Connect with us
Pubblicità

L'Editoriale

Cara Sara Ferrari, io voto centro destra e non sono fascista

Pubblicato

-

Cara Sara Ferrari, sono lodevoli le Sue parole dette ieri a Malga Zonta, mai dimenticare gli eccidi, tutti gli eccidi, come lodevole è sempre stato il Suo impegno politico, pur non da tutti condiviso, ma l’importante è la passione e l’onestà degli intenti.

Ecco, queste due parole dovrebbero essere il timone della politica per il bene comune, aldilà delle fazioni.

Ora, parlando di onestà delle opinioni, gli storici non omologati sono concordi nel limare sempre più la differenza tra fascismo e comunismo, e forse il primo, negli anni precedenti alle scelte folli delle quali magari un giorno troveremo risposta, era meno brutale delle varie imitazioni spagnole, portoghesi ecc..forse perché si basava su presupposti ben fondati visto il ventennale consenso quasi totale degli Italiani.

Il nazismo è altra cosa, non scherziamo quindi. Hitler ha scoperchiato un brodo di coltura antisemitico radicato già nell’800, frammisto a deliri esoterici.

E i tedeschi avevano subito tali umiliazioni dalle nazioni vincitrici che non pareva loro vero trovare un leader capace di illuderli su un riscatto che li avrebbe resi invincibili e immortali.

Questo noioso pistolotto storico è atto a far capire che ad oggi è ridicolo parlare di coraggiosa difesa partigiana contro la dittatura che verrà.

Molti citano Orban come ispiratore di Giorgia Meloni e c., l’Ungheria è un piccolo stato con differenze abissali rispetto ad un’ Italia che avrebbe fatto scomparire dalla scena politica Orban in un secondo.

Gli italiani sono un popolo meno bue di quanto piaccia pensare a certa veterosinistra quale scusa per giustificare le disfatte politiche. Forse è giusto argomentare con tematiche più realistiche l’impegno elettorale contro il centrodestra, senza strumentalizzare dei martiri il cui sacrificio appartiene a tutto il popolo indipendentemente dal colore politico.

E se oggi si va a votare, e se oggi gli italiani possono scegliere tra il a dir poco bizzarro programma di sinistra per qualcosa di più sensato e rispondente alle reali esigenze del paese lo si deve anche a loro. E lo spettacolo tragico a cui tutti gli italiani e i trentini stanno assistendo per la spartizione dei collegi, cioè delle poltrone del suo partito ne è la triste rappresentanza. 

Cara Sara Ferrari «le sanguina il cuore al pensiero che potremmo avere finalmente la prima donna a capo del governo italiano, ma purtroppo una fedele alla fiamma tricolore dei partiti neofascisti?”. Lei ha detto queste cose ieri a Malga Zonta riportate da un quotidiano di partitoSe invece di pensare a cose che non esistono più cominciasse ad accettare pensieri diversi dai vostri forse farebbe in primo passo per fare politica seria. Ma lo so, è una cosa che vi repelle.

Non ce la fate. Parlate di cultura, intelligenza, vi riempite la bocca con paroloni vari. Poi siete talmente democratici e intelligenti che se uno ha un punto di vista diverso, la miglior cosa che sapete fare per creare dialogo è bollarlo come ignorante, zotico, fascista e nazista.

E ci mancherebbe. E poi vi chiedete perchè negli ultimi anni ad ogni elezione vi prendono a calci regolarmente.

Cara Sara Ferrari lei ha usato la celebrazione di un eccidio per fini elettorali, strumentalizzandolo a suo piacimento. Pensi se l’avvessero fatto quelli che lei definisce «Fascisti». Ma come diceva Giovanni Giolitti «per i nemici le leggi si applicano, per gli amici si interpretano».

Può piacere o no, lo decideranno gli italiani il 25 settembre, ma la politica quella vera, preciso non quella delle poltrone e dei ragionamenti che  si addice tanto al suo partito, incoronerà il centrodestra con una leader che probabilmente diventarà premier.

Questa donna si chiama Giorgia Meloni e sarà votata dagli italiani. Se questo lo chiama fascismo lo vada a dire a tutti gli italiani che la voteranno Cara Sara Ferrari.

E quando salirà al governo non sarà lei a dimostrarci se è capace di fare il premier, e nemmeno i giornali americani. Lo decideranno sempre e solo gli italiani. 

Cara Sara Ferrari faccio mia una frase pronunciata dal suo amico Bonaccini, governatore del partito democratico dell’emilia Romagna: «La destra in Italia alle elezioni del 25 settembre va battuta sul campo delle idee. Non dobbiamo usare l’argomento del pericolo fascista” perché “si rischia di dare agli elettori un messaggio di poca concordia».

E se queste sono le sue idee cara Sara Ferrari….

 

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento3 ore fa

Festival dello Sport: 50 mila presenze decretano il successo della quinta edizione

Trento5 ore fa

Aggredisce i carabinieri in Piazza Dante, arrestato 36 enne tunisino pluripregiudicato

Trento6 ore fa

Prima riunione del neo costituito tavolo di confronto tra Assessorato e Ordine delle Professioni Infermieristiche

Val di Non – Sole – Paganella6 ore fa

Che successo le mostre estive di Predaia: per due mesi Coredo è stata la “capitale” dell’arte e della cultura

Trento6 ore fa

Coronavirus: non si arrestano i contagi in Trentino, nelle ultime 24 ore sono 779

Le ultime dal Web6 ore fa

«I vecchi devono stare a casa fermi, immobili, e non devono votare». è bufera su Giulia Torelli – IL VIDEO

Val di Non – Sole – Paganella7 ore fa

La patata, prodotto povero della dieta contadina, diventa la “reginetta della festa” a Ronzone

Trento7 ore fa

Loris Puleo, il pallavolista trapiantato campione europeo, ringraziato a palazzo Geremia

Fiemme, Fassa e Cembra7 ore fa

«Posatori per un giorno»: a Fornace un progetto per far conoscere a scuola il mondo del porfido e delle cave

Rovereto e Vallagarina7 ore fa

Ala: il primo di ottobre «Palazzi aperti»

Trento7 ore fa

Parcheggio pertinenziale di piazza Centa, ripresi i lavori

Trento8 ore fa

Riduzione fondi: associazione Famiglie Tossicodipendenti classificata come dormitorio

Arte e Cultura8 ore fa

Ultimi giorni per la mostra: «La contemporaneità della tradizione. Sguardi sulle comunità cimbra, ladina e mòchena»

L'Editoriale8 ore fa

Crollo lega in Trentino: le colpe partono da lontano

Valsugana e Primiero9 ore fa

Cade e perde conoscenza mentre è in cerca di funghi sul Ceramonte: 65 enne in elicottero al Santa Chiara

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza