Connect with us
Pubblicità

Trento

Il professor Nevola ci aiuta a capire la crisi della nostra democrazia

La storia di Draghi, la sua visione del mondo, le sue scelte non sono “tecniche”, come si vorrebbe far credere, ma anch’esse squisitamente politiche

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

All’indomani dei referendum sulla giustizia andati quasi deserti, può essere molto utile prendere in mano l’ultima fatica di Gaspare Nevola, (nella foto) professore ordinario di Scienza politica all’Università di Trento, intitolato “Luci e ombre di una democrazia antifascista. Viaggio nella Repubblica” (Carrocci editore).

Trattasi di un testo che è nello stesso tempo una miniera di fatti storici analizzati con acume e un saggio di politologia storica del presente, in cui vengono sottolineati “i nodi irrisolti di una democrazia antifascista legati alla memoria e all’eredità politica del fascismo e dell’antifascismo, del comunismo e dell’anticomunismo, per porre in evidenza come e perché essi continuino a definire il discorso pubblico attuale, il campo politico della democrazia italiana e le tensioni e contrapposizioni politico culturali del perimetro della legittimità democratica nell’Italia contemporanea”.

Il professor Nevola divide il saggio in una parte prima, dedicata al passato come “campo politico” del presente, in cui trova spazio, per esempio, una trattazione dei diversi significati assunti nel tempo e attribuiti dalle varie fazioni ad alcune feste civili, come il 25 aprile, il 2 giugno e il 4 novembre, e una seconda parte intitolata “Viaggio nella Repubblica. Democrazia antifascista e patriottismo costituzionale”.

Pubblicità
Pubblicità

La difficoltà di una memoria condivisa la dice lunga su una democrazia che ha continuato a trascinare nel tempo le lotte fratricide sorte soprattutto con la seconda guerra mondiale. Pensiamo al 25 aprile, al tentativo della sinistra di trasformarlo in una “sua” festa e a quello opposto di De Gasperi di negare alle sinistre il diritto di parlare a nome di tutti i partigiani e di usare la Resistenza medesima non come lotta “a favore della patria tutta intera”, ma “a favore di un solo partito o di potenze internazionali imperialistiche e totalitarie” come l’URSS.

Nell’impossibilità di dare conto di un saggio denso, profondo e per questo meritevole di una lettura meditata, mi permetto di sottolineare due soli tra i passaggi più attuali.

In tempi in cui disertare le urne, non solo per i referendum, sta diventando la norma, il professor Nevola ricorda il significato del voto, essendo le elezioni “un fatto che contiene un principio”, quello della legittimazione democratica del potere: “in quanto pratica simbolico-rituale, andare a votare significa, in linea di principio, esprimere volens nolens, in modo plastico, visibile e all’unisono, sia un coinvolgimento ed una appartenenza di fatto alla propria comunità politica, sia un riconoscimento e una accettazione di fatto della bontà democratica dei principi,  delle regole e delle istituzioni fondamentali posti a definizione del funzionamento del sistema democratico e dei processi che governano i suoi cambiamenti”.

Pubblicità
Pubblicità

Ne risulta di tutta evidenza che quando una gran parte del popolo non si reca alle urne (e, aggiungerei, ne viene tenuta lontana quasi appositamente) la democrazia è in stato agonico.

Il secondo passaggio che vorrei sottolineare si trova alla fine del libro e riguarda “Draghismo e tecnopopulismo”. In un paragrafo tutto da leggere e rileggere, Nevola ricorda che l’attuale premier, “esponente di punta del mondo bancario-finanziario”, non è “né santo né diavolo”, ma “interprete di prestigio del mondo delle èlite neoliberali”.

La sua storia, la sua visione del mondo, le sue scelte non sono “tecniche”, come si vorrebbe far credere, ma anch’esse squisitamente politiche, come è inevitabile che sia: “Possano piacere o meno, le sue scelte per il bene del paese non sono né possono essere ‘tecniche’ o neutre, come invece vorrebbero la vulgata sul ‘governo dei competenti’ e gli alfieri di TINA (There Is Not Alternative) a ogni livello della piramide sociale”.

Viene da chiedersi, per concludere, quanto la retorica sui politici “corrotti” e la cosiddetta “casta” (che lungi dal risolvere gli effettivi problemi, ha invece aperto le porte ai 5s, con gli effetti disastrosi che conosciamo); l’incapacità delle parti di legittimarsi a vicenda; la calata dall’alto di tecnici accompagnati da altisonanti promesse sempre deluse, e, infine, la faziosità non innocente di tanti media, abbiano contribuito a quella disaffezione degli elettori per il voto cui stiamo assistendo.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Piana Rotaliana6 ore fa

Sorpreso a rubare all’interno della bocciofila viene bloccato da un carabiniere in congedo. Arrestato 38 enne italiano

Val di Non – Sole – Paganella6 ore fa

A Terzolas la presentazione dell’archivio musicale del Coro Santa Lucia di Magras e del volume “Vesperale di Varollo”

Val di Non – Sole – Paganella7 ore fa

A Predaia si rifanno le pavimentazioni in porfido

Alto Garda e Ledro7 ore fa

Comune di Madruzzo: l’Assessore Bisesti insieme al sindaco Bortoli, ha visitato le tante realtà scolastiche del territorio

Bolzano8 ore fa

Elicottero dell’esercito in balia del vento: sfiorato l’impatto sulle montagne

Trento8 ore fa

Al Buonconsiglio il convegno sulla certificazione della «Pietra Trentina»

Trento8 ore fa

Primo incontro oggi tra l’assessore provinciale alla mobilità Mattia Gottardi e Trenitalia

Trento9 ore fa

Coronavirus: 760 nuovi positivi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento9 ore fa

Sul sito di Appa è consultabile il report mensile sulla qualità dell’aria di settembre

Trento10 ore fa

Analisi meteorologica del mese di settembre 2022, più asciutto della media

Rovereto e Vallagarina10 ore fa

Variante di Mori ovest: via alla gara per il sottopasso

Val di Non – Sole – Paganella11 ore fa

Sanzeno, camion sbaglia manovra e finisce contro un veicolo parcheggiato

Val di Non – Sole – Paganella12 ore fa

Anestesia di Cles: il nuovo direttore è Michela Zardin

Trento12 ore fa

Paccher alle Camere di Commercio: “Bene ferrovia ma Valdastico resta tassello fondamentale”

Trento12 ore fa

Il gestore del Rifugio Capanna Ghiacciaio sulla Marmolada fa partire una raccolta fondi su Gofoundme

Trento2 settimane fa

Caro bollette, supermercati Eurospin: «Abbiamo perso ogni speranza»

Trento3 settimane fa

Caro energia: dalla provincia arrivano 180 euro per ogni famiglia

Trento5 giorni fa

Relazione della D.I.A.: in Trentino presenti le Mafie Calabresi, nigeriane e albanesi

Trento3 settimane fa

Autovelox e semafori intelligenti in funzione dal 19 settembre. Ecco dove sono installati

Arte e Cultura3 settimane fa

A Riva del Garda Serena Dalla Torre si riconferma campionessa italiana di Body Painting

Trento3 settimane fa

Dopo 20 anni di amore Tony Menegatti sposa la sua Laura

Trento2 settimane fa

Il comune fa cassa: 104 multe in sole 3 ore grazie ai nuovi semafori «intelligenti»

Valsugana e Primiero4 settimane fa

Impiccato in garage, i Carabinieri di Borgo compiono il miracolo

Trento1 settimana fa

Ritrovata la 18 enne scomparsa sabato dopo la scuola

Politica1 settimana fa

Elezioni 2022, ecco i primi trombati eccellenti

Trento2 giorni fa

Sette tornanti: giovane agganciato dall’alettone di una macchina – IL VIDEO

Io la penso così…7 giorni fa

Giulia Torelli: Le turbe psichiche di questo soggetto sono particolarmente evidenti

Val di Non – Sole – Paganella6 giorni fa

Dramma in Val di Non: il corpo di una donna recuperato nella forra del torrente Pongaiola

Trento3 settimane fa

Morto a soli 61 anni Luca Mazzalai, partecipò ad oltre 20 edizioni della Trento Bondone

Le ultime dal Web1 settimana fa

«I vecchi devono stare a casa fermi, immobili, e non devono votare». è bufera su Giulia Torelli – IL VIDEO

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza