Connect with us
Pubblicità

Musica

Addio live per la leggenda Phil Collins: «Sto male non riesco più a suonare»

Lascia uno dei più grandi musicisti della storia mondiale. Come solista ha venduto qualcosa come 150 milioni di copie nel mondo

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Un leggenda della musica mondiale dice addio ai concerti live. Si tratta del batterista cantante Phil Collins entrato di diritto tra i più grandi miti della musica di sempre.

Collins ha confermato fra commozione e tristezza il suo addio alle scene live nel concerto dei Genesis di sabato 26 marzo a Londra, alla 02 Arena, dove ha detto che sarà l’ultimo della sua vita.

La leggenda della musica, 71 anni, non riesce più a suonare dopo gli interventi chirurgici alla schiena necessari per rimettere a posto la sua schiena provata proprio dalla postura usata nel suonare la batteria. Purtroppo gli interventi ono sono andati bene e anzi, hanno lesionato i nervi dorsali.

“Ora dovrò trovare un vero lavoro”, ha ironizzato salutando i fan, come racconta il Mirror online.

I Genesis – oltre a Phil, il tastierista Tony Banks e il chitarrista-bassista Mike Rutherford – avevano annunciato la reunion per il tour The Last Domino, dopo 14 anni di assenza dai live, ma l’anno scorso hanno cancellato diverse date causa Covid. Durante la tournée Collins, apparso debole e affaticato, si è esibito stando seduto, non è riuscito neanche ad usare il bastone per camminare. “Non faccio niente – aveva spiegato qualche tempo fa al Guardian -. Non mi alleno a cantare a casa, per niente. Le prove sono la pratica. La mia salute cambia le cose, fare lo spettacolo seduto cambia le cose”.

In un’intervista alla Bbc aveva raccontato le sue frustrazioni e un sogno, esibirsi con il figlio Nicholas: “Mi piacerebbe suonare con lui sul palco, ma riesco a malapena a tenere una bacchetta in mano”, aveva ammesso.

Pubblicità
Pubblicità

I problemi di salute di Phil Collins risalgono almeno al 2009, quando il musicista subì uno schiacciamento delle vertebre a causa della posizione in cui suonava la batteria: di qui un primo intervento chirurgico, seguito da un altro nel 2015 che gli hanno causato lesioni ai nervi. A peggiorare il quadro clinico, problemi di diabete, pancreatite acuta, una brutta caduta nel 2017 in cui batté la testa e che lo costrinse a sospendere il Not Dead Yet Live Tour.

Nato il 30 gennaio 1951, Phil Collins rappresenta un caso molto raro nella storia del rock: negli anni ’70 ha iniziato la sua carriera con i Genesis come batterista, diventando poi la voce del gruppo quando Peter Gabriel lasciò nel 1975. Con lui la band artisticamente ha cambiato strada, ma ha ottenuto quel successo planetario da cui Gabriel era fuggito.

Ma non basta: da solista Collins non solo si è creato una carriera da star, ma si è tolto anche lo sfizio di incidere uno dei “fill” di batteria più famosi della storia, quello di “In The Air Tonight”, e ancora di suonare come batterista nei Brand X, band amatissima dai cultori della musica a cavallo tra il progressive e il jazz.

Il tutto rimanendo il batterista, dal vivo ormai da anni insieme a Chester Thompson, e naturalmente il cantante dei Genesis. Insomma con Phil Collins ha prevalso l’anima pop, ma l’artista ha dimostrato di saperlo fare alla grande, rivelando sorprendenti doti di implacabile hit maker.

Ma anche nei suoi tour più spettacolari dove era l’entertainer a prevalere sul musicista, è rimasto l’eccellente batterista di Nursery Crime, Foxtrot, Selling England By The Pound, The Lamb Lies Down on Broadway.

Come solista ha venduto qualcosa come 150 milioni di copie nel mondo. Tra gli anni ’80 e ’90 ha spopolato: cover delle Supremes, “You Can’t Hurry Love”, poi “Against All Odds”, tema del film “Due vite in gioco” con tanto di Grammy, il duetto con Philip Bailey, l’album “No Jacket Required” best seller con “Sussudio” e “One More Night”, poi Live Aid, con la doppia apparizione a Londra e Philadelphia, “Another Day in Paradise”.

Nel frattempo dai Genesis era uscito, ma poco dopo ha rimesso in piedi la ditta. Phil Collins ha lasciato anche il segno come produttore e autore di successi tipo “You’ll Be in My Heart”, nella colonna sonora di “Tarzan” il cartoon Disney che gli ha fruttato un Oscar e un Golden Globe per la migliore canzone originale e, per non farsi mancare niente, pure la stella sulla Walk of Fame.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    rel="nofollow"Pubblicità
Giudicarie e Rendena7 ore fa

Morto Luigi Cantonati il 53 enne travolto dal legname 10 giorni fa

Trento10 ore fa

Oggi la visita del sindaco a Villazzano

Spettacolo10 ore fa

Cinemart prosegue con “Jane by Charlotte”

Piana Rotaliana11 ore fa

“AgriLazzera 2023”: macchinari e attrezzature per l’agricoltura e il giardinaggio in mostra a Lavis

Trento11 ore fa

Dolomiti Pride 2023, la sfilata sarà a Trento il 3 di giugno

Val di Non – Sole – Paganella11 ore fa

Molveno: viabilità limitata in centro storico per tutta la settimana prossima

Bolzano11 ore fa

Tragico scontro tra un camion e una macchina, morta una persona

Val di Non – Sole – Paganella11 ore fa

Si è svolta la sessione forestale annuale del Comune di Cles: in montagna si torna alla normalità, ma c’è preoccupazione per l’espansione del bostrico

Trento11 ore fa

Itea, redditi più bassi e utenze domestiche? Fdi: «Pronti a sostenere qualsiasi iniziativa di aiuto da parte dell’Amministrazione Comunale»

Rovereto e Vallagarina11 ore fa

Ancora una vettura in fiamme, è successo a Besenello

Trento12 ore fa

Coronavirus, il report settimanale dei contagi in Trentino

Trento12 ore fa

Foglio di via per 3 anni per un nigeriano pregiudicato

Trento13 ore fa

Blitz in via Ghiaie della Polizia di Stato: denunciati 4 nordafricani per spaccio, due dei quali espulsi

Val di Non – Sole – Paganella14 ore fa

Iscrizioni in forte crescita al Liceo Russell: +28% rispetto all’anno scorso

Alto Garda e Ledro15 ore fa

Perde il controllo dell’auto e si ribalta in un vigneto, ferito un 21 enne

Trento1 settimana fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Torna in Val di Non la grande “Festa di San Romedio”

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Offerte lavoro1 settimana fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Vista su Rovereto3 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

economia e finanza4 settimane fa

Il colosso Amazon licenzia 18 mila dipendenti

Rovereto e Vallagarina3 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento2 settimane fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento3 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento4 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento2 settimane fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Giudicarie e Rendena3 giorni fa

Non ce l’ha fatta Luigi Poli: il gestore del Palaghiaccio di Pinzolo è morto ieri

Trento2 settimane fa

«Soliti noti», abusivismo a Villazzano: una storia tutta trentina

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Sviluppo turistico di Coredo, un gruppo di esercenti (e non) chiama a raccolta i cittadini: «Ora tocca a noi darci da fare»

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza