Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

In arrivo altre sanzioni alla Russia: l’ennesima “zappa sui piedi” che nuocerà più a noi che a Putin

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

L’Unione Europea si accinge a bloccare l’importazione e l’esportazione di una serie di prodotti con la Russia. A dare la notizia sono varie agenzie stampa.

I prodotti che non verranno più importati saranno carbone, cemento, legno, prodotti chimici e di alta qualità alimentare come il caviale e la vodka.

Da parte nostra non sarà più possibile l’export di semi conduttori, computer, congegni elettrici e altre tecnologie per il gas liquido e riguardanti l’elettronica. La decisione sarebbe l’immediata conseguenza delle stragi russe di Bucha e di Borodyanka.

Pubblicità
Pubblicità

L’impatto sull’economia russa però risulterebbe essere irrisorio. L’embargo al paese impedirà infatti l’import di 10 miliardi di euro e l’export della della stessa cifra.

Cifre che probabilmente faranno sorridere la “grande Russia”. E’ molto probabile infatti che questo provvedimento sarà più una “zappa sui piedi” per l’Europa che una mossa decisiva per la resa russa.

Non saranno certamente i mancati introiti dovuti dalla vendita del caviale a mettere a repentaglio l’economia russa. Lo potrebbero essere invece le esportazioni di 330 miliardi di dollari annui di petrolio e di metano.

Pubblicità
Pubblicità

Nessuno però osa menzionarli. La ragione è semplice. Per sopravvivere abbiamo bisogno della Russia.

Senza il loro petrolio infatti l’economia probabilmente crollerebbe. Sicuramente sarebbero centinaia di migliaia le aziende che finirebbero con le gambe all’aria a causa dell’assenza di idrocarburi.

La mancata vendita di 10 miliardi di euro di vodka e caviale sarà poi compensata dal paese di Putin con l’aumento sempre maggiore delle quotazioni di metano e petrolio.

Si sospetta dunque che la Russia non sarà danneggiata in alcun modo dal mancato introito di una decina di miliardi dato che a finanziare la guerra sono le altre centinaia di miliardi di euro gentilmente erogati dall’Europa.

Continueranno ad essere importati anche i 60 miliardi di nickel, oro, rame e platino di cui non possiamo fare a meno.

Viene dunque spontaneo chiedersi se  queste nuove sanzioni serviranno a destabilizzare la nazione russa oppure se saranno solamente l’ennesima  “zappa sui piedi”.

Nessuna delle guerre fino ad oggi è stata infatti fermata in questo modo. Nessun tiranno, nessun regime(se così vogliamo considerare la Federazione russa) è stato abbattuto fino ad oggi grazie agli embargo.

Nessun Saddam Hussein è stato rovesciato grazie ad esso. Certamente non lo sarà neppure Putin.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Alto Garda e Ledro4 minuti fa

Poste: in agosto nuove chiusure dell’ufficio di Varone

Val di Non – Sole – Paganella1 ora fa

I Marlene Kuntz sbarcano in Val di Pejo

Trento2 ore fa

Ponte di san Lorenzo: dopo una fuga in contromano, bloccato nigeriano ubriaco

Politica2 ore fa

Da domani in aula a riforma delle Comunità in aula senza tempi contingentati

Trento3 ore fa

Servizio civile: candidature entro fine luglio, 102 nuove proposte e 95 posti a disposizione

Valsugana e Primiero3 ore fa

Tezze rivendica le barriere antirumore

Valsugana e Primiero3 ore fa

Incidente sulla strada verso Baselga di Pinè: rimangono feriti una 76enne e un 83enne – IL VIDEO

Italia ed estero3 ore fa

Napoli: 10 ore al giorno per 280 euro al mese, scoppia la polemica

Trento4 ore fa

È morto Leonardo Del Vecchio, il fondatore del colosso Luxottica. A 22 anni si era trasferito in Trentino

Trento4 ore fa

Investimenti in impianti fotovoltaici: domande per le imprese dal 4 luglio fino a fine dicembre 2023

Italia ed estero4 ore fa

Covid, contagi in aumento: oggi vertice Governo-Inail sulle mascherine. I piani potrebbero cambiare

Rovereto e Vallagarina4 ore fa

“Orto San Marco-Setàp”, a Rovereto un progetto di rigenerazione urbana e sociale

Arte e Cultura5 ore fa

A Mezzano apre i battenti la mostra “Schweizer e i luoghi dell’Anima”

Italia ed estero5 ore fa

The Great Resignation: un fenomeno che preoccupa ma che apre le porte al cambiamento

Fiemme, Fassa e Cembra5 ore fa

Canazei: da non perdere la mostra “70 anni di Soccorso Alpino e Speleologico Trentino”

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 83 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 121 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 99 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. Calano i ricoveri

eventi3 settimane fa

Dal 17 al 26 giugno tornano a Trento le Feste Vigiliane

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 166 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Alto Garda e Ledro3 settimane fa

Stop alla viabilità a Riva del Garda: si girano le scene di un film americano

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Sbanda, va in contromano e rischia di scontrarsi con altre auto prima di entrare in statale – IL VIDEO

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 49 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino con nessun positivo al molecolare

Trento3 settimane fa

Attimi di paura alla stazione delle corriere di Trento!

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 267 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Società3 settimane fa

L’impresa di Melissa Mariotti tra lavoro in Germania e progetti turistici in Valbrenta

Politica2 settimane fa

Referendum, vittoria dei sì ma niente quorum. Amministrative: nei grandi comuni avanti il centro destra

Le Vignette di Fabuffa3 settimane fa

Il 51% degli adolescenti italiani non capisce un testo scritto. Una scuola che fa acqua da tutte le parti

Telescopio Universitario3 settimane fa

UniTrento: da vent’anni il mondo fa tappa qui

Io la penso così…4 settimane fa

Protesta pronto soccorso di Arco: dov’erano i manifestanti quando governava il centro sinistra?

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza