Connect with us
Pubblicità

Fiemme, Fassa e Cembra

Gigantesca frana sulla Marmolada, ricerche in corso per degli alpinisti – IL VIDEO

Per il momento trovati vivi due alpinisti, continuano le ricerche. La provincia: «Bilancio potrebbe essere pesante»

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Dalle due del pomeriggio di oggi sono in corso delle ricerche riguardanti alcuni alpinisti rimasti travolti da una frana sulla Marmolada. Prima si è sentito un enorme boato e poi una grande nube di ghiaccio e polvere.

La frana ha travolto due cordate di circa 20 persone. I morti per il momento sarebbero 6 e 8 feriti fra cui alcuni gravi.

Secondo quanto si apprende da fonti dei soccorritori, i corpi sarebbero stati estratti dalla massa di ghiaccio ma non ancora recuperati e portati a valle

Pubblicità
Pubblicità

I feriti sono stati trasferiti in più ospedali: Belluno, Treviso, Trento e Bolzano. Ma c’è grandissima apprensione per altre cordate che potrebbero essere state travolte dalla valanga. Gruppi di persone sono stati accompagnanti a valle dai soccorritori.

Lo smottamento (video) è avvenuto sotto Punta Rocca, precisamente a pian dei Fiacconi, lungo l’itinerario di salita della via normale per raggiungere la vetta. Il fronte della valanga è di circa 300 mila metri  cubi. Il punto è molto pericoloso. Secondo le prime informazioni pare sia crollato un vasto seracco di circa 3.000 metri cubi di ghiaccio e detriti. lungo l’itinerario di salita della via normale per raggiungere la vetta.

Sul posto si sono subito portati il soccorso alpino, l’unità operativa di logistica è stata allestita a Canazei, diversi elicotteri della polizia  e dei vigili del fuoco nazionali di Trento, Bolzano e Venezia. (Qui il video del sorvolo con l’elicottero)

Pubblicità
Pubblicità

Non si sa ancora quanti sono gli alpinisti travolti. Due di questi sono stati comunque trovati e trasferiti negli ospedali di Trento, con l’elisoccorso pelikan, e Belluno dai primi soccorritori arrivati sul posto subito dopo la frana.

Le ricerche continuano, l’ipotesi – secondo la provincia autonoma di Trento è che il bilancio possa essere pesante. Per ora le vittime sarebbero 6.  I soccorsi parlano di molta imprudenza da parti degli alpinisti e di temperature record ieri sulla Marmolada con circa 10 gradi in vetta.

Sul posto è arrivato anche il presidente della provincia Maurizio Fugatti insieme alla protezione civile trentina e veneta. (clicca qui per vedere il video della frana)

Ore 17.00 – La situazione è pericolosa perché c’è il rischio di ulteriori crolli. Un elicottero è stato attrezzato con la campana Recco, un’apparecchiatura che permette di ricercare chiunque sia in difficoltà in zone aperte.

Ore 17.40 – per il momento le ricerche sono state sospese. Ci sono ancora delle persone disperse.

Ore 17.56 – Le salme delle vittime del crollo sono state portate allo stadio del ghiaccio di Canazei dove parte la funivia per salire in vetta. Al palazzo del ghiaccio è inoltre stato attivato un team di psicologi per assistere i parenti delle vittime.

Ore 18.01 – Uno dei feriti sarebbe in condizioni critiche.

Ore 18.07 – Sono decine le persone che sui social chiedono informazioni sui feriti e le vittime.

Ore 18.12 –  Individuate 18 persone che si trovano sopra l’area del crollo. Saranno evacuate dal Soccorso Alpino.

Ore 18.18 –  È stato chiesto l’intervento dei droni per la ricerca dei dispersi.

Ore  19.20 – «Non ho mai visto una cosa del genere in Marmolada. Non è la solita valanga invernale, grado due, grado tre: è la natura. Se volessimo fare un paragone con l’edilizia potremmo parlare di un cedimento strutturale». Lo ha detto all’Ansa uno dei soccorritori impegnati nel recupero delle vittime e dei feriti. «Lo zero termico è oltre i 4 mila metri – aggiunge – ed è chiaro che è una cosa metereologica che nemmeno la migliore delle guide può prevedere». Al momento ci sono ancora macchine nel parcheggio e spiega il soccorritore «dobbiamo capire se manca ancora qualcuno».

 ARTICOLO IN AGGIORNAMENTO IN TEMPO REALE

  • Pubblicità
    Pubblicità
Rovereto e Vallagarina3 giorni fa

Tragico incidente nella notte a Isera, perde la vita un 21 enne di Avio

Val di Non – Sole – Paganella5 giorni fa

Mamma orsa in giro con i cuccioli a Spormaggiore – IL VIDEO

Trento2 giorni fa

Rischia di travolgere i bambini, bloccato dai genitori: «Sono soggetto alla 104, non possono farmi nulla»

Trento5 giorni fa

Tutti animalisti con gli orsi degli altri

Rovereto e Vallagarina3 giorni fa

Noriglio in mano alle baby gang e al degrado. La denuncia di Andrea Bertotti

Fiemme, Fassa e Cembra4 settimane fa

Trentasette anni fa la tragedia di Stava: per non dimenticare!

Trento6 giorni fa

Mega rissa tra stranieri in centro storico nella notte – IL VIDEO

eventi5 giorni fa

Miss Italia: è Eleonora Lepore di San Candido «Miss Schenna»

Val di Non – Sole – Paganella6 giorni fa

Per ferragosto a Cles quattro giorni di eventi ‘fantastici’

Trento2 giorni fa

Vittoria De Felice contro il PD Trentino: «Partito borghese che non vede i veri problemi della gente»

Trento5 giorni fa

Morì durante una pratica sadomaso a Trento: assicurazioni condannate a risarcire la famiglia

Rovereto e Vallagarina5 giorni fa

Ritrovato dopo due giorni il corpo di Willy, il ragazzo annegato nel lago di Lavarone

fashion4 giorni fa

Ecco la donna più desiderata dagli italiani per una «scappatella»

Val di Non – Sole – Paganella5 giorni fa

Escono di strada con la moto, deceduti due motociclisti

Fiemme, Fassa e Cembra2 giorni fa

Miss Italia torna a Moena: la reginetta è Giulia Barberini. Eletta anche la Soreghina 2023

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza