Connect with us
Pubblicità

Io la penso così…

Un governo italiano pieno di «Tafazzi»

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Egregio Direttore,

ho sempre pensato che dovere principale di chi regge uno stato sia il benessere e la sicurezza dei propri concittadini. Rilevo invece che, da tempo immemorabile, almeno dagli anni ’60,  non è così ed, anzi, il governo dello Stato è sempre più fine a se stesso, disancorato dai bisogni e dalle aspirazioni e voleri della gente. Casualmente come come nelle dittature, che lor signori in quel di Roma a parole dicono di disdegnare.

E’ infatti esercizio di pura retorica, cioè di fumo negli occhi della massa, sostenere che l’ Italia combatte le autocrazie, oggi quella russa, il cattivo di turno, quando il governo di questo disgraziato Paese è da oltre 20 anni autocratico ed autoreferente, non nato da un volere elettorale ed anzi, l’odierno, costruito proprio per evitare le libere elezioni. Ma poi perché combattere solo l’autocrazia russa e non quella cinese o quella egiziana? Non sono forse stati violenti, sia verso il loro cittadini, sia verso quelli degli altri? Coerenza ed equità vorrebbe che si imponesse l’ embargo  o le sanzioni anche verso questi paesi….

Pubblicità
Pubblicità

Da mesi ci viene fatto il lavaggio del cervello tramite una unilaterale e antistorica campagna stampa con il concetto cheesiste un aggressore ed un aggredito” e che “va difesa ad oltranza la democrazia“. Peccato che l’Italia abbia voltato la testa dall’ altra parte nel 2013 sulle violenze delle milizie paramilitari ucraine ai danni delle popolazioni russofone dei territori oggi coinvolti dalla guerra e nulla abbia fatto per sostenere il rispetto degli accordi di Minsk I ( 2014  ) e Minsk II ( 2015 ) che prevedevano demilitarizzazione, autonomie e libere elezioni in quei martoriati territori. Per inciso all’ epoca era al governo il PD dapprima con Letta e poi con Renzi e Presidente della Repubblica Napolitano.

Neanche l’odierna interventista Europa che, quale cofirmataria di questi accordi per il tramite dell’ OSCE, avrebbe dovuto vigilare sulla loro attuazione, ha fatto alcunché di meglio, all’ epoca troppo occupata a fare il banchiere di se stessa ed a spremere la Grecia. E nemmeno gli Stati Uniti, che all’ epoca avevano il cattivo di turno da combattere in Afghanistan, sempre ben distante da casa loro.

Da mesi ci viene taciuto che di fatto l’ Italia è in guerra, naturalmente senza le procedure costituzionali, perché fornire armi ( quali non è dato di sapere… ) ad un belligerante è atto inequivoco di guerra e a ben poco serve lavare la coscienza dei benpensanti dicendo che la fornitura è per la difesa della democrazia altrui e nostra. Solo ora qualche sprovveduto al governo tira fuori il concetto di economa di guerra per giustificare gli aumenti delle materie prime e delle energie, ma l’ ubriacatura della disinformazione giornalistica ne azzera l’ intrinseca potenzialità di verità.

Pubblicità
Pubblicità

Da mesi si sente parlare di sanzioni e nessuno parla apertamente degli effetti nefasti ed irreversibili a casa nostra di esse. Nessuno dice apertamente che senza il gas russo e senza i raffinati petroliferi russi l’ Italia non passerà l’ inverno: infatti ad oggi gli stoccaggi di gas sono sotto il 40% del potenziale, cioè meno della metà di quello che lo scorso anno avevamo, mentre, per quanto riguarda i raffinati del petrolio, già oggi il gasolio è meno disponibile della benzina e difatti il prezzo del gasolio ha superato quello della verde.

Nessuno dice che in Italia non solo dipendiamo dall’ estero per il petrolio, ma anche per le raffinerie, dato delle 16 esistenti dieci anni fa ne sono rimaste attive solo 4, del tutto insufficienti per i consumi di un solo quarto dell’Italia. Nessuno dice che anche sotto questo profilo l’ Europa è matrigna, in quanto ci obbligherà a ripartire le nostre insufficienti scorte di gas con il resto d’ Europa, dato che i nostri stoccaggi sono di gran lunga i più consistenti.

Nessuno dice che la carenza o l’ antieconomicità delle energie sta provocando migliaia di cassintegrati – futuri disoccupati – e chiusure di aziende che, paradossalmente, hanno consistenti ordini dall’ estero che non conviene evadere, a tutto beneficio di Cina ed India, i quali saggiamente, sono rimasti alla finestra su un conflitto che non è il loro. Nessuno dice che per sopravvivere dovremo comperare gas (e raffinati petroliferi ) in giro per il mondo, e special modo dagli Stati Uniti, a prezzo maggiore del già impossibile prezzo attuale senza avere le attrezzature – rigassificatori – sufficienti per farlo e che tali attrezzature le stiamo ordinando dagli USA a prezzi elevati.

Nessuno ci dice qual è la consistenza ed il prezzo delle armi che forniamo all’ Ucraina, dove le abbiamo comperate ed a quale prezzo o se rivendiamo fondi di magazzino, e se ci sarà una contropartita, al di là delle pacche sulle spalle che quotidianamente il sig. Zelensky ci invia via internet. Nessuno dice nulla che non sia gradito ai vertici della UE e della NATO e nessuno ha il coraggio di ammettere che la “transizione ecologica” fatta a debito, sulla pelle della gente e con le pezze al culo è una boiata pazzesca, oltre che una chimera.

In altri paesi europei invece,  democratici  più di noi e anche molto più avveduti, qualcuno inizia a mettere i puntini sulle i. Il messaggio è chiaro: …democrazia occidentale si, ma non a costo della distruzione della nostra economia. I Tafazzi al governo li lasciamo all’Italia….

Avv. M.Stefano Sforzellini – Trento

(Potete inviare le email al direttore da inserire nella rubrica «io la penso così» scrivendo a: redazione@lavocedeltrentino.it – La vostra opinione conta, sempre….)

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Piana Rotaliana30 minuti fa

Il Comune di Terre d’Adige concede in affitto “Casa Santel”

Val di Non – Sole – Paganella45 minuti fa

Dopo il successo del “Festival delle Bande Nonese”, Palazzo Arzberg Freihaus si prepara a ospitare il raduno dei Gruppi Storici

Trento2 ore fa

Violento incidente sulla SS47 della Valsugana, una persona ferita e un’auto ribaltata. Disagi al traffico

Val di Non – Sole – Paganella2 ore fa

All’Auditorium Russel di Cles i cittadini della Val di Non si chiedono “Quale futuro?” in un incontro aperto al pubblico

economia e finanza2 ore fa

Il paradosso del gas russo: tra le reali necessità energetiche dei Paesi e le intenzioni di sanzionare Putin

Trento3 ore fa

Trentino Music Arena: un luogo da tenere in grande considerazione per i giovani

Trento3 ore fa

Viabilità Vasco, chiusa la tangenziale: riaprirà sabato alle 8. Via Lidorno interdetta ai pedoni

Italia ed estero4 ore fa

Draghi non molla, cessate il fuoco, negoziati e aiuti militari. Salvini: “io non ci sto”

Trento4 ore fa

Concerto di Vasco Rossi: nessun disagio per lo sciopero sul trasporto pubblico

Italia ed estero4 ore fa

Ddl concorrenza, Draghi alla maggioranza: “Chiudere entro maggio o Pnrr a rischio”

Trento5 ore fa

Traffico in aumento: evitare di uscire al casello di Trento sud per entrare in città

Trento5 ore fa

La città dei festival con i colori del popolo di Vasco. I fan: “Trento ben organizzata”

Trento5 ore fa

Parco delle Coste: l’inciviltà continua, ma stavolta i ragazzi non centrano nulla

Trento5 ore fa

Vandali alla Uil pensionati, la solidarietà di Fugatti e della Giunta

Trento5 ore fa

Zootecnia e latte trentino in difficoltà, la Provincia risponde con 4 milioni di aiuti straordinari

Trento2 settimane fa

Mauro Ottobre perde anche in appello con La Voce del Trentino. Dovrà pagare altri 22 mila euro

Trento4 settimane fa

Coronavirus in Trentino: un decesso e salgono contagi e ricoveri nelle ultime 24 ore

Politica3 settimane fa

Nella prossima seduta consiliare in discussione 6 ddl, compreso quello sulla terza preferenza

Trento3 settimane fa

Coronavirus: contagi contenuti e nessun decesso nelle ultime 24 ore

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Orso a spasso tra i meleti di Mechel – IL VIDEO

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Fiamme in centro storico a Denno – IL VIDEO

Trento1 settimana fa

Coronavirus: un decesso e 326 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento1 settimana fa

Coronavirus: contagi e ricoveri in calo nelle ultime 24 ore

Trento4 settimane fa

Concerto Vasco Rossi: ecco la viabilità alternativa per minimizzare i disagi

Telescopio Universitario3 settimane fa

Ricerca, l’Europa premia ancora l’Università di Trento

Trento1 settimana fa

Coronavirus: 426 contagi nelle ultime 24 ore. In salita i ricoveri

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 156 contagi e nuovo balzo in avanti dei ricoveri nelle ultime 24 ore

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 66 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Politica3 settimane fa

Anche una delegazione Trentina alla conferenza di Fratelli d’Italia, Meloni: «E’ arrivato il nostro tempo»

Trento3 settimane fa

Vasco diffonde la prime foto del grande palco del Concerto di Trento. Saranno 11 i musicisti impegnati nel live

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza