Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Lupo e chiosco laghetto dei Poiani: le precisazioni del sindaco di Vallarsa

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

«Il Consiglio comunale è il luogo del confronto, del dialogo, del dibattito. È la sede della democrazia dove le idee si possono incontrare e le domande trovano riposte. Al contrario, le polemiche tramite social e giornali, rischiano di fornire verità parziali, prive del contesto e, per questo, fuorvianti». Queste le parole del sindaco di Vallarsa Luca Costa che, all’indomani delle critiche sollevate sulla stampa locale, fornisce chiarimenti sul caso del lupo imbalsamato e del chiosco al Laghetto dei Poiani.

«Partiamo dalla valorizzazione del Laghetto dei Poiani e del suo chiosco. Quando ci siamo insediati, chi oggi ci critica disse che mai avremmo ottenuto l’autorizzazione a intervenire da parte di Agsm Verona. Invece la abbiamo ottenuta. Abbiamo già anche la progettazione e le risorse finanziarie. Manca un’approvazione amministrativa, ma va detto che questa sta seguendo tempistiche normali per questo tipo di interventi. Tempi burocratici, dunque, e teniamo conto che con gli attuali incentivi alle ristrutturazioni, i tecnici pubblici e privati sono sotto pressione.

Peraltro, in questo momento il nostro ufficio tecnico deve dare la precedenza a priorità come la scuola dell’infanzia ad Anghebeni, le fognature a Camposilvano, gli acquedotti. Ma torniamo ai Poiani: abbiamo stretto un accordo col Consorzio dei Comuni che seguirà le ultime approvazioni e la gara d’appalto. C’è poi chi fa foto dell’area, al momento un cantiere. Bene, se si tratta di un cantiere è normale che appaia come tale».

Pubblicità
Pubblicità

Passando al lupo, ora esposto in un locale pubblico: «Anzitutto il locale è sì un servizio di ristorazione ma in un edificio di proprietà comunale, così come di proprietà pubblica resta il lupo imbalsamato. Il lupo fu investito in Vallarsa e la carcassa era in ottime condizioni: giustificava una spesa per valorizzarla e farne un’occasione di divulgazione scientifica e di discussione sulla fauna in generale e sui grandi carnivori in particolare.

Altri enti ci chiesero di acquisire il lupo con questi fini – anche il museo di Luserna – ma abbiamo deciso di tenerlo qui sul nostro territorio. Speriamo che il lupo possa essere inserito nel progetto “bosco didattico”, per il quale il Comune attende l’esito di un bando nazionale sul contrasto alla povertà educativa. In attesa di tale esito, si è pensato di dargli visibilità sul territorio.

Per questo il lupo è stato esposto prima in biblioteca e ora al Ristoro MB (Magna & Bevi), dove i molti avventori hanno occasione di conoscerne la storia e di approfondire, come era nell’obiettivo iniziale, il tema. Questa vicenda, come quella del chiosco, è stata oggetto di mie ampie spiegazioni in Consiglio comunale e, da sempre, invito tutti i consiglieri al confronto sincero e diretto, dando tutta la nostra disponibilità e ricordando che la porta del Comune è aperta per tutti. Dunque a chi preferisce gli attacchi mediatici dico che mi spiace che venga svilita quella sede, ma d’altro canto lo ringrazio, perché ha dato una grande e gratuita pubblicità, oltre che l’occasione di dare spiegazioni approfondite e pubbliche per entrambe le questioni».

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Rovereto e Vallagarina5 giorni fa

Tragico incidente nella notte a Isera, perde la vita un 21 enne di Avio

Val di Non – Sole – Paganella7 giorni fa

Mamma orsa in giro con i cuccioli a Spormaggiore – IL VIDEO

Trento4 giorni fa

Rischia di travolgere i bambini, bloccato dai genitori: «Sono soggetto alla 104, non possono farmi nulla»

Rovereto e Vallagarina4 giorni fa

Noriglio in mano alle baby gang e al degrado. La denuncia di Andrea Bertotti

Trento6 giorni fa

Tutti animalisti con gli orsi degli altri

Fiemme, Fassa e Cembra4 settimane fa

Trentasette anni fa la tragedia di Stava: per non dimenticare!

Trento7 giorni fa

Mega rissa tra stranieri in centro storico nella notte – IL VIDEO

eventi7 giorni fa

Miss Italia: è Eleonora Lepore di San Candido «Miss Schenna»

Val di Non – Sole – Paganella1 settimana fa

Per ferragosto a Cles quattro giorni di eventi ‘fantastici’

Trento3 giorni fa

Vittoria De Felice contro il PD Trentino: «Partito borghese che non vede i veri problemi della gente»

Trento10 ore fa

Trovate dai cani antidroga centinaia di dosi nascoste nelle piazze di Trento: 30 denunce nello scorso week end

Trento6 giorni fa

Morì durante una pratica sadomaso a Trento: assicurazioni condannate a risarcire la famiglia

Fiemme, Fassa e Cembra3 giorni fa

Miss Italia torna a Moena: la reginetta è Giulia Barberini. Eletta anche la Soreghina 2023

Rovereto e Vallagarina6 giorni fa

Ritrovato dopo due giorni il corpo di Willy, il ragazzo annegato nel lago di Lavarone

fashion5 giorni fa

Ecco la donna più desiderata dagli italiani per una «scappatella»

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza