Connect with us
Pubblicità

Trento

Inaugurata la nuova sede della School of Innovation

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

La School of Innovation trova casa all’Università di Trento. Non uno spazio qualsiasi, ma un vero e proprio hub pensato per assecondare l’incontro tra studenti e imprese e stimolare la creatività, la capacità di ragionamento. Tutto, nel nuovo spazio in via Tommaso Gar 16/2, sa di innovazione.

Dall’arredo, colorato e modulare, adatto per il lavoro di gruppo, con sedie e tavoli che si possono spostare e unire. Fino alle sale, ampie e ariose, tutte cablate e attrezzate con schermi per le presentazioni, che in un attimo diventano spazi di lavoro chiusi, grazie alle pareti mobili separano gli ambienti a seconda delle esigenze di lavoro.

Dopo essere stata ospitata in varie sedi cittadine – tra cui l’ultima nei locali dell’Istituto Artigianelli in piazza Fiera – ora la School of Innovation, con la sua attività di punta, il Contamination Lab – CLab, nato nel 2013 – ha dunque una sede tutta sua. Oltre 900 metri quadri di superficie pronti ad ospitare le attività di coworking e di didattica innovativa, le presentazioni e gli incontri con le realtà imprenditoriali del territorio – decine e decine quelle che sono state coinvolte negli anni – che si rivolgono alla School of Innovation per risolvere problemi aziendali con l’aiuto di studenti e studentesse dell’Ateneo.

Pubblicità
Pubblicità

In quattro anni di attività la School of Innovation ha certificato le competenze di circa 500 studenti e studentesse, a cui se ne aggiungono altri 1600 circa che, a vario titolo, hanno partecipato alle attività del CLab dal 2013. Una struttura che ha mostrato di sapersi anche autofinanziare con gli oltre 100mila euro di contributi raccolti dalle aziende per l’organizzazione di challenges e progetti e oltre un milione da bandi di ricerca nazionali e internazionali.

A inaugurare i nuovi spazi sono stati il rettore Flavio Deflorian insieme al direttore della School of Innovation, Sandro Trento e alla presenza della presidente della Fondazione HIT-Hub Innovazione Trentino, Ivonne Forno e dell’attore e regista Andrea Albertini che ha offerto una piccola dimostrazione di ‘teatro d’impresa’.

«Con questa inaugurazioneha detto oggi il rettore Flavio Deflorian (qui l’intervista) – diamo oggi ai nostri studenti e studentesse, e a tutta la comunità accademica, un luogo dove ritrovarsi, di persona. Portiamo la School of Innovation da progetto sperimentale, a essere un punto di riferimento fisico, stabile, che ancora più di prima saprà attirare idee, entusiasmo, voglia di fare, competenze, necessità diverse. Come prima scuola in Italia dedicata all’innovazione, la School of Innovation offre strumenti per sperimentare innovazione, incentivare il cambiamento e generare impatto concreto nella società.

Pubblicità
Pubblicità

L’Università può essere infatti un fattore di cambiamento e motore di sviluppo in Italia, se punta sul rinnovamento della formazione, con corsi dedicati all’innovazione; se stimola l’imprenditorialità universitaria; se supporta la creazione di start-up e spin-off di studenti e studentesse. Tutte azioni che qui alla School of Innovation si stanno sperimentando con successo. E che vogliamo incentivare».

«È dal 2016, anno di avvio della Fondazione Hub Innovazione Trentino, che la collaborazione tra HIT e l’Università di Trento è attiva con questa iniziativa di contaminazione e innovazione» – ha aggiunto la presidente della Fondazione HIT, Ivonne Forno. «Abbiamo sempre fortemente sostenuto la necessità di uno spazio dove persone, talenti e progetti possano incontrarsi. Al CLab, e con la School of Innovation, si sono svolte e si svolgeranno molte iniziative che ci vedranno lavorare in sinergia. L’Università coltiva e catalizza talenti ai quali HIT propone i propri format innovativi volti a favorire nuovi progetti imprenditoriali ad alto contenuto tecnologico e a mettere in contatto il mondo dell’alta formazione, della ricerca, con il sistema economico e sociale».

Cosa si fa alla School of Innovation – La SOI è una scuola di formazione avviata nel 2017 in via sperimentale dall’Ateneo per occuparsi di innovazione nella didattica, raccogliendo l’esperienza del Contamination Lab, un progetto avviato da UniTrento già nel 2013, grazie a un finanziamento ministeriale. La School è una struttura interdipartimentale che lavora sullo sviluppo della creatività, applicata alla soluzione di questioni concrete e problemi imprenditoriali nei vari ambiti disciplinari.

Un approccio nuovo, che parte dalla didattica universitaria per arricchire i percorsi formativi e i curricula di studenti e studentesse dell’Ateneo con competenze manageriali e imprenditoriali utili e spendibili poi nel mercato del lavoro. Ma anche un volano per catalizzare e far crescere iniziative di innovazione sociale del territorio: idee preziose per lo sviluppo di prodotti, servizi e di nuovi modelli di business in collaborazione con enti locali, associazioni di imprese, cooperative e organizzazioni non profit.

Già prevista in via sperimentale nel primo Piano strategico, la School of Innovation dell’Università è stata confermata anche in quello 2022/27 tra i progetti di sviluppo strutturali e interdipartimentali dell’Ateneo.

La Scuola offrire corsi, laboratori interattivi, seminari interdisciplinari e altre attività formative pluridisciplinari che vengono inserite all’interno dei corsi di studio già esistenti nei vari dipartimenti dell’Ateneo. Previsti anche percorsi personalizzati sotto la guida di mentori, esperti/e o professionisti/e provenienti anche dal mondo esterno. A chi consegue un numero minimo di crediti formativi in almeno due aree disciplinari, la Scuola rilascia un attestato di frequenza che, pur non avendo valore legale, costituisce un valore aggiunto, solitamente molto apprezzato dalle aziende.

In linea con gli sforzi dell’Ateneo per contribuire alla formazione continua sul territorio, la School of Innovation offre formazione anche a persone che già lavorano o che hanno completato gli studi e vogliono aggiornare o completare la loro formazione senza necessariamente conseguire un titolo universitario.
Negli ultimi anni l’attività della School si è concentrata sull’organizzazione di challenges, sfide tra team di studenti che competono per trovare le soluzioni migliori su progetti commissionati dalle aziende, nell’ambito del progetto ECIU University. Per il consorzio di università innovatrici e dinamiche, di cui UniTrento fa parte, la School è infatti diventata punto di riferimento per sfide periodiche che coinvolgono studenti da ogni parte d’Europa.

«Quando la School è nataha spiegato il direttore Sandro Trento durante la cerimonia (qui l’intervista) – c’era un pregiudizio da abbattere. Si diceva che imprenditori si nasce, non di diventa. E tantomeno si può insegnare a esserlo. Ma che ci sia tanto bisogno di imprenditori carismatici e capaci di innovazione nel nostro Paese, lo sappiamo. Allora, era il 2013, i Contamination Lab in Italia non esistevano. Non c’erano modelli da imitare. A Trento abbiamo costruito qualcosa di davvero nuovo. Questo è un luogo dove le aziende dialogano e partecipano alla vita dell’Ateneo e alla formazione degli studenti in veste di mentori, partner e acceleratori. Dove ci sono le condizioni per la nascita di spin off e dove le idee e il cambiamento tecnologico diventano progetti concreti di sviluppo. Quello che chiamiamo ‘contaminazione di idee’. E oggi quel progetto ha anche una dimensione fisica, è un luogo di aggregazione e di crescita, dove si respira un’aria diversa e dove sarà bello trovarsi e stare insieme».

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento1 ora fa

Riqualificazione piazza Mostra, lavori finiti per dicembre

Ambiente Abitare1 ora fa

Rotta attraverso Bocca di Caset, riapre la stazione del MUSE che studia gli uccelli migratori

Trento2 ore fa

Ubriachi e drogati alla guida: denunciate tre persone in val di Non

Giudicarie e Rendena2 ore fa

Nuova legge «slot machine»: arrivano le prime sanzioni in Trentino

Val di Non – Sole – Paganella2 ore fa

Terribile caduta per due motociclisti a Vermiglio: in azione anche l’elisoccorso

L'Editoriale2 ore fa

Cara Sara Ferrari, io voto centro destra e non sono fascista

Trento3 ore fa

Coronavirus in Trentino: un decesso e 105 nuovi contagi nelle ultime 24 ore

Trento4 ore fa

Anche piazza Cesare Battisti ostaggio di degrado e spacciatori. Le drammatiche testimonianze dei residenti

Alto Garda e Ledro5 ore fa

Il Festival Confluenze torna a colorare la Valle dei Laghi dal 16 al 21 agosto 2022

Rovereto e Vallagarina8 ore fa

Vallagarina: 2 arresti e due denunce per spaccio

Val di Non – Sole – Paganella8 ore fa

Molveno, perde il controllo dell’auto e finisce contro la roccia: 22enne elitrasportato al Santa Chiara

eventi8 ore fa

“Valentin Silvestrov & Friends”: un evento storico straordinario, in esclusiva mondiale a Cles

Alto Garda e Ledro9 ore fa

Riva del Garda: bagno di folla per l’Assunta – la Foto Gallery

Politica9 ore fa

PD nel caos: addio al parlamento per Monica Cirinnà

Val di Non – Sole – Paganella10 ore fa

“Anna Toscani e la famiglia Valenti di Monclassico”: il Centro Studi per la Val di Sole presenta l’ultimo libro di Franco Pedrotti

Rovereto e Vallagarina3 giorni fa

Tragico incidente nella notte a Isera, perde la vita un 21 enne di Avio

Val di Non – Sole – Paganella5 giorni fa

Mamma orsa in giro con i cuccioli a Spormaggiore – IL VIDEO

Trento2 giorni fa

Rischia di travolgere i bambini, bloccato dai genitori: «Sono soggetto alla 104, non possono farmi nulla»

Trento5 giorni fa

Tutti animalisti con gli orsi degli altri

Rovereto e Vallagarina3 giorni fa

Noriglio in mano alle baby gang e al degrado. La denuncia di Andrea Bertotti

Fiemme, Fassa e Cembra4 settimane fa

Trentasette anni fa la tragedia di Stava: per non dimenticare!

Trento5 giorni fa

Mega rissa tra stranieri in centro storico nella notte – IL VIDEO

eventi5 giorni fa

Miss Italia: è Eleonora Lepore di San Candido «Miss Schenna»

Val di Non – Sole – Paganella6 giorni fa

Per ferragosto a Cles quattro giorni di eventi ‘fantastici’

Trento2 giorni fa

Vittoria De Felice contro il PD Trentino: «Partito borghese che non vede i veri problemi della gente»

Trento5 giorni fa

Morì durante una pratica sadomaso a Trento: assicurazioni condannate a risarcire la famiglia

Rovereto e Vallagarina5 giorni fa

Ritrovato dopo due giorni il corpo di Willy, il ragazzo annegato nel lago di Lavarone

fashion4 giorni fa

Ecco la donna più desiderata dagli italiani per una «scappatella»

Val di Non – Sole – Paganella5 giorni fa

Escono di strada con la moto, deceduti due motociclisti

Fiemme, Fassa e Cembra2 giorni fa

Miss Italia torna a Moena: la reginetta è Giulia Barberini. Eletta anche la Soreghina 2023

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza