Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Strade chiuse senza motivo, tariffe parcheggi raddoppiate. A Rovereto il Comune isola il centro città

Pubblicato

-

foto della strettoia di corso Bettini chiusa senza alcun motivo dal 13 giugno scorso!
Pubblicità

Pubblicità

Non bastassero il caldo africano di queste settimane, i timori per il conflitto in Ucraina, la diminuita capacità di spesa di molte famiglie a causa dei rincari di gas ed energia elettrica, la sopravvivenza delle attività economiche del centro di Rovereto è messa a dura prova proprio dall’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Francesco Valduga (con sguardo sempre più rivolto alle elezioni provinciali del prossimo anno), che insieme alla sua giunta sta assumendo una serie di provvedimento che come unica ed immediata conseguenza stanno portando allo svuotamento del centro, per lunghe ore della giornata vuoto o semideserto.

Dove sono finiti i roveretani? Perchè, nonostante gli sforzi di esercenti, che hanno confermato quasi totalmente i plateatici esterni nonostante dal 1° aprile scorso siano costretti a pagare profumatamente l’occupazione del suolo pubblico, non si sta ripetendo il piacevole e gratificante flusso di giovani e meno giovani nei locali del centro in orario aperitivo o post-cena?

Negozi vuoti e bar semideserti, uno spettacolo desolante per la seconda città del Trentino.

Pubblicità
Pubblicità

Non serve rivolgersi a Report o a “Chi l’ha visto” per individuare i motivi di questo assurdo fenomeno: dal 28 agosto dell’anno scorso la nuova ztl di via Fontana (chiusa al traffico h24) e via Dante (aperta solo dalle 7 alle 20 dal lunedì al venerdì) ha provocato il primo gravissimo danno, minando le abitudini dei roveretani, alle prese con una viabilità cervellotica e con i cronici problemi di code in intasamenti sulla statale alla rotatoria con via Craffonara e poi con via Cavour, aggravati dal cantiere di piazzale Orsi, che per due anni (?) costringerà i veicoli a transitare a passo d’uomo con un’unica corsia, una cosa incredibile nel 2022.

Secondo grande danno, fatto presente da tutti – cittadini, operatori economici, associazioni di categoria – l’aumento delle tariffe orarie dei parcheggi di superficie ed in struttura, in molti casi raddoppiati (da 1 a 2 euro all’ora nelle vie più centrali, da 50 centesimi a 1 euro nella più ampia zona gialla, come il Follone); una botta tremenda, che tra pochi giorni (il 1° luglio) verrà rafforzata con l’aumento anche degli abbonamenti per lavoratori, residenti e pendolari, anche queste raddoppiati o quasi.

Provvedimenti autolesionistici, in un momento ancora difficile a causa di una pandemia non certo esaurita, dai costi fuori controlli a carico delle imprese, dai fatturati che non stanno tornando ai livelli pre-Covid.

Pubblicità
Pubblicità

L’ltima mazzata arriva pochi giorni fa. Cosa s’inventa la Giunta Valduga? Senza avvisare nessuno chiude la strettoia di corso Bettini, unico accesso da piazza Rosmini verso la via della cultura con teatro, Mart, biblioteca, università per tutta l’estate: tre mesi! Per cosa?

Dopo 2 settimane non si vedono cantieri ne lavori nella strettoria, sembra ci saranno piccole opere sull’acquedotto, chissà quando e comunque non certo da richiede una chiusura totale dal 13 giugno al 10 settembre.

Risultato? Corso Bettini deserto, neppure più garantito il trasporto pubblico urbano (ma non è obbligatorio per legge? La biblioteca non chiude l’estate come le scuole e neppure il mart o l’università!) , esercenti e commercianti sconsolati, clienti spariti e fatturati a picco, molti a rischio chiusura.

E sarebbe drammatico, dopo che si è appena saputo che tra pochi giorni chiuderà per sempre uno dei pochi supermercati rimasti in città, l’Eurospin di S. Maria, finito vittima della folle concorrenza dei grandi colossi della grande distribuzione (e del medesimo marchio, che ha aperto lo scorso anno un punto vendita in località Favorita lungo quella via del Garda che conta 8 supermercati in poco di un chilometro.

Questo, evidentemente, per l’Amministrazione comunale è il vero “Km delle meraviglie”, non quello ricco di storia, cultura ed antiche botteghe che va dal Mart a Santa Maria, che invece di venire valorizzato con strumenti consoni viene bastonato da una serie di provvedimenti della Giunta Valduga del tutto incomprensibili ed autolesionistici.

I roveretani non sono disposti a tacere a lungo, dopo una petizione con diverse decine di firme per dire basta agli aumenti dei parcheggi (ovviamente respinta da Valduga) il malcontento sta montando inesorabilmente e si stanno organizzando altre forme di mobilitazione perché qualcuno non si è reso conto che sta scherzando con la vita di centinaia di persone e di decine di aziende, che chiedono solo di essere messe nelle condizioni di poter lavorare e non penalizzate in ogni modo.

Intanto il sindaco Valduga è stato avvistato stamattina verso le 9.00 tentare di correre verso nord (tra il resto dalla parte sbagliata della carreggiata col rischio di essere investito dai ciclisti o di provocare degli incidenti) sulla ciclabile che collega Isera con Nomi.

Anche lui ha deciso di disertare il centro di Rovereto, e cominciare a mettersi in forma per affrontare il governatore Fugatti alle prossime elezioni provinciali di ottobre 2023.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Rovereto e Vallagarina3 giorni fa

Tragico incidente nella notte a Isera, perde la vita un 21 enne di Avio

Val di Non – Sole – Paganella5 giorni fa

Mamma orsa in giro con i cuccioli a Spormaggiore – IL VIDEO

Trento2 giorni fa

Rischia di travolgere i bambini, bloccato dai genitori: «Sono soggetto alla 104, non possono farmi nulla»

Trento5 giorni fa

Tutti animalisti con gli orsi degli altri

Rovereto e Vallagarina3 giorni fa

Noriglio in mano alle baby gang e al degrado. La denuncia di Andrea Bertotti

Fiemme, Fassa e Cembra4 settimane fa

Trentasette anni fa la tragedia di Stava: per non dimenticare!

Trento6 giorni fa

Mega rissa tra stranieri in centro storico nella notte – IL VIDEO

eventi5 giorni fa

Miss Italia: è Eleonora Lepore di San Candido «Miss Schenna»

Val di Non – Sole – Paganella6 giorni fa

Per ferragosto a Cles quattro giorni di eventi ‘fantastici’

Trento2 giorni fa

Vittoria De Felice contro il PD Trentino: «Partito borghese che non vede i veri problemi della gente»

Trento5 giorni fa

Morì durante una pratica sadomaso a Trento: assicurazioni condannate a risarcire la famiglia

Rovereto e Vallagarina5 giorni fa

Ritrovato dopo due giorni il corpo di Willy, il ragazzo annegato nel lago di Lavarone

fashion4 giorni fa

Ecco la donna più desiderata dagli italiani per una «scappatella»

Val di Non – Sole – Paganella5 giorni fa

Escono di strada con la moto, deceduti due motociclisti

Fiemme, Fassa e Cembra2 giorni fa

Miss Italia torna a Moena: la reginetta è Giulia Barberini. Eletta anche la Soreghina 2023

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza