Connect with us
Pubblicità

Trento

Funivia Trento Bondone, la Giunta prende atto dello studio di fattibilità e conferma la coerenza con il Pums

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Approvata la relazione da allegare alla richiesta di finanziamento, che dovrà essere presentata al Mite dalla Pat entro il 31 agosto. Il primo lotto funzionale comprende il collegamento tra ex Sit ed ex Italcementi e il tracciato fino a Sardagna, parte integrante della mobilità cittadina.

Procede a passi spediti l’iter per la richiesta di finanziamento del progetto della funivia Trento-Monte Bondone, che deve essere presentata dalla Provincia al Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili entro il 31 agosto.

Oggi la Giunta comunale ha approvato una delibera che prende atto degli esiti dello studio di fattibilità elaborato dal gruppo di lavoro congiunto composto da tecnici di Trentino Sviluppo, della Provincia e del Comune. Inoltre la Giunta ha approvato la relazione di coerenza dell’intervento con il Piano urbano della mobilita sostenibile del Comune, relazione che deve essere allegata alla richiesta di finanziamento.

Pubblicità
Pubblicità

Primo lotto funzionale. Ai fini del finanziamento si è deciso di procedere con la redazione di un progetto suddiviso in due step: il primo composto dai due tronchi ex Sit–ex Italcementi ed ex Italcementi – Sardagna e un secondo composto da altri due tronchi Sardagna–Vaneze e Vaneze–Vason. L’istanza di finanziamento riguarderà esclusivamente il primo lotto funzionale (ex Sit – ex Italcementi – Sardagna) per un costo di 37,5 milioni di euro, ma la documentazione predisposta sarà integrata con un documento che inquadra il lotto all’interno dell’intervento complessivo per un costo stimato in circa 70 milioni di euro.

Due target: cittadini e turisti. Il nuovo collegamento funiviario si configura come impianto rapido per il trasporto di massa. Il target di riferimento è duplice: da un lato l’impianto andrà a sostituirsi all’attuale funivia Trento-Sardagna, che necessita a breve di una sostituzione considerata l’età avanzata. Il nuovo impianto potrà intercettare nuovi passeggeri perché sarà più veloce e perché la stazione di Sardagna sarà meno decentrata rispetto a quella attuale. Il collegamento sarà inoltre a servizio di residenti e proprietari di seconde case nelle località più in quota. Alla funzione di trasporto pubblico dedicata ai cittadini si affianca inoltre la funzione turistica che migliorerà l’attrattività del Monte Bondone.

Il primo tronco cittadino. Il nuovo impianto in telecabina partirà dall’area ex-Italcementi (destra Adige) con fermata nell’abitato di Sardagna. È inoltre in previsione un collegamento sempre con telecabina tra l’area ex Italcementi e l’ex Sit, sede del nuovo centro intermodale. L’idea è che dall’ex Sit possa partire un primo tronco orizzontale di collegamento con l’ex Italcementi da cui poi partire per risalire il Bondone. Questo primo tronco si configura non solo come parte dell’impianto per il Bondone ma anche come un elemento della mobilità cittadina per collegare le due sponde del fiume, il cui attraversamento è reso molto complicato dalle criticità idrauliche che lo caratterizzano. Il collegamento si va così ad aggiungere alla prevista nuova passerella ciclopedonale nella prospettiva di garantire un percorso veloce per raggiungere i servizi previsti all’ex Italcementi: il parco, il centro espositivo, lo studentato, il grande parcheggio, la partenza per il Monte Bondone. Un collegamento pedonale e ciclabile efficace tra le due sponde è condizione imprescindibile per fare dell’ex Italcementi un vero quartiere della città in relazione con tutti gli elementi che compongono il sistema della mobilità cittadina.

Pubblicità
Pubblicità

Le tre stazioni intermedie e l’arrivo a Vason. La prima stazione intermedia a Piedicastello sarà posizionata lungo il nuovo tracciato ciclo-pedonale così da offrire l’accesso all’impianto, e quindi al Monte Bondone, anche ai bikers. La seconda stazione intermedia si colloca a Sardagna, nella parte sud dell’abitato, in una zona che permette un comodo collegamento grazie alla rete viaria esistente e consente di evitare il sorvolo delle abitazioni. In corrispondenza della stazione intermedia di Sardagna è prevista la realizzazione del magazzino veicoli.

Il secondo lotto funzionale dell’intervento completa il collegamento tra la città di Trento ed il Monte Bondone attraverso la realizzazione di ulteriori due tronchi che si sviluppano a partire da Sardagna. La terza stazione intermedia sarà a Vaneze, l’ultima tratta del collegamento consentirà di arrivare in località Vason.

In caso di valutazione positiva da parte del Ministero, prima di procedere con l’iter necessario alla realizzazione del primo lotto, verrà valutata la possibilità di realizzare l’intera opera grazie al partenariato pubblico-privato facendo valere il finanziamento di 37,5 milioni di euro come compartecipazione a carico dell’amministrazione pubblica nei limiti previsti dalla norma.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento2 minuti fa

Sabato la festività di S. Barbara: in piazza Duomo i Vigili del fuoco volontari

Arte e Cultura18 minuti fa

Venerdì 2 inaugurazione della mostra «Cinque percorsi d’arte si incontrano» in sala Thun

Valsugana e Primiero27 minuti fa

“Frontiere-Grenzen”, il Premio letterario internazionale delle Alpi, finisce qui la sua avventura culturale

Italia ed estero40 minuti fa

Agrigento: litiga col cardiologo e gli spara, fermato un 47 enne

Italia ed estero41 minuti fa

Tragedia Ischia, la procura indaga per gli allarmi inascoltati: le autorità competenti sapevano del rischio

Val di Non – Sole – Paganella1 ora fa

Rocambolesco incidente al tornante sopra l’abitato di Denno: coinvolti un autoarticolato e due vetture

Trento1 ora fa

Spaccio: 3 denunce e 17 segnalazioni per uso personale. Fra di loro anche un 14 enne

Italia ed estero2 ore fa

Guerra, Tajani: “La Nato proteggerà i Balcani e i vicini dell’Ucraina”. Ue propone tribunale per crimini russi

Trento2 ore fa

Levata di scudi tra Fp Cgil e Muse: «Ancora una volta si rimbalzano le responsabilità»

Trento2 ore fa

Gallerie Martignano: da dicembre saranno attivi gli autovelox

Val di Non – Sole – Paganella2 ore fa

L’UPT di Cles sabato 3 dicembre presenta “Scuola aperta” per illustrare il nuovo programma formativo

Italia ed estero2 ore fa

Manovra, Meloni convoca i sindacati: “Servono misure che combattono disuguaglianze. Avanti con la mobilitazione”

Io la penso così…2 ore fa

Calcio giovanile troppo violento, anche sulle tribune

Hi Tech e Ricerca3 ore fa

Il cloud riduce del 76% i costi informatici: Esakon protagonista al Forum N.A

Tecnologia3 ore fa

Cybersecurity: lunedì la conferenza dedicata alla sicurezza delle infrastrutture e dei dati digitali

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Monica Cadau perde il ricorso al TAR e dovrà risarcire il comune di Borgo e il Ministero

Trento2 settimane fa

A Trento è arrivata “Pokè Monade”, la Poke trentina!

Trento7 giorni fa

Avvistato un branco di lupi tra Centa San Nicolò e Caldonazzo

Trento3 settimane fa

Occupa abusivamente 3 parcheggi da anni e nessuno fa nulla

Val di Non – Sole – Paganella1 settimana fa

Morte neonato a Cles: era già successo 42 anni fa

Trento1 settimana fa

I pendolari della sanità trentina: «È l’unico modo per curarsi e rimanere in vita»

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Massimiliano Lucietti è morto mentre era a terra per sparare

Trento3 settimane fa

Le sconcertanti e imbarazzanti parole di Antonio Ferro sulle Oss trentine

Le ultime dal Web2 settimane fa

Tesla Model Y impazzita uccide due persone – IL VIDEO

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Non più lezioni, ma esperienze in montagna. A Molveno apre la nuova «Non scuola di sci»

Trento3 settimane fa

Non poteva essere l’avvocato della Provincia di Trento. La corte dei Conti chiede 113 mila euro di risarcimento a Giacomo Bernardi

Trento2 settimane fa

Gardolo: autobus va contro un’auto, manda a quel paese il guidatore e scappa

Trento2 settimane fa

Trento in lutto, è morto Rinaldo Detassis fondatore di Elettrocasa

Trento3 settimane fa

Paura in Trentino per una scossa di Terremoto

Rovereto e Vallagarina5 giorni fa

Via libera per la costruzione della mega stalla a Terragnolo. La polemica però continua

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza