Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Avio, la spada dell’età del Bronzo sull’«autostrada della preistoria»

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Quali segreti custodisce la spada dell’età del Bronzo scoperta sul Monte Baldo nel Comune di Avio al confine con la provincia di Verona?

A chi apparteneva quel prezioso reperto archeologico rinvenuto nel maggio dello scorso anno sotto poche decine di metri a circa 1.360 metri di quota? Quale era la sua funzione e quale è stato il suo reale utilizzo? Strumento da combattimento oppure oggetto di culto offerto a qualche divinità pagana? E’ stata perduta oppure lasciata intenzionalmente proprio lì nel luogo (o nelle vicinanze) del suo ritrovamento? Tanti interrogativi ai quali gli esperti di archeologia hanno cercato di rispondere (magari in attesa di una campagna scavi) alla presentazione e alla consegna alla comunità di Avio della spada risalente a 3.300 anni fa ritrovata casualmente in località Acquenere da un escursionista di Costermano, Mirko Miele di 37 anni, appassionato di storia.

Molti gli interrogativi, tante le risposte ma ancora parecchi i “misteri” legati ad un reperto appartenuto molto probabilmente ad una élite guerriera e dalla forte connotazione simbolica e sacrale.

Pubblicità
Pubblicità

La soddisfazione per un reperto così importante che va ad arricchire la collezione dell’Antiquarium di Avio (ospitato nella Casa del Vicario) è arrivata dal sindaco Ivano Fracchetti con i ringraziamenti allo scopritore e alle Sovrintendenze beni artistici di Verona (alla quale la spada era stata consegnata) e di Trento che l’ha restaurata e consegnata ad Avio.

Un altro elemento prezioso per capire la nostra storia antica e in particolare la presenza dell’uomo migliaia di anni fa sul Baldo, via di accesso dalla Pianura Padana per le Alpi“. Un gesto, quello di Mirko Miele, sottolineato più volte per ribadire l’importanza di un rapporto con gli amministratori del territorio e gli enti di tutela: “Quando vengono ritrovati oggetti di questo tipo l’invito è quello di consegnarli alla Sovrintendenza per destinarli, dopo averli studiati e restaurati, alle comunità di appartenenza perché fanno parte del loro patrimonio“.

La montagna e la preistoriaè stato il filo conduttore del convegno molto affollato all’auditorium con le relazioni di grandi esperti: da Paolo Bellintani a Paola Salzani, da Franco Nicolis a Marco Avanzini, da Mara Migliavacca a Maurizio Battisti al Soprintendente per i beni culturali Franco Marzatico.

Pubblicità
Pubblicità

Preziosi gli elementi emersi dagli interventi dei relatori non solo per conoscere la spada dell’età del Bronzo (1.350-1.000 a.C. circa) ma anche per stabilire relazioni con altri reperti di questo periodo, le prime tracce dell’uomo sul Monte Baldo, la frequentazione degli Alti Lessini, la protostoria del territorio di Ala-Avio e della Vallagarima.

Il reperto è emerso lungo l’ipotetico tracciato di quella che è stata denominatal’autostrada della preistoria“, ovvero il percorso utilizzato già dell’uomo di Neanderthal come via di penetrazione nella catena centrale alpina che ha lasciato il segno della sua presenza sul crinale della montagna emersa dai ghiacciai nelle numerose selci (la pietra lavorata per ottenere lame da taglio usate per uccidere gli animali, per scuoiare e lavorare le pelli…) “esportate”  poi fin sulle Dolomiti, selci e territorio già oggetto di studi e di ricerche oltre quarant’anni fa dallo studioso Domenico Nisi.

Le prime tracce dell’uomo trentino sono qui, sul Monte Baldoha sottolineato Avanzini ricordando le migliaia di strumenti (selci) rinvenuti sui rilievi baldensi dei Comuni di Avio e di Brentonico ma anche in territori del Veronese come Prada, Lumini, Ferrara di Monte Baldo. Di epoche successive molti altri ritrovamenti, a testimonianza della frequentazione delle montagne della Bassa Vallagarina fin da epoche remote, sia sul versante della Sega di Ala e in Alta Lessinia, sia sul Baldo: punte di lancia a Pra Alpesina, il coltello di malga Artillone, lo scalpello di Bronzo di Corna Piana…

Tornando alla spada delle Acquenere, il reperto è sostanzialmente integro salvo la perdita degli elementi mobili dell’ammanicatura della quale però rimangono i ribattini per il fissaggio. La spada è stata ripetutamente affilata, quindi era un’arma da guerra che presenta una particolarità: risulta intenzionalmente piegata all’attacco dell’immanicatura per renderla inutilizzabile. E questo fa ritenere che fosse destinata come offerta votiva a qualche divinità.

Ipotesi suffragata sia dal luogo del ritrovamento (altri rinvenimenti di questo tipo sono provenienti da siti in prossimità di luoghi isolati, di valichi montani o di corsi d’acqua come le spade emerse dal Leno  o dal letto del Sarca) che dalla scoperta poco distante (a Malga Artillone) di un coltello del bronzo anch’esso intenzionalmente piegato. Ma il sito di malga Acquenere può riservare altre sorprese?

Da un paio di sopralluoghi fino a questo momento non sono stati rinvenute altre testimonianze, ma, ha assicurato il Soprintendente della Provincia di Trento Marzatico, “andranno sviluppati ulteriori accertamenti per verificare la presenza ed eventualmente portare alla luce altre testimonianze in un’ottica di partecipazione e di condivisione con l’amministrazione comunale di Avio e la Soprintendenza di Verona“.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento16 minuti fa

Ponte di san Lorenzo: dopo una fuga in contromano, bloccato nigeriano ubriaco

Politica57 minuti fa

Da domani in aula a riforma delle Comunità in aula senza tempi contingentati

Trento1 ora fa

Servizio civile: candidature entro fine luglio, 102 nuove proposte e 95 posti a disposizione

Valsugana e Primiero1 ora fa

Tezze rivendica le barriere antirumore

Valsugana e Primiero2 ore fa

Incidente sulla strada verso Baselga di Pinè: rimangono feriti una 76enne e un 83enne – IL VIDEO

Italia ed estero2 ore fa

Napoli: 10 ore al giorno per 280 euro al mese, scoppia la polemica

Trento2 ore fa

È morto Leonardo Del Vecchio, il fondatore del colosso Luxottica. A 22 anni si era trasferito in Trentino

Trento3 ore fa

Investimenti in impianti fotovoltaici: domande per le imprese dal 4 luglio fino a fine dicembre 2023

Italia ed estero3 ore fa

Covid, contagi in aumento: oggi vertice Governo-Inail sulle mascherine. I piani potrebbero cambiare

Rovereto e Vallagarina3 ore fa

“Orto San Marco-Setàp”, a Rovereto un progetto di rigenerazione urbana e sociale

Arte e Cultura3 ore fa

A Mezzano apre i battenti la mostra “Schweizer e i luoghi dell’Anima”

Italia ed estero3 ore fa

The Great Resignation: un fenomeno che preoccupa ma che apre le porte al cambiamento

Fiemme, Fassa e Cembra4 ore fa

Canazei: da non perdere la mostra “70 anni di Soccorso Alpino e Speleologico Trentino”

Trento4 ore fa

Ristorante Zushi: la cucina giapponese a Trento diventa una vera moda

Arte e Cultura4 ore fa

50° anniversario dell’Alleanza Alpina, Arge Alp e Euregio festeggiano insieme

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 83 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 121 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 99 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. Calano i ricoveri

eventi3 settimane fa

Dal 17 al 26 giugno tornano a Trento le Feste Vigiliane

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 166 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Alto Garda e Ledro3 settimane fa

Stop alla viabilità a Riva del Garda: si girano le scene di un film americano

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Sbanda, va in contromano e rischia di scontrarsi con altre auto prima di entrare in statale – IL VIDEO

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 49 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino con nessun positivo al molecolare

Trento3 settimane fa

Attimi di paura alla stazione delle corriere di Trento!

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 267 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Società3 settimane fa

L’impresa di Melissa Mariotti tra lavoro in Germania e progetti turistici in Valbrenta

Politica2 settimane fa

Referendum, vittoria dei sì ma niente quorum. Amministrative: nei grandi comuni avanti il centro destra

Le Vignette di Fabuffa3 settimane fa

Il 51% degli adolescenti italiani non capisce un testo scritto. Una scuola che fa acqua da tutte le parti

Telescopio Universitario3 settimane fa

UniTrento: da vent’anni il mondo fa tappa qui

Io la penso così…4 settimane fa

Protesta pronto soccorso di Arco: dov’erano i manifestanti quando governava il centro sinistra?

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza