Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Sabato 28 maggio la dodicesima edizione della «Cena di Gala». Attese quasi 700 persone alla Cocea di Taio

Il più grande evento del Trentino nel genere, organizzato dalla fondazione trentina per l’autismo, servirà per finanziare l’inizio del progetto «Dopo di Noi»

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Dopo due anni sabato 28 maggio 2022 torna la cena di Gala organizzata dalla Fondazione trentina per l’autismo.

L’evento, giunto alla sua dodicesima edizione, si terrà come da tradizione presso il centro congressi Cocea di Taio. La cena di Gala rimane ad oggi il più grande evento del genere in assoluto in Trentino.

Anche questa edizione non sarà meno delle altre, infatti le prenotazioni hanno superato le 650 persone.  Complessa, ma molto rodata la macchina organizzativa, che ha il suo cuore nel presidente della Fondazione, l’imprenditore Giovanni Coletti, vera anima di Casa Sebastiano: “L’intera serata è basata sul volontariato, vi sono circa un centinaio di persone che lavorano con il cuore per realizzarla, la cena poi sarà stata preparata dai migliori chef della Val di Non e della Val di Sole, addirittura alcuni hanno chiuso il loro ristorante per partecipare all’evento”.

Pubblicità
Pubblicità

Saranno 12 gli chef presenti con l’aggiunta del mitico «chef eroe» d’America Bruno Serato, veneto di origine, “incoronato” eroe d’America dalla CNN per l’aiuto concreto che da 14 anni garantisce ogni giorno a 2000 bambini bisognosi di Anaheim, a sud di Los Angeles  e testimonial della fondazione Trentina per l’autismo.

Ad animare la serata, che comincerà alle 19.00, la musica e le performance di Fausto Leali e Ivana Spagna, oltre alla presenza di Andrea Fratellini apprezzato ventriloquo. Ma durante la serata sono previste molte sorprese.

Il tutto sarà possibile grazie anche al lavoro dei ragazzi del centro di Formazione Professionale Enaip Alberghiero e Ristorazione di Ossana che ancora una volta si riuniranno a scopo benefico, per la gioia del cuore e del palato per realizzare una cena con i fiocchi e deliziare il palato con raffinata creatività, proponendo ognuno un piatto diverso.

Pubblicità
Pubblicità

Hanno garantito la loro presenza gli assessori Achille Spinelli, Giulia Zanotelli, Stefania Segnana e il governatore Maurizio Fugatti. Ci saranno anche l’onorevole Martina Loss, la consigliera Sara Ferrari, numerosi sindaci e presidenti di categoria. Voci parlano anche della presenza della famiglia Moser quasi al completo.

Il ricavato della beneficenza della cena andrà a finanziare l’inizio del progetto «dopo di noi» per quanto riguarda i soggetti autistici.

Serviranno anche a promuovere percorsi di vita autonomi, supportare i bisogni delle persone con lo spettro autistico e sostenerle nel progetto di vita autonoma, attraverso un percorso di emancipazione e autonomia graduale e accompagnata dalla famiglia.

«Siamo solo all’inizio di questo importante percorso che dovrà sostenere i figli autistici dopo la scomparsa dei genitori.  Sono soddisfatto e contento dalla risposta data dai trentini – ha spiegato il presidente della fondazione trentina per l’autismo Giovanni Coletti  –  e soprattutto quella da parte delle imprese e dei numerosi amici che hanno aderito alla cena di gala con entusiasmo. Fa anche piacere che a fianco di questo nuovo percorso del dopo di noi ci sia anche la politica governativa che sostiene con grosse motivazioni Casa Sebastiano, un’eccellenza europea nel campo dell’autismo».

 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza