Connect with us
Pubblicità

Trento

Valutazione della disabilità, il Trentino scelto dal governo per la sperimentazione di un nuovo modello

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Trentino in campo per la sperimentazione di un nuovo modello per la valutazione e la protezione sociale della disabilità.

L’iniziativa si inserisce in un percorso di riforma promosso dalla Commissione europea e sostenuto, dal punto di vista analitico, dall’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) e dal suo Centro di Trento per lo Sviluppo Locale.

L’obiettivo è semplificare la normativa nazionale sulla disabilità, caratterizzata da una forte frammentarietà, e valorizzare le funzionalità delle persone con disabilità in modo da promuovere la loro inclusione a livello sociale e lavorativo.

Pubblicità
Pubblicità

Tale percorso prevede la sperimentazione di un nuovo modello di valutazione della disabilità in quattro territori italiani, tra cui il Trentino. Il confronto con l’assessore provinciale alla salute, disabilità e famiglia Stefania Segnana, il dirigente dell’Unità di missione disabilità ed integrazione sociosanitaria Roberto Pallanch, gli operatori del settore, le associazioni rappresentative delle persone con disabilità ed i gestori dei servizi è stato fondamentale per analizzare le specificità del Trentino ed individuare le modalità di proseguimento del progetto di ricerca. “Rispondere ai bisogni delle persone con disabilità, con tutte le sfide che questo implica a livello sociale, culturale, organizzativo e finanziario, rappresenta un compito fondamentale per le pubbliche amministrazioni” ha osservato l’assessore Segnana.

L’esponente della Giunta ha accolto dunque con interesse questa “opportunità di cambiamento offerta dalla sperimentazione OCSE: “L’auspicio è che questo percorso offra l’occasione non solo di rafforzare il valore della rete formata da ente pubblico, comunità e terzo settore che caratterizza il nostro territorio, ma anche di migliorare la nostra capacità di lavorare con e per le persone disabili e le loro famiglie”.

Il Trentino è uno dei quattro territori italiani (assieme a Lombardia, Sardegna e Campania) selezionati dal Governo italiano per ospitare il progetto pilota. L’iniziativa sarà attivata nell’autunno prossimo e sarà volta a testare un nuovo strumento per la valutazione della disabilità di primo livello che integri nell’attuale approccio una nozione più olistica di disabilità, in linea con la Classificazione internazionale del funzionamento, della disabilità e della salute.

Pubblicità
Pubblicità

Sarà utilizzata la scheda per la valutazione della disabilità dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ed i risultati saranno confrontati con quelli del sistema vigente per analizzare il potenziale impatto della modernizzazione del sistema di valutazione della disabilità sul welfare, sul mercato del lavoro, sulle finanze pubbliche e sulla società nel suo complesso.

Occuparsi oggi di disabilità significa non solo sostenere prioritariamente interventi in campo educativo e tecnologico, ma condividere e trasmettere la visione di un sistema di welfare sempre più inclusivo, equo ed efficiente.

Proprio perché il concetto di disabilità non si riduce alla dimensione personale dell’individuo ma si riferisce piuttosto al suo rapporto con l’ambiente di riferimento, la programmazione sociosanitaria provinciale pone tra le proprie finalità l’adozione di interventi che abbiano come obiettivo la costruzione evolutiva di un progetto di vita. “E’ in questo contesto che la valutazione multidimensionale della disabilità costituisce il presupposto fondamentale per un accesso equo ai servizi a disposizione della persona, della famiglia e della comunità” sono state le parole dell’assessore Segnana, che ha sottolineato l’importanza di lavorare per un modello di valutazione che metta la persona disabile al centro e che sia orientato alla piena ed effettiva partecipazione e inclusione nella società e che persegua il principio dell’equità nelle opportunità di vita e benessere.

Dalla valutazione della disabilità dipendono infatti l’intensità e la complessità dell’assistenza socio-sanitaria da attivare, le decisioni politiche relative alle priorità di intervento e alla definizione delle risorse necessarie per l’organizzazione e per la programmazione dei servizi.

  • Pubblicità
    Pubblicità
Rovereto e Vallagarina5 giorni fa

Tragico incidente nella notte a Isera, perde la vita un 21 enne di Avio

Val di Non – Sole – Paganella7 giorni fa

Mamma orsa in giro con i cuccioli a Spormaggiore – IL VIDEO

Trento4 giorni fa

Rischia di travolgere i bambini, bloccato dai genitori: «Sono soggetto alla 104, non possono farmi nulla»

Rovereto e Vallagarina4 giorni fa

Noriglio in mano alle baby gang e al degrado. La denuncia di Andrea Bertotti

Trento6 giorni fa

Tutti animalisti con gli orsi degli altri

Fiemme, Fassa e Cembra4 settimane fa

Trentasette anni fa la tragedia di Stava: per non dimenticare!

Trento7 giorni fa

Mega rissa tra stranieri in centro storico nella notte – IL VIDEO

eventi7 giorni fa

Miss Italia: è Eleonora Lepore di San Candido «Miss Schenna»

Val di Non – Sole – Paganella1 settimana fa

Per ferragosto a Cles quattro giorni di eventi ‘fantastici’

Trento3 giorni fa

Vittoria De Felice contro il PD Trentino: «Partito borghese che non vede i veri problemi della gente»

Trento12 ore fa

Trovate dai cani antidroga centinaia di dosi nascoste nelle piazze di Trento: 30 denunce nello scorso week end

Trento6 giorni fa

Morì durante una pratica sadomaso a Trento: assicurazioni condannate a risarcire la famiglia

Fiemme, Fassa e Cembra4 giorni fa

Miss Italia torna a Moena: la reginetta è Giulia Barberini. Eletta anche la Soreghina 2023

Rovereto e Vallagarina6 giorni fa

Ritrovato dopo due giorni il corpo di Willy, il ragazzo annegato nel lago di Lavarone

fashion5 giorni fa

Ecco la donna più desiderata dagli italiani per una «scappatella»

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza