Connect with us
Pubblicità

Trento

Anche piazza Cesare Battisti ostaggio di degrado e spacciatori. Le drammatiche testimonianze dei residenti

Una delle piazze centralissime di Trento abbandonate al degrado. 34 spazi devastati dai vandali lasciati così da anni. Le immagini raccappriccianti

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Il degrado e la criminalità si sta ormai impossesando di tutto il centro storico di Trento. L’allarme ora arriva anche da Piazza Cesare Battisti dove alcuni residenti hanno denunciato una situazione al limite.

Le varie testimonianze parlano di spaccio dilagante nel vicolo che porta al teatro sociale. «Verso mezzogiorno è generalmente possibile vedere l’arrivo degli spacciatori con i relativi clienti che comprano la droga. Il tutto tranquillamente a cielo aperto» 

Un consumo di droga che è ormai dilagante e a tutte le ore del giorno e della notte. «Ho figli, bambini – spiega un papà residente nella zona – che possono guardare fuori dalla loro finestra e vedere persone che si iniettano droga nel vicolo in pieno giorno. Una cosa irreale».

Pubblicità
Pubblicità

«Ho dovuto chiamare la polizia per segnalare attività criminali nel vicolo del teatro – osserva un altro residente –  che è diventato un ritrovo per tossicodipendenti in pieno centro storico».

Pochi giorni fa in pieno giorno il 118 è dovuto intervenire per rianimare un tossicodipendente privo di sensi che giaceva nel vicolo. Si è sfiorata la tragedia per un’overdose. L’episodio non sarebbe isolato, anzi.

Per ironia della sorte tutto questo accade a pochissimi metri dall’edificio che ospita la cancelleria del giudice di pace. Per non parlare della natura dei rifiuti che vengono regolarmente raccolti dagli operatori di Dolomiti Ambiente ogni mattina, aghi, bottiglie, cocci, fazzoletti intrisi di sangue e via dicendo

Pubblicità
Pubblicità

Un altro problema della piazza sono i graffiti e le scritte sui muri e qui la denuncia dei residenti è forte e circostanziata «Nel caso dei graffiti – sottolineano i residenti – gran parte di ciò che è stato imbrattato in piazza è ben visibile dalle telecamere montate sull’edificio circostante che sorvegliano la piazza. Con un dipartimento di polizia locale che ha i propri muri imbrattati dai vandali (in un evidente segno di mancanza di rispetto e di autorità), non mi sorprenderebbe sapere che nessuno ha guardato i filmati delle telecamere o ha cercato di monitorare attivamente la piazza.  Lo stesso si può dire del vicolo.  Mi aspetterei che la polizia sia più consapevole delle attività criminali rispetto al comune cittadino.  È il loro lavoro.  O non sono consapevoli, e dovrebbero esserlo, o sono consapevoli e semplicemente non si preoccupano dell’attività criminale».

Quanto sta succedendo nella piazza non è un bel biglietto da visita per Trento, a dirlo è un altro residente che ha assistito a episodi a dir poco allucinanti: «I turisti che visitano il sito archeologico sotterraneo di piazza Italia escono dal museo direttamente nel vicolo.  Ho personalmente osservato gruppi di turisti uscire e trovare (in un vicolo disgustoso coperto di graffiti su tutti i muri) tossicodipendenti che si iniettavano mentre erano seduti sui gradini dell’uscita di emergenza del teatro. Allo stesso modo, ho visto minorenni vomitare davanti ai turisti dopo aver consumato grandi quantità di alcolici nella stessa zona».

Nella foto del titolo tutte le scritte presenti in piazza Cesare Battisti. Abbiamo contato 34 spazi devastati dai vandali che sono li fermi ormai da anni, quasi come fosse tutto normale. Nessuno fa nulla, nonostante le telecamere ben piazzate nella piazza.

Se non si comincia a prendere in considerazione questo tipo di reato le nostre città diventeranno tutte devastate da scritte, offese e graffiti di cattivo gusto.

Secondo i residenti di piazza Cesare Battisti il degrado della Piazza e dell’area circostante è il sintomo di una città la cui situazione di sicurezza sta degenerando.  I graffiti dicono ai criminali che la gente può vandalizzare a piacimento senza l’intervento della polizia o dei cittadini.  Se qualcuno può compiere questi atti impunemente, è un chiaro segno che si può anche aggredire, rapinare e molestare, dato che le forze dell’ordine sono chiaramente assenti in queste aree.

«Ho vissuto in grandi città come New York e Monaco di Baviera – spiega un residente – dove hanno imparato e compreso che mantenere la qualità della vita nelle aree pubbliche è vitale per la salute e la sicurezza di una città.  I graffiti, lo spaccio di droga e l’uso di droghe in pubblico sono chiaramente segni che un’amministrazione comunale o non comprende queste lezioni del passato, o è incapace, inetta o incompetente a fornire e mantenere un minimo di decoro nei luoghi pubblico».

«Come residente mi vergogno del livello di degrado che viene mostrato ai visitatori – subentra un commerciante della piazza – sono anche preoccupato come genitore che il livello di sicurezza della città la renda inadatta alle famiglie con bambini. La recente vigilanza della polizia è benvenuta, spero che produca risultati.  Devo solo chiedermi perché si è dovuto arrivare a questo punto prima di prendere provvedimenti. Vorrei sottolineare che il compito delle istituzioni è quello di evitare che questo tipo di situazione si verifichi fin dall’inizio».

Secondo alcuni residenti quando viene chiamata la Polizia Municipale per chiedere di intervenire su attività criminali nel vicolo, viene sempre suggerito di chiamare la Polizia di Stato, che fortunatamente ha sempre risposto.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento3 ore fa

Festival dello Sport: 50 mila presenze decretano il successo della quinta edizione

Trento5 ore fa

Aggredisce i carabinieri in Piazza Dante, arrestato 36 enne tunisino pluripregiudicato

Trento6 ore fa

Prima riunione del neo costituito tavolo di confronto tra Assessorato e Ordine delle Professioni Infermieristiche

Val di Non – Sole – Paganella6 ore fa

Che successo le mostre estive di Predaia: per due mesi Coredo è stata la “capitale” dell’arte e della cultura

Trento7 ore fa

Coronavirus: non si arrestano i contagi in Trentino, nelle ultime 24 ore sono 779

Le ultime dal Web7 ore fa

«I vecchi devono stare a casa fermi, immobili, e non devono votare». è bufera su Giulia Torelli – IL VIDEO

Val di Non – Sole – Paganella7 ore fa

La patata, prodotto povero della dieta contadina, diventa la “reginetta della festa” a Ronzone

Trento7 ore fa

Loris Puleo, il pallavolista trapiantato campione europeo, ringraziato a palazzo Geremia

Fiemme, Fassa e Cembra7 ore fa

«Posatori per un giorno»: a Fornace un progetto per far conoscere a scuola il mondo del porfido e delle cave

Rovereto e Vallagarina7 ore fa

Ala: il primo di ottobre «Palazzi aperti»

Trento8 ore fa

Parcheggio pertinenziale di piazza Centa, ripresi i lavori

Trento8 ore fa

Riduzione fondi: associazione Famiglie Tossicodipendenti classificata come dormitorio

Arte e Cultura8 ore fa

Ultimi giorni per la mostra: «La contemporaneità della tradizione. Sguardi sulle comunità cimbra, ladina e mòchena»

L'Editoriale9 ore fa

Crollo lega in Trentino: le colpe partono da lontano

Valsugana e Primiero9 ore fa

Cade e perde conoscenza mentre è in cerca di funghi sul Ceramonte: 65 enne in elicottero al Santa Chiara

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza