Connect with us
Pubblicità

Trento

Grandi derivazioni idroelettriche: non sussistono interessi pubblici contrastanti con l’uso idroelettrico

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Via libera venerdì dalla Giunta provinciale su proposta del vicepresidente Mario Tonina agli atti preliminari in vista delle procedure di riassegnazione delle 17 grandi derivazioni idroelettriche del Trentino. Le delibere approvate oggi attestano che per nessuna concessione sussistono prevalenti interessi pubblici ad un uso diverso delle acque del tutto incompatibili con l’uso idroelettrico.

Si è giunti a questa conclusione al termine dell’attività istruttoria svolta dal Dipartimento Territorio e trasporti, ambiente, energia e cooperazione, con il supporto dell’Agenzia provinciale per le risorse idriche e l’energia ed in collaborazione con gli altri dipartimenti provinciali. Gli interessi pubblici valutati sono stati in sintesi: la sicurezza del territorio e delle popolazioni, la tutela dell’ambiente e del paesaggio, gli interessi culturali, l’accessibilità del territorio, l’utilizzo delle acque ai fini turistici, sportivi e irrigui.

Un’altra delibera approvata oggi fissa i criteri di priorità per rendere disponibile per altri usi, qualora sia richiesta, una parte dell’acqua fino ad oggi concessa alle grandi derivazioni idroelettriche.

Pubblicità
Pubblicità

Per 17 concessioni di grandi derivazioni d’acqua a scopo idroelettrico si sta avvicinando la scadenza che, in base all’articolo 13 dello Statuto recentemente modificato, è stata prorogata al 31 dicembre 2023 o alla data successiva individuata dallo Stato per analoghe concessioni situate nel rimanente territorio nazionale. Ad oggi questa data è il 31 luglio 2024.

Oggi la Giunta ha approvato gli atti preliminari indispensabili all’avvio delle procedure di riassegnazione. A prescindere dalle diverse possibili forme utilizzabili: gara per l’assegnazione della concessione o gara per la scelta del socio privato per le società miste, oppure istituzione del partenariato pubblico privato, la legge provinciale 4 del 1998, come modificata dalla 9 del 2020, prevede che, prima della scadenza, venga valutato se sussistano prevalenti interessi pubblici ad un diverso uso delle acque in tutto o in parte incompatibile con quello idroelettrico, oppure se sussista un interesse di terzi ad un loro uso diverso.

Dalle delibere approvate oggi emerge che nel complesso non sussistono prevalenti interessi pubblici che ostacolino la continuazione dello sfruttamento idroelettrico. Peraltro, è stata messa in evidenza l’esigenza di prevedere nei prossimi documenti di gara misure, vincoli e prescrizioni per meglio contemperare gli interessi pubblici con l’uso idroelettrico.

Pubblicità
Pubblicità

Si tratta, ad esempio dei vincoli per il deflusso Minimo Vitale e di quelli a tutela della fauna ittica e a favore delle attività della pesca sportiva e di quelli riguardanti la gestione dei serbatoi artificiali sia nell’interesse della sicurezza idraulica dei territori sia per la tutela del paesaggio. In alcune concessioni è stata riconosciuta l’esigenza di assicurare la continuità delle utenze irrigue collettive ed ittiogeniche; per altre sono stati evidenziati vincoli volti a rendere fruibili gli impianti che rappresentano importanti beni culturali in Trentino.

Questi aspetti sono già stati illustrati nei giorni scorsi al Tavolo di Confronto, istituito tra la Provincia ed i soggetti interessati dalla riassegnazione delle concessioni, tra i quali i rappresentanti delle associazioni ambientaliste, dei pescatori e delle attività sportive, quelli dei Comuni – mediante i rappresentanti dei quattro Consorzi BIM e del Consiglio delle autonomie locali -, delle ASUC e della Magnifica Comunità di Fiemme, nonché il rappresentante delle organizzazioni sindacali.

Un’altra delibera assunta oggi, riguarda i criteri per la verifica della sussistenza di eventuali interessi di terzi ad un uso delle acque potenzialmente concorrente con quello idroelettrico. Vengono fissati dei criteri di priorità per rendere disponibile ad altri soggetti, qualora sia richiesta, una parte dell’acqua fino ad oggi concessa alla grande derivazione idroelettrica.

La delibera ha un contenuto altamente tecnico ed è volta a contemperare gli eventuali interessi di terzi ad utilizzare le acque per altri usi tenendo conto, da una parte, della necessità effettiva di produrre energia da fonte rinnovabile e, dall’altra, di conciliarne l’uso con altre potenziali utenze idriche, esistenti e nuove, interferenti con l’idroelettrico. In ogni caso sarà reso prioritario l’uso idroelettrico destinato all’autoconsumo delle cooperative elettriche storiche e di soggetti di interesse generale (comunità energetiche).

Questo importante principio sottolinea l’assessore Tonina introdotto con la legge 9 del 2020, valorizza l’impiego dell’acqua nella produzione di energia nelle forme dell’autoproduzione e per l’autoconsumo collettivo”.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Arte e Cultura37 minuti fa

Parte il circuito estivo del 41° Festival Nazionale di teatro amatoriale «Sipario d’Oro»

Trento1 ora fa

Smart working, esultano i sindacati: fino a 3 giorni a casa

Trento1 ora fa

Manovra di assestamento: 557 milioni di euro a sostegno di imprese e famiglie

Fiemme, Fassa e Cembra1 ora fa

Scontro auto – moto sulla statale 48 delle Dolomiti, 28 enne elitrasportato al santa Chiara

Italia ed estero2 ore fa

Si ribalta in un canale di irrigazione, muore una donna 66 enne

Trento3 ore fa

Da lunedì lavori di risanamento delle fognature nere in centro storico

Aziende3 ore fa

Exterior design: proteggere la piscina con stile grazie alle tapparelle

Trento12 ore fa

Preso il vandalo di Piazza Duomo: scontro fra Ianeselli e azienda sanitaria

Trento13 ore fa

L’addio del questore Francini: «Occorre fare di più contro la mafia e lo spaccio»

Val di Non – Sole – Paganella14 ore fa

Dal 1° luglio artisti all’opera a Borgo d’Anaunia: in cima alla Val di Non torna “Fontane d’Artista”

Italia ed estero14 ore fa

«Revisione scaduta»: la polizia stradale ferma tre carri armati italiani diretti in Ucraina

Piana Rotaliana14 ore fa

Carenza idrica, a Lavis fontane a secco e l’invito a un uso corretto e razionale dell’acqua

Trento15 ore fa

Firmato in Provincia il nuovo accordo per il lavoro agile con le organizzazioni

Trento16 ore fa

Prorogata fino a fine anno la misura «rimborsi visite specialistiche»

Bolzano16 ore fa

Caldaro, violento schianto auto-moto: muore un motociclista

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 99 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. Calano i ricoveri

eventi3 settimane fa

Dal 17 al 26 giugno tornano a Trento le Feste Vigiliane

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 267 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Sbanda, va in contromano e rischia di scontrarsi con altre auto prima di entrare in statale – IL VIDEO

Alto Garda e Ledro3 settimane fa

Stop alla viabilità a Riva del Garda: si girano le scene di un film americano

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 166 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Politica2 settimane fa

Referendum, vittoria dei sì ma niente quorum. Amministrative: nei grandi comuni avanti il centro destra

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 49 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino con nessun positivo al molecolare

Trento3 settimane fa

Attimi di paura alla stazione delle corriere di Trento!

Telescopio Universitario3 settimane fa

UniTrento: da vent’anni il mondo fa tappa qui

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Trovato morto in piscina Stefano Lorenzini di Levico Terme

Società4 settimane fa

L’impresa di Melissa Mariotti tra lavoro in Germania e progetti turistici in Valbrenta

Le Vignette di Fabuffa4 settimane fa

Il 51% degli adolescenti italiani non capisce un testo scritto. Una scuola che fa acqua da tutte le parti

Politica2 settimane fa

L’abbraccio mortale col PD affonda definitivamente il M5stelle

Italia ed estero3 settimane fa

Crolla un ponte sospeso durante l’naugurazione: 25 feriti – IL VIDEO

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza