Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

Dal Tempio Canoviano di Possagno al MART, un dialogo tra antico, moderno e contemporaneo

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Fino al 18 aprile 2022 (lunedì di Pasquetta) al MART è aperta al pubblico la mostra “Canova tra innocenza e peccato”, nata da un’idea di Vittorio Sgarbi e dedicata ad Antonio Canova (1757 – 1822) uno dei maggiori esponenti del Neoclassicismo nella scultura.

La sua opera rappresenta l’ideale di una bellezza eterna, fondata su principi di armonia, misura ed equilibrio. E’ una ricerca che prende spunto dal passato per aprirsi al futuro, lasciando in eredità un ideale estetico che continua a vivere fino ad oggi.

Roma tra il ‘700 e ‘800 divenne la fucina del suo genio creativo e un’inesauribile fonte di ispirazione, il marmo e il gesso la materia.

Pubblicità
Pubblicità

Provengono dalla Gypsotheca di Possagno 14 capolavori del maestro tra cui “Amore e psiche stanti”, il gruppo scultoreo che rappresenta la contrastata storia d’amore tra il dio Eros e la bellissima ma terrena Psiche, “Le tre Grazie”, “Ninfa dormiente”, “Maddalena penitente”, “Pugilatore Creugante”, solo per citarne alcuni.

Con oltre 200 opere la mostra al Mart – a cura di Beatrice Avanzi e Denis Isaia – rivela come questa importante eredità abbia influenzato nuovi linguaggi, presentando al visitatore le principali esperienze artistiche nel campo della fotografia e della scultura contemporanea.

In questo allestimento prevale il bianco e il nero, il vero protagonista è il corpo.

Pubblicità
Pubblicità

La mostra si snoda in cinque sezioni in dialogo tra Canova e i più grandi fotografi di nudo del XX e XXI secolo, ad esempio Helmut Newton, Robert Mapplethorpe, Irving Penn.

Se per alcuni artisti la scelta è l’idealizzazione, altri invece hanno immortalato il corpo imperfetto e fragile come Miroslav Tichý, Jan Saudek e Joel-Peter Witkin.

Nella mostra è presente anche un’opera del “barone Guglielmo” Wilhelm von Gloeden (1856 – 1931), fotografo e artista tedesco che lavorò soprattutto in Italia.

Era noto per i suoi studi di nudo maschile in ambiente pastorale di ragazzi siciliani, che fotografava assieme ad anfore o costumi ispirati all’antica Grecia.

Alla perfezione artistica dei suoi lavori contribuirono anche l’uso innovativo di filtri fotografici e di lozioni per la pelle di sua invenzione, una miscela di latte, olio d’oliva e glicerina per mascherare le imperfezioni della pelle.

A Possagno sui colli del Trevigiano, Antonio Canova amava ritirarsi nei periodi di riposo ed è nel maestoso Tempio – Chiesa parrocchiale che è ospitata la sua sepoltura.

Nel 1818 Canova fu esortato dai suoi compaesani ad intervenire in un’antica chiesa del paese, lo scultore invece progettò (a sue spese) un Tempio con pianta circolare e colonne doriche, sullo stile del Partenone di Atene o Pantheon di Roma.

Le tre parti (colonnato, corpo centrale e abside dell’altare maggiore) rappresentano simbolicamente tre fasi essenziali della storia: la civiltà greca, la cultura romana, ed infine la grandezza del Cristianesimo.

Canova scelse di edificare la chiesa ai piedi del Col Draga (342 m) e fu presente alla posa della prima pietra in una festosa cerimonia, ma non al completamento dell’opera che avvenne nel 1830 dopo la sua morte.

Nel testamento affidò al fratellastro mons. Giovanni Battista Sartori il compito di portare a termine l’impresa, che riteneva di fondamentale importanza.

Dopo pochi anni mons. Sartori chiuse lo studio dell’artista a Roma e trasferì tutto il materiale ancora conservato a Possagno, in un grande edificio adiacente alla casa natale dello scultore, divenuta sede d’esposizione delle sue opere pittoriche: la Gypsotheca.

La Fondazione Canova di Possagno (Presidente Vittorio Sgarbi) ha organizzato per sabato 2 aprile 2022 una visita notturna all’interno della Gypsotheca, durante la quale è possibile ammirare la collezione di opere scultoree illuminate dalla sola luce delle lanterne. La visita prosegue poi nella casa natale dell’artista alla scoperta dei capolavori pittorici del genio di Possagno.

Come a voler richiamare il magico silenzio che regnava di notte nel suo atelier svuotato di artisti e collezionisti; solo i capolavori assoluti circondavano l’intenso lavoro dell’artista neoclassico.

Interessanti i dialoghi, contrasti e suggestioni che il grande scultore Antonio Canova – a distanza di 200 anni dalla scomparsa – ha saputo suscitare nel pubblico e appassionati d’arte.

Dal 27 marzo 2022 sono state inaugurate al Mart le tre nuove mostre dal titolo: “Simbolismo e Nuova Oggettività. La Galleria del Levante”.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento4 ore fa

Preso il vandalo di Piazza Duomo: scontro fra Ianeselli e azienda sanitaria

Trento5 ore fa

L’addio del questore Francini: «Occorre fare di più contro la mafia e lo spaccio»

Val di Non – Sole – Paganella6 ore fa

Dal 1° luglio artisti all’opera a Borgo d’Anaunia: in cima alla Val di Non torna “Fontane d’Artista”

Italia ed estero6 ore fa

«Revisione scaduta»: la polizia stradale ferma tre carri armati italiani diretti in Ucraina

Piana Rotaliana6 ore fa

Carenza idrica, a Lavis fontane a secco e l’invito a un uso corretto e razionale dell’acqua

Trento7 ore fa

Firmato in Provincia il nuovo accordo per il lavoro agile con le organizzazioni

Trento8 ore fa

Prorogata fino a fine anno la misura «rimborsi visite specialistiche»

Bolzano8 ore fa

Caldaro, violento schianto auto-moto: muore un motociclista

Trento9 ore fa

Coronavirus, salgono a 50 i pazienti ricoverati nelle ultime 24 ore

Alto Garda e Ledro9 ore fa

Piante avvelenate: l’amministrazione di Riva del Garda ha sporto denuncia

Arte e Cultura9 ore fa

Al Museo di San Michele l’inaugurazione della mostra fotografica «La contemporaneità della tradizione. Sguardi sulle comunità cimbra, ladina e mòchena»

Giudicarie e Rendena10 ore fa

Villa Rendena, motociclista scivola sull’asfalto e finisce nella scarpata: elitrasportato al Santa Chiara

Politica10 ore fa

Sondaggio Mentana: continua l’ascesa di Fratelli d’Italia. Profondo rosso per il M5S

Trento10 ore fa

Il sindaco: “Il raid in piazza Duomo opera di una persona malata”

Politica10 ore fa

Il PATT chiude definitivamente alla Lega

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 99 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. Calano i ricoveri

eventi3 settimane fa

Dal 17 al 26 giugno tornano a Trento le Feste Vigiliane

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 267 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Sbanda, va in contromano e rischia di scontrarsi con altre auto prima di entrare in statale – IL VIDEO

Alto Garda e Ledro3 settimane fa

Stop alla viabilità a Riva del Garda: si girano le scene di un film americano

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 166 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Politica2 settimane fa

Referendum, vittoria dei sì ma niente quorum. Amministrative: nei grandi comuni avanti il centro destra

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 49 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino con nessun positivo al molecolare

Telescopio Universitario3 settimane fa

UniTrento: da vent’anni il mondo fa tappa qui

Trento3 settimane fa

Attimi di paura alla stazione delle corriere di Trento!

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Trovato morto in piscina Stefano Lorenzini di Levico Terme

Società4 settimane fa

L’impresa di Melissa Mariotti tra lavoro in Germania e progetti turistici in Valbrenta

Politica2 settimane fa

L’abbraccio mortale col PD affonda definitivamente il M5stelle

Le Vignette di Fabuffa4 settimane fa

Il 51% degli adolescenti italiani non capisce un testo scritto. Una scuola che fa acqua da tutte le parti

Italia ed estero3 settimane fa

Crolla un ponte sospeso durante l’naugurazione: 25 feriti – IL VIDEO

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza