Connect with us
Pubblicità

Fiemme, Fassa e Cembra

Val di Fiemme, femminicidio: l’incapacità di accettare la fine di quasi 30 di unione

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Potrebbe esserci l’incapacità di accettare la fine di un’unione che durava da quasi 30 anni e la gelosia, alla base del femminicidio di Viviana Micheluzzi, da parte del marito, Mauro Moser che poi si è tolto la vita (qui l’articolo del ritrovamento).

Pare che due dei tre figli non trovando i genitori, abbiano chiesto invano al fratello maggiore, Oscar che vive a Panchià, se li avesse visti, iniziando così le ricerche verso i prati alle porte del paese. E’ toccato però al figlio più giovane della coppia, Niko il macabro ritrovamento.

La coppia si stava separando, ma Mauro Moser aveva ancora un ruolo importante nell’apicoltura della famiglia. Le arnie, infatti, sostavano ancora sul suo terreno in località Doss dei Cavai, esattamente il posto in cui lui l’uomo, nel primo pomeriggio di ieri, 29 marzo, ha sparato alcuni colpi di pistola contro la moglie, prima di sparare l’ultimo verso sé stesso.

Pubblicità
Pubblicità

Alla base delle difficoltà tra Viviana e Mauro,  incomprensioni affettive ed economiche, con l’idea di un possibile scioglimento dell’azienda agricola. Difficoltà però, nascoste piuttosto bene, visto che ai vicini erano apparsi come una coppia affiatata e felice.

A quanto pare, l’uomo era in possesso del porto d’armi, ma ancora non è chiaro se l’arma del delitto un calibro 9 glock fosse stata acquistata per uccidere la moglie o fosse detenuta già a casa.

Sul luogo del femminicidio i carabinieri di Cavalese e quelli della scientifica di Trento, hanno ritrovato anche un caricatore da 15 colpiti, ma per recuperare i corpi accasciati in una scarpata è servito l’aiuto dei Vigili del Fuoco e del Soccorso Alpino. Nonostante l’esito del procedimento penale pare scontato, con un’archiviazione per morte del reo, sull’accaduto, la Procura ha aperto un’inchiesta, compiendo gli accertamenti utili a riscostruire l’accaduto Si dice sconvolto anche il sindaco di Castello di Fiemme, Marco Larger che definisce l’accaduto come un “fulmine a ciel sereno”. La coppia nota al sindaco, era anche titolare di un punto vendita di prodotti del bosco nel centro del paese.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento3 settimane fa

Coronavirus: 99 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. Calano i ricoveri

eventi3 settimane fa

Dal 17 al 26 giugno tornano a Trento le Feste Vigiliane

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Sbanda, va in contromano e rischia di scontrarsi con altre auto prima di entrare in statale – IL VIDEO

Alto Garda e Ledro3 settimane fa

Stop alla viabilità a Riva del Garda: si girano le scene di un film americano

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 267 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 166 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 49 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino con nessun positivo al molecolare

Politica2 settimane fa

Referendum, vittoria dei sì ma niente quorum. Amministrative: nei grandi comuni avanti il centro destra

Trento3 settimane fa

Attimi di paura alla stazione delle corriere di Trento!

Telescopio Universitario3 settimane fa

UniTrento: da vent’anni il mondo fa tappa qui

Società4 settimane fa

L’impresa di Melissa Mariotti tra lavoro in Germania e progetti turistici in Valbrenta

Le Vignette di Fabuffa4 settimane fa

Il 51% degli adolescenti italiani non capisce un testo scritto. Una scuola che fa acqua da tutte le parti

Politica2 settimane fa

L’abbraccio mortale col PD affonda definitivamente il M5stelle

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Trovato morto in piscina Stefano Lorenzini di Levico Terme

Rovereto e Vallagarina3 settimane fa

Rovereto, continuano gli atti vandalici: prese di mira le auto parcheggiate

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza