Connect with us
Pubblicità

Giudicarie e Rendena

Porte di Rendena: «Biodigestore», mancano informazioni

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Difformità tra i dati del progetto per la deroga urbanistica e quelli del verbale provinciale che avalla l’iniziativa; carenza di informazioni su materiali e cubature; incertezza sull’esclusività d’uso dell’impianto da parte della ditta Elio Valentini.

Queste le principali perplessità che la giunta comunale di Porte di Rendena ha manifestato alla serata informativa – molto partecipata – sull’ipotesi di realizzazione di un biodigestore a Javrè.

«Servono informazioni certe. Solo allora il Comune valuterà il progetto, verso il quale non ha preconcetti. Sono informazioni fondamentali e non può essere il proponente Valentini o l’investitore Future Power a fornircele: devono essere gli enti preposti ai quali già ci siamo rivolti. Noi dobbiamo esprimerci su una deroga urbanistica che impegna la popolazione e il territorio: non possiamo farlo senza avere tutti gli elementi». A parlare sono stati, per l’amministrazione, il sindaco Enrico Pellegrini e il vicesindaco Federico Dallavalle.

Pubblicità
Pubblicità

In apertura di serata – condotta dalla giornalista Jessica Pellegrino – il sindaco ha spiegato che il piano regolatore non prevede aree per la costruzione di un biodigestore. Serve una deroga urbanistica e un progetto è stato depositato in Comune: dal 26 aprile al 16 maggio, sarà visibile al pubblico e chiunque potrà presentare osservazioni.

È stato proiettato un video con un’intervista, realizzata dagli investitori, all’imprenditore e agricoltore Elio Valentini, titolare dell’allevamento di Javrè all’interno del quale si vuole costruire il biodigestore, per trattare il letame prodotto dallo stesso. È dunque seguito l’intervento dell’ingegner Marco Baudino, di Future Power, che ha illustrato il processo che produce digestato, energia elettrica e termica. Ha spiegato che questi impianti sono una realtà consolidata in Svizzera mentre, in Italia, sarebbe il primo.

L’impianto dovrebbe gestire 4.000 tonnellate l’anno: 2.900 di letame e il resto da residui di mangiatoia, stocchi, fieno ammalorato, sfalci e potature verdi tutto prodotto dalla stessa azienda. Per la Future Power è intervenuto anche Matteo Bianco che ha spiegato dei riscontri ottenuti dall’Università di Torino sul digestato svizzero: un prodotto migliore di quello in ingresso e che può essere venduto insacchettato.

Pubblicità
Pubblicità

Il vicesindaco Federico Dallavalle ha espresso le perplessità dell’amministrazione comunale e del territorio: «Non abbiamo avuto mai un vero coinvolgimento sul progetto. Stasera, e da qualche articolo di stampa degli scorsi giorni, scopriamo che parte dell’acqua calda prodotta sarà ceduta agli edifici pubblici: dunque si tratterebbe di una collaborazione, ma finora il tutto si era presentato come iniziativa privata, col Comune quale solo referente per approvare la deroga».

Dallavalle ripercorre poi tutte le interlocuzioni avute, sottolineando le carenze informative. «Non abbiamo ancora certezza sul dimensionamento definitivo e su dove finirà il digestato. Se tutto il suo letame entra nel digestore e il prodotto finale del processo si vende, poi come concimerà i suoi campi Valentini? Sorprende che, per un progetto di questo tipo, non sia stato prodotto il PUA (piano di utilizzazione agronomica) prima dell’approvazione da parte della sottocommissione della CUP, in quanto questo documento è la carta di identità dell’azienda ed è stato fatto solo successivamente».

Dallavalle sottolinea anche: «Ci è stato scritto sui documenti ufficiali che questo è un progetto pilota. Porte di Rendena non è mai stato interpellato per essere un avamposto e non è disponibile a fare da pilota senza un coinvolgimento, e l’incertezza sui tonnellaggi giustifica il timore che ci sia la tentazione di “importare” letame. Uno dei documenti ufficiali prodotti in risposta a parte dei nostri quesiti, cita del resto la possibilità di conferimento di altri allevatori, mentre il progetto no, in quanto pure vietato dalla norma di settore. Ci viene detto che è ancora allo studio la fine che farà il digestato in uscita. Ma noi non possiamo decidere la deroga su informazioni in divenire».

Le risposte, chiarisce poi il sindaco, devono venire dagli uffici provinciali: il servizio agricoltura e il servizio urbanistica. Secondo le norme, il Comune non può nemmeno dare un incarico a un professionista per un approfondimento. Nemmeno può chiedere tali risposte alla parte imprenditoriale, i cui fini – legittimi – sono ovviamente di interesse esclusivamente privatistico.

Future Power ha replicato citando l’esperienza accumulata all’estero: questo sarà il primo impianto in Italia ma non è un esperimento. La platea ha manifestato molti dubbi e l’amministrazione si è resa disponibile, per parte propria, a rendersi parte attiva per spiegare ulteriormente le proprie perplessità, una volta acquisite altre informazioni. Alle 22.50 Elio Valentini, rivolto ai referenti Future Power, ha abbandonato la sala affermando «Basta, sèra su tut» invitando a chiudere la serata.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento2 ore fa

Forte vento, ieri 30 interventi dei Vigili del fuoco sul territorio

Trento3 ore fa

È finita la storia d’amore tra Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez

Trento3 ore fa

A Palazzo Geremia il sindaco incontra il console generale americano Robert Needham

Val di Non – Sole – Paganella4 ore fa

Successo, grande partecipazione e importanti testimonianze a Castelfondo per l’evento «Respect»

Trento5 ore fa

A Trento costituito il Nucleo interforze per il controllo dei fondi del Pnrr

Trento6 ore fa

Sentieristica a misura di famiglia: ecco l’accordo tra Provincia, parchi naturali e Apt trentine

Bolzano6 ore fa

A fuoco il bosco sopra Marlengo, particolarmente difficili le operazioni di spegnimento a causa del forte vento

Val di Non – Sole – Paganella6 ore fa

In fiamme due canne fumarie a Commezzadura e in Primiero

Alto Garda e Ledro7 ore fa

Investito da un camion in rotatoria, gravissimo ciclista 42 enne

Italia ed estero8 ore fa

Coesistere con i grandi predatori: un nuovo studio

Cani Gatti & C9 ore fa

Nasce “Quattro Zampe in Famiglia”, il nuovo motore di ricerca per adottare cani e gatti ospiti in canili e gattili di tutta Italia

Vita & Famiglia10 ore fa

Dalla 45ª Giornata per la Vita alla manifestazione del prossimo maggio – “Restiamo Liberi”, la rubrica settimanale di Pro Vita & Famiglia

Bolzano20 ore fa

Slavina in Alto Adige: investite due turiste tedesche, una purtroppo è rimasta uccisa

Piana Rotaliana20 ore fa

Poste chiuse a Mezzolombardo? Il “Progetto di Rete” accompagna gli anziani all’ufficio sostitutivo di Mezzocorona

Trento21 ore fa

Occupazione abusiva a Cognola, una storia di ordinaria follia

Trento1 settimana fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Torna in Val di Non la grande “Festa di San Romedio”

Valsugana e Primiero4 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Offerte lavoro1 settimana fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Vista su Rovereto3 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento2 settimane fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento3 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento4 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento2 settimane fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Giudicarie e Rendena4 giorni fa

Non ce l’ha fatta Luigi Poli: il gestore del Palaghiaccio di Pinzolo è morto ieri

Trento3 settimane fa

«Soliti noti», abusivismo a Villazzano: una storia tutta trentina

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Sviluppo turistico di Coredo, un gruppo di esercenti (e non) chiama a raccolta i cittadini: «Ora tocca a noi darci da fare»

Rovereto e Vallagarina4 giorni fa

Trovato morto in casa un 60 enne di Rovereto

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza