Connect with us
Pubblicità

Società

Droga libera ed eutanasia nuovi «diritti»: ma saremo tutti più felici?

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Docente e saggista, collaboratore di vari giornali nazionali e locali, Francesco Agnoli si occupa da tanti anni di bioetica. E’ presidente del MpV trentino e membro dell’associazione Liberi & Forti (dedicata al grande statista Alcide De Gasperi, di cui Agnoli ha curato, recentemente, una biografia).

Professor Agnoli, vorremmo sapere il suo pensiero sull’eutanasia…

«Comincerei con il dire che la confusione più tipica che si fa di solito è quella tra accanimento terapeutico ed eutanasia. L’accanimento terapeutico, che pure non è così facile da definire, è da sfuggire, così come l’abbandono terapeutico. L’eutanasia legale nasconde mille pericoli. Basta osservare cosa accade nei paesi dove l’eutanasia è legale: medici che uccidono di propria iniziativa, per liberare i letti o per delirio di onnipotenza; cliniche che trasformano la morte altrui in business; parenti che scelgono la morte dei loro cari per affrettare l’ottenimento dell’eredità; anziani che chiedono la morte perché spinti a sentirsi “un peso” per lo stato e la famiglia…»

Pubblicità
Pubblicità

Questo a qualcuno può fare comodo?

«Se penso al programma eutanasico nazista, si insegnava ai giovani a calcolare quanto costasse allo stato mantenere un malato, un disabile, in un periodo di crisi economica. Oggi la crisi economica c’è, e il numero di anziani, in Occidente, cresce di continuo, mentre diminuiscono i giovani. Ad alcuni Stati farebbe molto comodo risolvere il problema dei costi sanitari -in continua crescita- eliminando un po’ di malati.

Per questo ogni tanto emergono casi di medici incentivati in vario modo dai ministeri della salute a risparmiare sugli anziani; oppure c’è chi, come Jacques Attali, notissimo economista e banchiere francese, già diversi anni orsono auspicava l’introduzione dell’eutanasia nei paesi capitalisti, per motivi libertari ed economici, poiché “dal momento in cui si superano i 60-65 anni, l’uomo vive più a lungo di quanto non produca e allora costa caro alla società”. Insomma, sì, c’è anche questo, in gioco, per un fatto semplicissimo: la sanità è la voce di spesa più ingente negli stati occidentali!»

Pubblicità
Pubblicità

Lei sembra suggerire anche un paragone tra l’eutanasia nazista e quella proposta oggi dai radicali. E’ così?

«Sì, il paragone può sembrare forte, ma è ben fondato. I nazisti vedevano nel suicidio una sorta di diritto umano (contro l’idea secondo cui la vita appartiene a Dio, unico che può tanto darla quanto toglierla): per questo molti di loro, compreso Hitler, giustificarono il suicidio in nome dell’ateismo e poi lo scelsero, coerentemente, alla fine dei loro giorni; difesero e praticarono l’eutanasia come necessaria per purificare la razza, per risparmiare, ed anche, lo si diceva apertamente, per compiere un “gesto di pietà”. Anche i radicali rivendicano il diritto al suicidio in nome di un ateismo più o meno esplicito e lo presentano come un atto di pietà verso chi soffre. Nello stesso tempo predicano il cosiddetto “rientro dolce”, cioè la necessità, a loro dire, di ridurre la popolazione mondiale di due terzi: una sorta di sterminio di massa che non si capisce bene come vada realizzato (proprio con l’eutanasia?), ma che appare anch’esso piuttosto “nazista”.»

Può approfondire il tema nazismo-eutanasia?

«Tema amplissimo, ma mi limito a ricordare che lo storico Edouard Husson, in “Heydrich e la soluzione finale. La decisione del genocidio” (Einaudi, Torino, 2010), ricorda la partecipazione degli artefici dello sterminio degli ebrei, Eichmann e Heydrich, al programma eutanasico T4. I nazisti cominciarono uccidendo, prima degli ebrei, altri tedeschi, malati, infermi, handicappati… convinti che l’eutanasia fosse “un elemento chiave della riconquista del ‘diritto ad uccidere’ contro duemila anni di civiltà giudeo-cristiana”.

La nostra civiltà è fondata sul divieto di uccidere e sul dovere morale di curare: ha partorito, infatti, gli ospedali, uno dei luoghi più odiati dai nazisti, perché è qui che si mantengono in vita e si curano quelli che la natura -secondo il loro dire- spazzerebbe dalla faccia della terra per impedire l’“indebolimento della razza”.

Aggiungo che l’eutanasia nazista incominciò “piano piano”, con i casi pietosi, ma scivolò presto lungo il classico “piano inclinato”: si parte con qualche “eccezione”, e poi la casistica si amplia sempre di più (come sta succedendo in Belgio, Olanda, Oregon, da anni). Robert Jay Lifton, nel suo monumentale I medici nazisti (Rizzoli, Milano, 2016), ricorda che si andò “via via ad allargare la rete delle uccisioni e a facilitare la realizzazione degli obiettivi ultimi del Reich… anche le condizioni prese in considerazione come motivi per l’uccisione si ampliarono a comprendere il mongolismo (non incluso in principio) e vari casi borderline o deficit limitati, fino all’uccisione di ragazzi designati come delinquenti giovanili”, sino ad arrivare ad una “eutanasia selvaggia”».

Ma oggi non ci sono questi rischi, l’eutanasia sarò solo quella scelta liberamente, individualmente…

«Vede, anzitutto non è che i medici e il personale sanitario inclini a scelte folli non esistano: si tratta certamente di una piccola minoranza, perché la gran parte dei medici vuole curare i suoi pazienti, ma se i medici “euta-nazisti” esistono anche oggi che l’eutanasia è vietata, quanti saranno quelli che usciranno allo scoperto una volta permessa? Basta fare una piccola ricerca in rete e si troveranno decine e decine di “angeli della morte” che hanno ucciso pazienti inconsapevoli nelle corsie degli ospedali di paesi democratici».

Oltre alle eutanasie imposte in questo modo, ci possono essere altre forme di costrizione, più o meno subdole?

«Per scegliere liberamente bisogna essere veramente liberi, dal dolore, dai condizionamenti, da pressioni esterne di ogni genere. Se l’eutanasia divenisse legge, sarebbe già così un forte condizionamento. Oggi siamo condizionati, positivamente, da un’idea ben chiara: se abbiamo un parente malato, dobbiamo accudirlo, soccorrerlo, curarlo. E’, quantomeno, un dovere di carità. Ma se passasse una legge eutanasica, allora al posto del dovere, subentrerebbero spesso l’interesse, il fastidio, la fatica, l’incuria… Certo, a volte la fatica del vivere può arrivare alla disperazione e in questi casi le persone, purtroppo, si possono suicidare (nessuno, però, metterà in galera un suicida!).

Ma che lo facciano da sole è una cosa, che la società si incarichi prima di legittimarle, assecondarle e poi magari anche di forzarle, in modo più o meno occulto, è del tutto diverso. Rileggerei quanto scriveva sul Corriere della sera, il 16 aprile 2005, l’ambasciatore Sergio Romano: “non vorrei che di queste pratiche (biotestamento, ndr), il giorno in cui fossero previste da una norma, si servissero i congiunti del vecchio malato per sospingerlo dolcemente verso l’eternità. Il mondo, caro Manconi, è molto meno buono di quanto non pensino i paladini delle campagne per la ‘buona morte’.

I vecchi, quando non si decidono a morire, esigono tempo e cure. Se sono poveri, pesano sulle casse familiari. Se sono ricchi e benestanti consumano denaro che potrebbero lasciare agli eredi. Anche i parenti più affezionati finiscono per pensare, in queste circostanze, che il povero vecchio farebbe un favore a sé e agli altri se prendesse congedo. Qualcuno intorno a lui comincerebbe a lanciare qualche segnale e qualcun altro farebbe più esplicite allusioni. Fino al giorno in cui il pover’uomo o la povera donna arriverebbero alla conclusione che è meglio andarsene piuttosto che essere circondati da gente sgarbata e impaziente”».

Dunque un’eutanasia tira l’altra?

«E’ evidente. Del resto è così anche per il suicidio. E’ noto a tutti l’ “effetto Werther”, cioè il fatto che i suicidi tendono a moltiplicarsi per emulazione, per imitazione, come all’epoca in cui il famoso romanzo di Goethe, I dolori del giovane Werther, determinò un’epidemia di suicidi tale da indurre alcuni governi a vietare la diffusione del libro. Ebbene, quando una cultura finisce per accettare e legalizzare il suicidio assistito, anche le barriere religiose, culturali e morali, di fronte a questo gesto estremo, cadono, ed è inevitabile che l’eutanasia legale di qualcuno influenzi e favorisca altre eutanasie, a catena.

Un esempio riportato da un personaggio non sospettabile come Umberto Veronesi, forse il più celebre propagandista dell’eutanasia in Italia, ci dice dove possa portare l’idea di una società che invece di farsi carico del dolore dei suoi membri, si dispone ad eliminarli. Scrive Veronesi: “Mi ha raccontato un amico, un medico in un paese in cui la legge consente il suicidio assistito: ‘Ho accompagnato un mio paziente, che voleva essere aiutato a morire. L’inviato dell’organizzazione ha preparato la pozione letale, il paziente ne ha bevuta la metà e poi ha avuto un ripensamento. L’incaricato gli ha detto: ‘Guardi che così rischia di avere delle sofferenze indicibili. Beva tutto perché io sono venuto qui perché lei finisca di bere!’ Il paziente ha obbedito ed è morto” (Umberto Veronesi, Il diritto di morire, Mondadori, 2005)».

 

 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Giudicarie e Rendena47 minuti fa

Scontro moto – vettura sulla statale 237, feriti padre e figlia

Val di Non – Sole – Paganella56 minuti fa

Parapendio precipita in valle dei Laghi, 28 enne di Ville d’Anaunia elitrasportato al santa Chiara

Trento4 ore fa

Praga e Trento: un gemellaggio che cammina da vent’anni

Trento4 ore fa

Coronavirus: 2 morti e 331 nuovi contagi. Boom di ricoveri nelle ultime 24 ore in Trentino

Vita & Famiglia5 ore fa

Oggi Giornata contro la droga. Pro Vita e Famiglia: no alla cannabis legale

Ambiente Abitare10 ore fa

Monitoraggio genetico dell’orso in Trentino, premiata tesista FEM

Valsugana e Primiero10 ore fa

Malattie renali: nuovo ambulatorio nefrologico all’ospedale di Borgo Valsugana

Riflessioni fra Cronaca e Storia10 ore fa

Grandi scienziati contro l’atomica e la manipolazione della vita

Trento10 ore fa

Kids Go Green: piccoli passi di mobilità sostenibile per 1.800 bambine e bambini di scuola primaria

Politica10 ore fa

6 italiani su 10 dice che il M5stelle sparirà presto. Per Di Maio il consenso è solo all’1%

Val di Non – Sole – Paganella11 ore fa

Nazareno Molesini dice addio alla lega: «Non mi riconosco più nei suoi ideali»

Trento11 ore fa

Pieve Tesino e Pellizzano vincitori del bando PNRR sui borghi, le congratulazioni di Bisesti e del Sottosegretario alla cultura Borgonzoni da Roma

Trento11 ore fa

Circonvallazione ferroviaria di Trento, firmata l’intesa per ottimizzare il cantiere

Trento12 ore fa

Arresto Mines Hodza: l’attentato era previsto in agosto a Riva del Garda

Trento12 ore fa

I presidenti dei Consigli comunali chiedono di contare di più e di poter portare la fascia

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 83 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 121 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 99 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. Calano i ricoveri

eventi3 settimane fa

Dal 17 al 26 giugno tornano a Trento le Feste Vigiliane

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 166 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Alto Garda e Ledro3 settimane fa

Stop alla viabilità a Riva del Garda: si girano le scene di un film americano

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Sbanda, va in contromano e rischia di scontrarsi con altre auto prima di entrare in statale – IL VIDEO

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 49 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino con nessun positivo al molecolare

Trento3 settimane fa

Attimi di paura alla stazione delle corriere di Trento!

Società3 settimane fa

L’impresa di Melissa Mariotti tra lavoro in Germania e progetti turistici in Valbrenta

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 267 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Le Vignette di Fabuffa3 settimane fa

Il 51% degli adolescenti italiani non capisce un testo scritto. Una scuola che fa acqua da tutte le parti

Politica2 settimane fa

Referendum, vittoria dei sì ma niente quorum. Amministrative: nei grandi comuni avanti il centro destra

Io la penso così…4 settimane fa

Protesta pronto soccorso di Arco: dov’erano i manifestanti quando governava il centro sinistra?

Rovereto e Vallagarina2 settimane fa

Rovereto, continuano gli atti vandalici: prese di mira le auto parcheggiate

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza