Connect with us
Pubblicità

Trento

Arresto Mines Hodza: l’attentato era previsto in agosto a Riva del Garda

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Emergono altri inquietanti particolari su Mines Hodza, il cittadino nato in Italia di origine kosovara e residente nel Basso sarca arrestato il 18 giugno dai Carabinieri del Ros, con l’accusa di stare progettando un attentato terroristico in Trentino.

Mines Hodza, perfettamente integrato nel nostro sistema sociale, incensurato e impiegato come perito chimico è indagato, agli arresti domiciliari con il braccialetto, per associazione con finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine democratico, arruolamento ed addestramento con finalità di terrorismo anche internazionale.

Insieme a lui è indagata anche la giovane moglie 18 enne che – secondo le intercettazioni – sarebbe stata disponibile al martirio in nome dello Stato islamico. La giovane dopo l’attentato aveva deciso di trasferirsi subito in Nigeria per raggiungere l’ISIS.

Pubblicità
Pubblicità

Nella decisione sull’applicazione della misura cautelare, l’A.G. è stata determinata dalla necessità di garantire un percorso di deradicalizzazione dell’indagato, nel quale avrà un ruolo fondamentale la famiglia di origine, perfettamente integrata nel tessuto sociale italiano.

Circa un mese fa il giovane di origini kosovare aveva organizzato una “prova” di quello che sarebbe avvenuto nei tempi decisi seguendo scrupolosamente le abitudini e il rito dei più efferati terroristi che hanno lasciato una scia di sangue in tutto il pianeta. Ha pregato chiedendo il coraggio per compiera la strage, (ripreso dalle telecamere installate in casa sua di nascosto dai Ros) per poi viaggiare verso Riva del Garda dove invece di una bomba ha fatto esplodere per «prova» un petardo.

L’indagine dei carabinieri dei Ros era partita nel febbraio 2022 su indicazione dell’Fbi  che aveva segnalato l’accelerazione nel processo di radicalizzazione di Mines Hodza negli ultimi mesi.

Pubblicità
Pubblicità

Il presunto terrorista attraverso la rete aveva cominciato a chiedere informazioni su come fare “una torta”, cioè l’ordigno che avrebbe probabilmente compiuto la strage e aveva cominciato a variare il suo aspetto fisico facendosi crescere òa barba lunga e rasandosi i capelli.

Nel corso dell’operazione, sono state eseguite alcune perquisizioni che hanno consentito di sequestrare materiale informatico e prodotti chimici – precursori per la fabbricazione di ordigni esplosivi – consegnati al Raggruppamento Investigazioni Scientifiche per gli accertamenti tecnici. (clicca qui per vedere le immagini delle telecamere installate in casa di Mines Hodza)

  • Pubblicità
    Pubblicità
Rovereto e Vallagarina3 giorni fa

Tragico incidente nella notte a Isera, perde la vita un 21 enne di Avio

Val di Non – Sole – Paganella5 giorni fa

Mamma orsa in giro con i cuccioli a Spormaggiore – IL VIDEO

Trento2 giorni fa

Rischia di travolgere i bambini, bloccato dai genitori: «Sono soggetto alla 104, non possono farmi nulla»

Trento5 giorni fa

Tutti animalisti con gli orsi degli altri

Rovereto e Vallagarina3 giorni fa

Noriglio in mano alle baby gang e al degrado. La denuncia di Andrea Bertotti

Fiemme, Fassa e Cembra4 settimane fa

Trentasette anni fa la tragedia di Stava: per non dimenticare!

Trento6 giorni fa

Mega rissa tra stranieri in centro storico nella notte – IL VIDEO

eventi5 giorni fa

Miss Italia: è Eleonora Lepore di San Candido «Miss Schenna»

Val di Non – Sole – Paganella6 giorni fa

Per ferragosto a Cles quattro giorni di eventi ‘fantastici’

Trento2 giorni fa

Vittoria De Felice contro il PD Trentino: «Partito borghese che non vede i veri problemi della gente»

Trento5 giorni fa

Morì durante una pratica sadomaso a Trento: assicurazioni condannate a risarcire la famiglia

Rovereto e Vallagarina5 giorni fa

Ritrovato dopo due giorni il corpo di Willy, il ragazzo annegato nel lago di Lavarone

fashion4 giorni fa

Ecco la donna più desiderata dagli italiani per una «scappatella»

Val di Non – Sole – Paganella5 giorni fa

Escono di strada con la moto, deceduti due motociclisti

Fiemme, Fassa e Cembra2 giorni fa

Miss Italia torna a Moena: la reginetta è Giulia Barberini. Eletta anche la Soreghina 2023

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza