Connect with us
Pubblicità

Ambiente Abitare

Siccità, anche il Trentino è a rischio. Tonina: «Servono 400 milioni per ridurre le perdite degli acquedotti»

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Ieri durante i lavori della terza commissione provinciale il presidente Job ha ricordato la grave emergenza siccità di cui oggi soffrono alcune grandi regioni in Italia.

A fronte di ciò – ha osservato – sono da apprezzare i sistemi utilizzati in Trentino, che hanno permesso un importante risparmio di acqua per uso domestico e agricolo (in particolare adottando l’irrigazione a goccia) rispetto ad altri territori.

L’assessore Tonina ha sottolineato la situazione drammatica di Lombardia, Emilia Romagna e Piemonte dove l’allerta è passata da media a alta.

Pubblicità
Pubblicità

A suo avviso questo evidenzia la necessità di utilizzare una parte delle risorse del Pnrr in questa direzione. E ha aggiunto che comunque la Provincia non è insensibile alle richieste di approvvigionamento idrico provenienti da queste regioni.

“Già in passato – ha ricordato – era stato concesso un prelievo aggiuntivo dal lago d’Idro a favore della Lombardia. E ora abbiamo anticipato i quantitativi di acqua richiesti dai bacini dell’Alto Chiese“. L’assessore ha infine citato la lettera inviata dalla Provincia ai sindaci di tutti i comuni del Trentino per raccomandare un’attenzione preventiva al tema dei consumi di acqua e un impegno per il monitoraggio dell’utilizzo di quella potabile. Da noi – ha concluso – la situazione non è ancora drammatica perché i compiti li abbiamo già fatti. D’ora in poi però, in assenza di significative precipitazioni, anche l’Adige rischia di non ricevere più acqua dallo scioglimento delle nevi. Quindi anche il Trentino potrebbe trovarsi ad attraversare un’estate molto difficile”.

Gianluca Cavada (Lega) ha sottolineato il problema della dispersione dell’acqua degli acquedotti che in alcuni comuni arriva al 30%: uno spreco a suo avviso enorme per arginare il quale la Provincia dovrà trovare le risorse necessarie a un intervento.

Pubblicità
Pubblicità

L’assessore Tonina ha avvertito però che per questo intervento le risorse di cui la Provincia dispone non basteranno a sistemare l’intero il sistema acquedottistico del Trentino perché sarebbero necessari circa 400 milioni di euro.

Questa è una delle priorità di cui la Giunta dovrà tener conto cercando di recuperare le risorse perché vi sono comuni dove le fontane di notte sono già chiuse a causa delle gravi perdite degli acquedotti.

L’ingegner Franco Pocher dell’Aprie (Agenzia provinciale risorse idriche e energia) ha aggiunto che serviranno interventi infrastrutturali per aumentare la resilienza attraverso l’interconnessione delle reti e il mantenimento in efficienza delle stesse, creando serbatoi e soprattutto introducendo misuratori per disporre dei dati puntuali sull’andamento della situazione.

Questo per avere contezza di come stanno andando le sorgenti in modo da poter intervenire nei casi più gravi in tempi brevi.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento37 minuti fa

Coronavirus in Trentino: un decesso e 324 contagi nelle ultime 24 ore

Trento44 minuti fa

Ancora un incidente nei boschi dell’Altipiano di Brentonico: ferito un boscaiolo 72 enne

Fiemme, Fassa e Cembra45 minuti fa

Maltempo in Alta Val di Fassa, dichiarato lo stato di calamità

Val di Non – Sole – Paganella1 ora fa

Anche il Comune di Spormaggiore è “cardioprotetto”

Val di Non – Sole – Paganella3 ore fa

L’Asuc di Tuenno sistema la strada forestale, il consigliere Santini si complimenta col direttivo

fashion3 ore fa

Ecco la donna più desiderata dagli italiani per una «scappatella»

Italia ed estero3 ore fa

Lancia pietre sulle macchine in autrostrada e minaccia di tagliarsi la gola: bloccato col taser 22 enne egiziano

Alto Garda e Ledro3 ore fa

A Ferragosto la solenne celebrazione votiva di Santa Maria Assunta

Rovereto e Vallagarina3 ore fa

Violento scontro tra un furgone e una corriera a Santa Lucia di Ala, ferito un 48 enne

Alto Garda e Ledro3 ore fa

Arco, sospetti bocconi avvelenati in via San Sisto

Val di Non – Sole – Paganella4 ore fa

Orso, diversi avvistamenti a Spormaggiore: le raccomandazioni del sindaco Pomarolli

Val di Non – Sole – Paganella4 ore fa

Brucia una legnaia nella notte in Paganella: i danni sono ingenti

Rovereto e Vallagarina7 ore fa

Chiuso l’Hotel Des Alpes di Serrada di Folgaria: l’impianto antincendio non funzionava correttamente

Spettacolo8 ore fa

Per Olivia Newton John funerali di Stato in Australia

Rovereto e Vallagarina8 ore fa

Si terranno sabato 13 agosto a Lonigo i funerali di Willy, il 17 enne annegato nel lago di Lavarone

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza