati idonei che si è registrata in questo concorso ha certamente costituito un fattore di condizionamento importante: il concorso ordinario avrebbe permesso in linea teorica di utilizzare le graduatorie degli idonei per supplire eventuali ulteriori necessità, oltre i fabbisogni concorsuali, cosa che non si è potuta realizzare.

Altrettanto importante e condizionante è stata anche la tempistica di svolgimento stabilita dal Ministero per il concorso, che ha imposto un fermo al momento dell’avvio degli esami di Stato: va infatti considerato che presidenti e commissari sono coinvolti anche nelle commissioni d’esame e questo ha significato, per esempio, che per ben 12 classi di concorso le operazioni si sono dovute bloccare per riprendere in autunno.

Tra queste, alcuni classi registrano un’importante numeri di posti vacanti su cui le immissioni in ruolo si svolgeranno il prossimo anno ( A028 – matematica e scienze – con 49 posti vacanti; A048 scienze motorie e sportive, con 13 posti vacanti; A050 scienze naturali e biologiche, con 17 posti vacanti).

Sulla scuola secondaria di I e II grado la vera sfida e l’impegno dell’Amministrazione è quello di accelerare la sottoscrizione dell’intesa con il Ministero per indire il concorso abilitantetrentino“, così da poter avviare con una programmazione di breve e medio periodo, i concorsi necessari a coprire i posti e le scoperture lasciate dalle stesse graduatorie appena approvate, di fatto già esaurite.

Il bando, indetto sulla base della norma approvata con legge di stabilità nell’anno 2021, è già stato vagliato dagli uffici ministeriali che hanno richiesto alcune modifiche e dai quali si è in attesa dell’ultima approvazione per poter avviare, già nell’autunno, i concorsi che dovrebbero consentire la copertura delle attuali disponibilità.

L’assessore ha poi ribadito che a fronte di una situazione di scoperture di organico che peraltro si confida, con l’anno prossimo, già di vedere se non completamente, almeno in buona parte ridotte, è necessario sottolineare che non solo tutte le operazioni di assunzione sono state concluse prima dell’avvio dell’anno scolastico, ma è stato raggiunto un risultato molto positivo per la scuola primaria, nella quale sono rimasti vacanti solo 5 posti sul sostegno ed 1 posto solo di lingua straniera (tedesco), grazie alla misura di legge approvata e ulteriormente modificata quest’anno.

Si tratta di una risposta soddisfacente, perché per la prima volta quest’anno anche l’organico di lingua straniera si è potuto consolidare.

Ora spetta alla chiamata unica delle scuole terminare le coperture dell’organico funzionale: anche quest’anno la Giunta provinciale ha agevolato il più possibile i docenti nella scelta delle sedi, riducendo le sanzioni per i rinunciatari.

Ad oggi, infatti, risultano già assegnati 400 posti tramite la riconferma dei supplenti in servizio l’anno scolastico precedente, così da salvaguardare la continuità didattica. Una scelta dovuta all’applicazione di una norma approvata lo scorso giugno dal Consiglio provinciale .

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Ambiente Abitare3 ore fa

Clima: Coldiretti, ghiacciai addio in anno più caldo di sempre +1,6 C°

Trento3 ore fa

Firmato un protocollo d’intesa per sostenere le aziende che lavorano sui mercati esteri

Bolzano3 ore fa

Alpe di Siusi: valanga travolge scialpinisti, per fortuna finisce tutto bene

Bolzano3 ore fa

Auto si schianta contro un albero: feriti trasportati al pronto soccorso

Piana Rotaliana3 ore fa

Istituto Agrario, iscrizioni fino al 10 dicembre e “premio” Eduscopio per la preparazione universitaria

Trento6 ore fa

Consiglio di Stato: altra sospensione della legge provinciale sul gioco d’azzardo

Valsugana e Primiero7 ore fa

Primiero: truffe agli anziani, la Chiesa scende in campo con i Carabinieri

Trento7 ore fa

Asse Brennero: incontro tra le Camere di Commercio e dell’Economia

Ambiente Abitare7 ore fa

Bene la qualità dell’aria nel mese di novembre in tutto il Trentino

Trento8 ore fa

Ieri a palazzo Chigi ncontro tra la Commissione Protezione civile e il ministro Musumeci

economia e finanza8 ore fa

Istat: confermata la crescita di Pil e lavoro, ma rimangono dubbi per il 2023

Arte e Cultura9 ore fa

Alla Batibōi Gallery di Cles l’esposizione “PRINT ME LOUD” – 5 artiste – 5 tecniche diverse

Cani Gatti & C10 ore fa

Associazioni animaliste, divieto catena: “La legge sarà un valido strumento per migliorare la vita di molti cani.”

Vita & Famiglia11 ore fa

La denuncia di Pro Vita & Famiglia: «Ecco come l’UE vuole imporre l’utero in affitto»

Fiemme, Fassa e Cembra14 ore fa

Drammatico incidente a Tesero, muore Giancarlo Vinante

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Monica Cadau perde il ricorso al TAR e dovrà risarcire il comune di Borgo e il Ministero

Trento3 settimane fa

A Trento è arrivata “Pokè Monade”, la Poke trentina!

Io la penso così…6 giorni fa

Coredo: «I maiali che mangiavano fango: il veterinario si dimetta»

Trento2 settimane fa

Avvistato un branco di lupi tra Centa San Nicolò e Caldonazzo

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Morte neonato a Cles: era già successo 42 anni fa

Trento2 settimane fa

I pendolari della sanità trentina: «È l’unico modo per curarsi e rimanere in vita»

Trento1 settimana fa

Gallerie Martignano: da dicembre saranno attivi gli autovelox

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Massimiliano Lucietti è morto mentre era a terra per sparare

Le ultime dal Web3 settimane fa

Tesla Model Y impazzita uccide due persone – IL VIDEO

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Non più lezioni, ma esperienze in montagna. A Molveno apre la nuova «Non scuola di sci»

Io la penso così…3 giorni fa

Sono fan dei Maneskin…ma quando si esagera non va bene

Trento4 settimane fa

Non poteva essere l’avvocato della Provincia di Trento. La corte dei Conti chiede 113 mila euro di risarcimento a Giacomo Bernardi

Val di Non – Sole – Paganella4 giorni fa

Paura nella notte a Cles: a fuoco un’abitazione in zona Spinazzeda

Trento3 settimane fa

Gardolo: autobus va contro un’auto, manda a quel paese il guidatore e scappa

Trento3 settimane fa

Trento in lutto, è morto Rinaldo Detassis fondatore di Elettrocasa

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza