Connect with us
Pubblicità

Trento

Se la Russia ferma le forniture di gas ci aspettano blackout e aumenti fuori misura: a pagare sono sempre i cittadini

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

La guerra in Ucraina non accenna ad interrompersi. Anzi, sembra essere in continuo climax verso un conflitto esteso a più nazioni. Le affermazioni dei vari rappresentanti istituzionali dei paesi sono più che mai preoccupanti.

La guerra potrebbe estendersi su scala mondiale. In qualche modo lo è già. Oltre alle bombe, ai palazzi crollati e alle famiglie in frantumi, c’è anche la guerra di tipo economico.

Mosca l’altro ieri ha “tagliato” il gas a Polonia e Bulgaria poiché le due nazioni hanno deciso di non pagare in rubli. A quanto pare, anche gli altri paesi europei avrebbero intenzione di seguire a ruota libera le decisioni dei due paesi.

Pubblicità
Pubblicità

Questo tipo di scelta verrebbe fatta per impedire al Cremlino di finanziare la guerra con i soldi occidentali. E’ dunque possibile che anche l’Italia si troverà ad affrontare l’assenza di metano russo dal quale dipende per la maggiore.

Per fare un esempio di un altro paese dipendente dal metano come l’Italia, la Germania, a causa di questa decisione potrebbe dover affrontare una pesante recessione con danni sull’economia di quasi 180 miliardi di euro.

La situazione italiana non si discosterebbe di molto. Sono 29 miliardi i metri cubi di gas che importiamo dalla Federazione. Sono il 40% del totale importato.

Pubblicità
Pubblicità

Anche se la nostra nazione riuscisse a trovare il modo di rimpiazzare alcune di queste forniture, sarebbe impossibile recuperarle per intero.

C’è anche da tenere in conto che il gas recuperato proverrebbe da paesi africani come Algeria, Libia e Congo, quindi paesi economicamente e soprattutto politicamente instabili.

Pur contando sull’apporto di questi paesi (per nulla scontato) l’Italia, secondo alcuni studi, si troverebbe ad affrontare una carenza fra gli 8,9 e i 10,5 miliardi di metri cubi di metano. Le conseguenze? Aumenti dei prezzi alle stelle e blackout.

Come già successo nella storia d’Italia, potrebbero essere decisi dei blackout di alcune ore, la sera potrebbero essere interrotti i programmi televisivi oppure potrebbero essere architettati altri modi per risparmiare sul gas e sull’energia.

A pagare, naturalmente, saranno sempre i cittadini. Così è sempre stato. Un’ulteriore riflessione da fare riguarda il continuo rifornimento di armi che viene mandato verso l’Ucraina.

A prescindere dalla retorica pacifista, continuando a mandare armi a Kiev, la guerra non finirà, o almeno si prolungherà. Così facendo si prolungheranno anche le sofferenze degli italiani.

Se l’Ucraina decide di non arrendersi e così la pensa anche la Russia, tutti dovranno continuare a soffrire.  Siamo però sicuri che tutti gli italiani siano disposti a lacerarsi il portafoglio per una guerra che secondo molti non ci appartiene?

 

  • Pubblicità
    Pubblicità
Rovereto e Vallagarina5 giorni fa

Tragico incidente nella notte a Isera, perde la vita un 21 enne di Avio

Val di Non – Sole – Paganella7 giorni fa

Mamma orsa in giro con i cuccioli a Spormaggiore – IL VIDEO

Trento4 giorni fa

Rischia di travolgere i bambini, bloccato dai genitori: «Sono soggetto alla 104, non possono farmi nulla»

Rovereto e Vallagarina4 giorni fa

Noriglio in mano alle baby gang e al degrado. La denuncia di Andrea Bertotti

Trento6 giorni fa

Tutti animalisti con gli orsi degli altri

Fiemme, Fassa e Cembra4 settimane fa

Trentasette anni fa la tragedia di Stava: per non dimenticare!

Trento7 giorni fa

Mega rissa tra stranieri in centro storico nella notte – IL VIDEO

eventi7 giorni fa

Miss Italia: è Eleonora Lepore di San Candido «Miss Schenna»

Val di Non – Sole – Paganella1 settimana fa

Per ferragosto a Cles quattro giorni di eventi ‘fantastici’

Trento3 giorni fa

Vittoria De Felice contro il PD Trentino: «Partito borghese che non vede i veri problemi della gente»

Trento11 ore fa

Trovate dai cani antidroga centinaia di dosi nascoste nelle piazze di Trento: 30 denunce nello scorso week end

Trento6 giorni fa

Morì durante una pratica sadomaso a Trento: assicurazioni condannate a risarcire la famiglia

Fiemme, Fassa e Cembra3 giorni fa

Miss Italia torna a Moena: la reginetta è Giulia Barberini. Eletta anche la Soreghina 2023

Rovereto e Vallagarina6 giorni fa

Ritrovato dopo due giorni il corpo di Willy, il ragazzo annegato nel lago di Lavarone

fashion5 giorni fa

Ecco la donna più desiderata dagli italiani per una «scappatella»

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza