Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Coltiviamo legalità: c’è un Italia bella, fatta di storie di riscatto e di resistenza

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Dalle centinaia di ragazzi che ogni anno frequentano “Estate liberi”, i campi estivi organizzati dalle cooperative e dalle associazioni che restituiscono i beni confiscati ai boss, frutto di attività illecite, alla collettività attraverso la coltivazione delle terre o tante altre iniziative sociali a favore delle persone.

Questo uno dei tanti messaggi che Margherita Asta ha lasciato al folto pubblico che gremiva la sala Kessler messa a disposizione dalla CooperativaIL SOLE” che oggi gestisce il complesso dei frati cappuccini di Terzolas all’interno del quale ha creato la “Dimora di Frate Sole”, un progetto di co housing destinato ad anziani ma anche a gruppi ed a tutti coloro che vogliono vivere un’esperienza di turismo sociale.

Un centinaio di persone che hanno potuto ascoltare la testimonianza di una giovane, oggi donna e mamma, che ha trasformato in impegno coraggioso il dolore e la rabbia per la morte dei propri famigliari in quella che ella ha definito una “strage di serie z”, spesso dimenticata e della quale poco si parla.

Pubblicità
Pubblicità

Un atto disumano preparato per fermare il lavoro del magistrato Carlo Palermo che, allorquando gli fu sottratta l’inchiesta partita a Trento attraverso la quale scoprì un flusso, spesso garantito da connivenze, di armi e droga dal Brennero a quella che all’epoca era la più grande raffineria di sostanze stupefacenti d’Europa, posta in Sicilia e controllata da Cosa Nostra, chiese di essere trasferito a Trapani per riprendere li, il suo lavoro.

Pochi mesi di lavoro, spezzati a Pizzolungo; Carlo Palermo, racconta Margherita, sopravvisse, ma la sua storia di giudice e la sua vicenda umana uscì fortemente colpita da quel tragico 2 aprile del 1985.

La solitudine, i tanti silenzi della giustizia, non hanno impedito e non impediscono ancora oggi a lei di tenere viva la memoria di Barbara, Giuseppe e Salvatore, la sua giovane mamma e i sui piccoli fratelli; perché solo la memoria seminata e coltivata ogni giorno può generare l’impegno a costruire un paese diverso, fatto di rispetto e di giustizia.

Pubblicità
Pubblicità

Toccante il passaggio in cui Margherita ha narrato il suo incontro con Don Luigi Ciotti, fondatore e presidente di Libera; e di quanto Libera sia stata e sia ogni giorno fondamentale per tenere vivo l’impegno ed il coraggio di testimoniare giustizia.

Matteo ed Emma, giovani studenti di Seregno e di Trento, il tema della memoria lo hanno affrontato insieme a tanti altri ragazzi che, guidati dal prof. Alberto Conci, docente a Trento, si sono impegnati in un lungo percorso di ascolto, confronto e rielaborazione, oggi testimoniati nel Volume: “SE LA GIOVENTU’ LE NEGHERA’ IL CONSENSO“; il loro intervento, denso di contenuti e di emozioni, ha davvero testimoniato quella voglia di cambiare e quel paese nuovo e ricco che lascia la speranza di un futuro diverso.

Certo, ha concluso Margherita, serve l’impegno di ognuno, delle Istituzioni, presenti alla serata e rappresentate dai Sindaci di Terzolas, Luciana Pedergnana che ha patrocinato l’incontro, di Malè, Barbara Cunaccia e di Rabbi, Lorenzo Cicolini, ma dei singoli cittadini, giovani e meno giovani, in un percorso comune di approfondimento ed impegno quotidiano.

E proprio questo è l’obiettivo che COLTIVIAMO LEGALITA’, il gruppo formatosi nelle Valli del Noce, si pone attraverso un percorso che porterà alla costituzione di un Presidio di Libera nelle due Valli.

La prossima tappa, annunciata a fine serata, affronterà un tema più volte citato nell’incontro: l’informazione e la verità.

Partendo dalla memoria di due figure importanti: Peppino Impastato, giovane sindacalista di Cinisi, che attraverso la sua RADIO AUT denunciava apertamente il potere mafioso, ogni giorno, fino al suo omicidio avvenuto il 9 maggio del 1978 e Mauro Rostagno, che fu giovane studente all’università di Trento, che, al pari di Peppino Impastato, pagò il coraggio della denuncia attraverso l’emittente Siciliana Radio Tele Cine per la quale operava come giornalista e conduttore con la morte avvenuta a Trapani il 26 settembre del 1988.

A parlarne un testimone d’eccezione: Giovanni Impastato, fratello di Peppino che dialogherà con un ricercatore della Fondazione del Museo Storico del Trentino e con il giornalista Giorgio Lunelli. L’appuntamento è per il 5 agosto all’auditorium delle Scuole Medie nel Comune di Denno.

Nel frattempo continua il cammino di incontri ed approfondimento di COLTIVIAMO LEGALITA’; gruppo aperto al quale è possibile aderire inviando una email a [email protected].

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Val di Non – Sole – Paganella1 ora fa

A Cavareno si impara l’inglese

Rovereto e Vallagarina1 ora fa

A Folgaria «La lingua batte dove il dente duole»

Val di Non – Sole – Paganella1 ora fa

Bartolomeo Carneri: un trentino illustre valorizzato a Vienna

Rovereto e Vallagarina2 ore fa

Avio: in corso i lavori di sistemazione della strada forestale

Trento2 ore fa

Riconoscimenti OMS-UNICEF: anche i Consultori e i servizi della Comunità di Apss sono Baby Friendly

Trento2 ore fa

Rincari e effetti per i servizi di assistenza, Segnana ha incontrato U.P.I.P.A e Spes

Trento2 ore fa

Fugatti: “Assestamento di bilancio pienamente operativo”

Val di Non – Sole – Paganella2 ore fa

“Aperitorno al futuro”: in Val di Sole un workshop per permettere ai giovani di far sentire la propria voce

Cani Gatti & C3 ore fa

ENPA chiede la riduzione dell’IVA al 10% per pet food e spese veterinarie

Italia ed estero3 ore fa

Nuova inquietante gaffe di Biden. «Jackie, dove sei?», ma la deputata è morta in agosto

Trento4 ore fa

L’Ospedale Santa Chiara di Trento per la terza volta «Amico delle Bambine e dei Bambini»

Vita & Famiglia4 ore fa

Giornata aborto sicuro. Pro Vita: «Di sicuro solo la morte di un bambino»

Trento4 ore fa

Coronavirus, nelle ultime 24 ore in Trentino 658 nuovi positivi

Rovereto e Vallagarina4 ore fa

Ala: serata in ricordo del poeta Giuseppe Caprara

Trento4 ore fa

L’ISS ha catturato il momento in cui l’Uragano Ian si è abbattuto ieri su Cuba e Florida «IL VIDEO»

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza