Connect with us
Pubblicità

Politica

Ugo Rossi dice addio a Calenda

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Cominciano a cadere le pedine della scacchiera dei partiti anche in Trentino dopo la scelta di Calenda di rompere il patto con il PD.

Ugo Rossi il fondatore di Azione in Trentino rassegna le dimissioni nelle mani di Mario Raffaelli segretario di Azione Trentino. È caos completo anche in Trentino. 

«Ciao Mario. Ti mando le mie riflessioni che ho reso pubbliche. Evidente che alla luce delle stesse rassegno le mie dimissioni da ogni ruolo e da tesserato di Azione. Peccato perché l’idea originaria era bellissima e stimolante. Ma purtroppo non è andata così’. Grazie di tutto e un augurio di successo a tutti voi» – inizia così la lettera di addio dell’ex governatore della provincia autonoma di Trento che dopo l’addio di Calenda al PD è rimasto fuori da ogni possibile candidatura per le elezioni del 25 settembre.

Pubblicità
Pubblicità

LA LETTERA DI DIMISSIONI DI UGO ROSSI  – Sono sempre stato convinto della necessità di costruire una forza politica liberal/democratica che rompa l’assurdo schema destra/sinistra. Azione mi era sembrata il luogo migliore per coltivare questo obiettivo e queste elezioni erano una bella occasione, un banco di prova.

Ho sempre pensato che l’obiettivo non fosse in contraddizione con un dialogo col Pd, a condizione che quel partito si decidesse a compiere quella scelta sempre rinviata di voler essere a tutti gli effetti un partito socialdemocratico europeo.

Per questo motivo non ero pienamente convinto (ma avrei portato avanti la decisione) dell’accordo fatto col Pd perchè lasciava chiaramente spazio a possibili alleanze con ex 5s e sinistra/verdi. (il testo era chiarissimo del resto).

Pubblicità
Pubblicità

Come sempre quindi si confermava e si accettava quindi l’ambiguita’ di un partito “democratico” che non sa o non vuole fare una scelta definitiva e chiara rimanendo invece prigioniero del massimalismo.

Come era scritto nell’accordo Pd / Azione le successive alleanze si sono poi ovviamente e puntualmente palesate, fra Letta e la sinistra “per tutelare la Costituzione”. (Sic?!)

Era previsto ripeto, ed è accaduto.

Sia chiaro non mi piace e considero sbagliatissima la scelta politica di Letta e del Pd di restare ancorati al solito ritornello del ‘…se no vincono le destre…

Ma per me i patti una volta firmati si rispettano, ma non perchè…se no vincono le destre….si rispettano per principio, anche se costano. E si rispettano perché per costruire ci vuole fiducia e qualcuno deve pur darla per primo!

Tornare indietro sara’ anche legittimo per carità, e magari politicamente motivato, ma così la credibilità crolla.
Crolla perchè banalmente questo determina che adesso trascorreranno la campagna elettorale ad accusarsi l’un altro su chi per primo abbia violato il patto.

Una campagna elettorale per indicare le colpe e le contraddizioni dell’altro non farà che nascondere l’inadeguatezza e quindi la pericolosità della coalizione avversaria.

Mi sentivo impegnato per dare una piccola mano per costruire qualcosa di “serio” nel cosiddetto “centro sinistra” anche in vista delle elezioni provinciali.

Lo avevo fatto mettendo da parte per primo il passato, con spirito di unione nonostante la delusione di essere stato “scaricato” dagli alleati del PD (e altri) che nell’agosto di quattro anni fa, dopo la sconfitta alle politiche decisero, al termine di uno stillicidio mediatico durato 4 mesi, che per “cambiare” doveva restare tutto com’era, tranne il Presidente Rossi. Un pasticcio anche allora.

Lo avevo fatto dicendo di voler lavorare per favorire un ricambio generazionale e quindi coerentemente di non candidare a nessuna elezione pensando invece a giovani preparati e disponibili.

Mi sono invece ritrovato nel pieno dell’ennesima lite infinita (una “bega”diciamo noi) dentro e fra i partiti del centro sinistra, con discussioni lontane anni luce dai veri problemi dell’Italia e del Trentino.

Un centro sinistra avviluppato su se stesso dove gli avversari sono solo nominalmente le “destre” e i sovranisti mentre invece sostanzialmente ci si batte fra correnti interne o fra partiti della possibile coalizione.

Come se l’essere tutti contro le destre autorizzi ciascuno a scagliarsi contro l’altro. Mi dispiace ma cio’ che vedono le persone è questo, o almeno fino ad ora non hanno visto altro. Ed è uno spettacolo a cui non mi sento di partecipare.

Ugo Rossi

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento2 ore fa

Festival dello Sport: 50 mila presenze decretano il successo della quinta edizione

Trento5 ore fa

Aggredisce i carabinieri in Piazza Dante, arrestato 36 enne tunisino pluripregiudicato

Trento5 ore fa

Prima riunione del neo costituito tavolo di confronto tra Assessorato e Ordine delle Professioni Infermieristiche

Val di Non – Sole – Paganella5 ore fa

Che successo le mostre estive di Predaia: per due mesi Coredo è stata la “capitale” dell’arte e della cultura

Trento6 ore fa

Coronavirus: non si arrestano i contagi in Trentino, nelle ultime 24 ore sono 779

Le ultime dal Web6 ore fa

«I vecchi devono stare a casa fermi, immobili, e non devono votare». è bufera su Giulia Torelli – IL VIDEO

Val di Non – Sole – Paganella6 ore fa

La patata, prodotto povero della dieta contadina, diventa la “reginetta della festa” a Ronzone

Trento6 ore fa

Loris Puleo, il pallavolista trapiantato campione europeo, ringraziato a palazzo Geremia

Fiemme, Fassa e Cembra6 ore fa

«Posatori per un giorno»: a Fornace un progetto per far conoscere a scuola il mondo del porfido e delle cave

Rovereto e Vallagarina6 ore fa

Ala: il primo di ottobre «Palazzi aperti»

Trento7 ore fa

Parcheggio pertinenziale di piazza Centa, ripresi i lavori

Trento7 ore fa

Riduzione fondi: associazione Famiglie Tossicodipendenti classificata come dormitorio

Arte e Cultura7 ore fa

Ultimi giorni per la mostra: «La contemporaneità della tradizione. Sguardi sulle comunità cimbra, ladina e mòchena»

L'Editoriale8 ore fa

Crollo lega in Trentino: le colpe partono da lontano

Valsugana e Primiero8 ore fa

Cade e perde conoscenza mentre è in cerca di funghi sul Ceramonte: 65 enne in elicottero al Santa Chiara

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza