Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

Trento Film Festival: la Natura e la Terra vanno ascoltate

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Com’è bello stare nella natura, nel silenzio, in pace.” Quante volte ci è capitato di sentire questa frase? Per quanto poetica possa sembrare, non dobbiamo però dimenticare che stare nella natura non vuol dire essere in un luogo silenzioso, anzi. 

La natura ci parla, così come il nostro pianeta. Ogni cosa è comunicazione: tutto è connesso con tutto. Suoni, rumori, vite, molecole. Ogni cosa trasmette qualcosa: bisogna solo imparare ad ascoltare. 

Quello che questa 70^ edizione del Trento Film Festival è riuscita a comunicare è che l’essere umano vive in un momento in cui deve iniziare a comprendere l’importanza assoluta dell’interagire in maniera sana ed approfondita non solo con tutto ciò che ci circonda, ma anche con il pianeta stesso su cui abita.

Pubblicità
Pubblicità

In “Ora sono diventata foresta” di Irene Dorigotti c’è stata occasione di immergersi completamente tra gli alberi di un bosco, tra le luci e le ombre che filtravano attraverso le foglie. Lentamente si è arrivati a sprofondare in una dimensione onirica, cullati dal lento avanzare del tempo e della pellicola. Un ascoltare e vedere con non tanto con la meraviglia e lo stupore negli occhi, ma con la consapevolezza che tutto ciò che ci circonda riesce ad essere reale e costante, mentre l’essere umano tende invece a perdersi nei meandri di se stesso, perdendosi così molti attimi unici ed esperienze che andrebbero invece colte subito.

Ed è sul tema dei cambiamenti climatici che affondano poi le radici – anche solo in parte – altre pellicole. 

Commoventi gli interventi in “Vaia, la lunga notte. Testimonianze” di Stefano d’Amadio. Tutti ricordiamo la terribile notte tra il 29 e il 30 ottobre 2018 quando violente raffiche di vento e piogge incessanti hanno causato la distruzione di oltre 42.000 ettari di foreste alpine nell’Italia nord orientale. “Definita come la peggior catastrofe forestale del nostro paese, la tempesta Vaia ha cambiato per sempre il volto di quei boschi. Proprio i volti sono gli attori protagonisti di questo documentario. La narrazione di quella tremenda notte viene scalzata, per dar spazio a ciò che da essa può ripartire.” Certo, perché se da un lato ci si trova a coesistere con una tale distruzione, da un altro si guarda invece verso il futuro, verso la rinascita.

Pubblicità
Pubblicità

È il cerchio della vita che accomuna tutto il pianeta: si parte dalla polvere, si crea, si distrugge e si torna polvere. Una sorta di serpente che si morde la coda, nell’inesorabile proseguo del suo gesto senza fine. Perché alla fine, che cosa rappresenta l’uomo davanti alla natura, davanti al tempo? L’essere umano non è che una minuscola formica paragonato al pianeta che abitiamo.

E questo è stato ben chiaro in “After Antarctica” di Tasha van Zandt. “La prima epica traversata del Polo Sud a piedi, compiuta nel 1989–90 da sei uomini di paesi diversi, rivive negli splendidi filmati originali e nei ricordi di uno di loro: Will Steger, leggendario esploratore polare, testimone diretto dei più grandi cambiamenti nelle regioni polari del pianeta. Attraverso avvincenti filmati d’archivio che rendono il passato più attuale che mai, il film diventa un thriller naturalistico che ci tiene con il fiato sospeso. Oggi, le riflessioni del settantenne Steger si cristallizzano in una profonda autobiografia filmata, una meditazione sulla mortalità e un requiem per il ghiaccio.

La trama racconta e mostra già quello che poi si ritrova nella pellicola. La crudeltà di un continente ancora adesso poco conosciuto, un luogo che lentamente illude il gruppo di Steger, salvo poi colpirlo con quanta più forza possibile. Una riflessione profonda che si riflette sulla vita che siamo soliti vedere tutti i giorni dal caldo e dalla comodità delle nostre case. 

Non sarebbe forse tutto più semplice se l’essere umano ricordasse di avere delle gambe e non delle radici? Come sarebbe la vita se tutti avessero quella scintilla di incoscienza, intraprendenza e voglia di scoprire non solo i più remoti angoli del mondo, ma anche della propria persona, della propria anima? Temi tra l’altro affrontati anche in “Una città di carta” di Guido Laino, la storia dei sogni di una comunità – quella del Tesino – che è andata per il mondo a cercare fortuna e che oggi cerca di tenere vivo il ricordo della propria epopea passata.

Nella storia della piccola comunità del Tesino, infatti, c’è un’attività di vendita ambulante di stampe che ebbe una clamorosa fortuna tra la fine del ‘600 e l’inizio del ‘900. “Fra tutte le città in cui i tesini si sono stabiliti, San Pietroburgo è la più adatta a rappresentare la destinazione lontana di ogni emigrante” ed è proprio quella leggerezza nel partire e nell’andare alla scoperta del mondo che in questa pellicola si ha occasione di guardare i bellissimi scorci di San Pietroburgo, una delle città più calcolate – nella loro costruzione – e quasi irreali del mondo.

Ed è ancora nella ricerca di risposte che si svolge invece l’attesissimo “Fire of Love” di Sara Dosa, film tra l’altro più votato dal pubblico tra i documentari lungometraggi in Concorso e vincitore del Premio del pubblico – Miglior Lungometraggio – DAO-Conad.

Un film d’avventura unico, poetico e visivamente stupefacente su una coppia di scienziati francesi, montato interamente con i loro filmati di viaggio alla ricerca di vulcani attivi negli anni ’70 e ’80. Gli intrepidi vulcanologi francesi Katia e Maurice Krafft hanno viaggiato per il mondo alla ricerca di eruzioni vulcaniche e nuvole di cenere. Fortunatamente, hanno filmato tutti i loro viaggi, e il loro incredibile archivio personale di pellicole in 16mm è una testimonianza avvincente di una vita dedicata all’esplorazione. Realizzato interamente con i loro filmati, lettere e appunti, il film di Sara Dosa è quanto di più lontano da un ritratto tradizionale si possa immaginare. FIRE OF LOVE è arte cinematografica pura, poetica ed estroversa, con l’esuberanza di un film della nouvelle vague francese, e ci offre alcuni dei momenti più belli – e tragici – che si possa immaginare di vedere in un film. 

Una storia dai risvolti drammatici, ma di un’importanza fondamentale nella conoscenza e nella diffusione di materiale riguardanti i Vulcani. 

Un messaggio potente ancora adesso: non si conosce mai abbastanza di questo pianeta, ed è importantissimo che ci siano ancora delle menti abbastanza brillanti e coraggiose da volersi imbarcare in viaggi da cui si rischia di non tornare mai.

Perché alla fine, la conoscenza e le risposte sono quanto di più necessario all’uomo per non solo convivere al meglio con il pianeta Terra, ma anche per riuscire ad instaurare con esso un rapporto di condivisione e non solo di sfruttamento. Più si riescono ad avere risposte e più ci sarà sempre l’occasione di salvare sempre più persone, in caso di drammatici incidenti. 

Perché le risposte portano alla conoscenza e quest’ultima porta ai miglioramenti che possono fare la differenza. 

E, forse, è il caso che tutta l’umanità inizi ad essere meno egoista e ad aprirsi di più verso l’ignoto. Perché quando si parte per un viaggio spesso si trovano le risposte tanto cercate, certo, ma non è raro che invece le risposte necessitino molto più tempo di quello previsto. E sono proprio quelle le esperienze che permettono di conoscere nel profondo la propria essenza e di creare una vera connessione con questo mondo che sta tanto soffrendo proprio a causa dell’essere umano. 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento34 minuti fa

Piano attività 2022-2024 Trentino sviluppo: in arrivo altri 4 milioni di euro

Trento9 ore fa

Scuola, stop all’obbligo di indossare le mascherine per personale e alunni

Val di Non – Sole – Paganella9 ore fa

“Quello che possiamo imparare in Africa”: Cavareno incontra don Dante Carraro

Trento10 ore fa

Sanità trentina: 4,5 milioni di euro per abbassare le liste di attesa

Valsugana e Primiero12 ore fa

Era evaso dai domiciliari, 25 enne del Burkina Faso arrestato a Levico Terme

Val di Non – Sole – Paganella12 ore fa

La Pro Loco di Tassullo si rinnova: Luca Pilati è il nuovo presidente

Arte e Cultura12 ore fa

Il Mart a Palazzo Libera e al Parco Guerrieri Gonzaga di Villa Lagarina

Trento13 ore fa

Coronavirus in Trentino: un decesso e 324 contagi nelle ultime 24 ore

Trento14 ore fa

Ancora un incidente nei boschi dell’Altipiano di Brentonico: ferito un boscaiolo 72 enne

Fiemme, Fassa e Cembra14 ore fa

Maltempo in Alta Val di Fassa, dichiarato lo stato di calamità

Val di Non – Sole – Paganella14 ore fa

Anche il Comune di Spormaggiore è “cardioprotetto”

Val di Non – Sole – Paganella15 ore fa

L’Asuc di Tuenno sistema la strada forestale, il consigliere Santini si complimenta col direttivo

fashion15 ore fa

Ecco la donna più desiderata dagli italiani per una «scappatella»

Italia ed estero16 ore fa

Lancia pietre sulle macchine in autrostrada e minaccia di tagliarsi la gola: bloccato col taser 22 enne egiziano

Alto Garda e Ledro16 ore fa

A Ferragosto la solenne celebrazione votiva di Santa Maria Assunta

Val di Non – Sole – Paganella2 giorni fa

Mamma orsa in giro con i cuccioli a Spormaggiore – IL VIDEO

Fiemme, Fassa e Cembra4 settimane fa

Trentasette anni fa la tragedia di Stava: per non dimenticare!

Trento2 giorni fa

Tutti animalisti con gli orsi degli altri

Trento2 giorni fa

Mega rissa tra stranieri in centro storico nella notte – IL VIDEO

Rovereto e Vallagarina2 giorni fa

Ritrovato dopo due giorni il corpo di Willy, il ragazzo annegato nel lago di Lavarone

Trento2 giorni fa

Morì durante una pratica sadomaso a Trento: assicurazioni condannate a risarcire la famiglia

Val di Non – Sole – Paganella3 giorni fa

Per ferragosto a Cles quattro giorni di eventi ‘fantastici’

Val di Non – Sole – Paganella2 giorni fa

Escono di strada con la moto, deceduti due motociclisti

Trento2 giorni fa

Grosso incendio presso la discarica Podetti. In azione decine di vigili del fuoco

Rovereto e Vallagarina2 giorni fa

Lavarone: anche oggi si cerca senza sosta il corpo di Willy

Rovereto e Vallagarina2 giorni fa

“Ciao Willy, avrai un intera comunità che pregherà e si ricorderà di te, buon viaggio” il saluto del Comune di Lavarone

fashion15 ore fa

Ecco la donna più desiderata dagli italiani per una «scappatella»

Trento3 giorni fa

1.000 euro ad una famiglia trentina: l’Hotel dovrà risarcire il 50% della vacanza

eventi3 giorni fa

Miss Italia: ad Andalo vince la 18 enne Isabel Vincenzi

Italia ed estero2 giorni fa

29 enne austriaca rifiuta un’eredità di 4 miliardi di euro

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza