Connect with us
Pubblicità

Io la penso così…

Molestatori seriali ITEA: ci vogliono i corsi di educazione civica condominiale

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Egregio direttore,

leggendo le reiterate lamentele da parte di cittadini italiani  esasperati, costretti a subire delle molestie condominiali nelle Case I.T.E.A da parte di altri condomini, causa costanti schiamazzi di ogni genere e marcata maleducazione comportamentale in ogni ora del giorno e della notte, ritengo che il problema debba e possa essere valutato con un’adeguata presa di posizione da parte di I.T.E.A, che per quanto venga informata, di fatto viene accusata di rimanere passiva ed inerte davanti a tale problematica.

Ritengo che una doverosa presa di posizione possa avvenire con l’implementazione  delle regole di assegnazione dei singoli contesti abitativi, obbligando con nuova normativa, tutti gli inquilini, vecchi e nuovi assegnatari, sia italiani che stranieri a partecipare a dei corsi di “educazione civica condominiale”.

Pubblicità
Pubblicità

Per i cittadini stranieri, alla luce di quanto da più parti lamentato, risulterebbe indispensabile un intervento in tale direzione con l’ausilio di mediatori culturali, i quali avrebbero il compito di informare i nuovi assegnatari, delle regole comportamentali da tenere e i vecchi assegnatari “indisciplinati”, dovrebbero essere “invitati” ad un deciso cambio di marcia comportamentale.

Per chi non si adeguasse a quanto verrebbe loro richiesto, se non dovessero rispettare una civile convivenza, dopo un primo richiamo ufficiale, scatterebbe l’ immediata perdita dei diritti di assegnazione con conseguente sfratto. Idem a chi si rifiutasse di partecipare a tali corsi e dovesse in seguito contravvenire alle condizioni poste.

Tale iniziativa sarebbe indirizzata a spiegare loro i principi base obbligatori e necessari per una civile convivenza tra condomini. Con tale scelta I.T.E.A potrebbe tentare di risolvere (almeno si spera), un malessere abitativo che si fa ogni giorno più marcato ed insistente in certi contesti, da quanto emerge dalle continue lamentele di comprensibile esacerbazione che questa situazione comporta.

Pubblicità
Pubblicità

Come si apprende, tale condizione sta rendendo la vita impossibile a diverse famiglie che reclamano il sacro santo diritto al riposo. Solo chi ha bambini e non solo, che corrono o fanno schiamazzi dalla mattina alla sera sopra alla propria testa, può comprendere quanto tale disagio sia particolarmente lesivo per il diritto al riposo e al benessere abitativo personale, in particolare se si fanno dei turni di lavoro durante le ore notturne, essendo quindi costretti a dormire durante le ore diurne.

Provvedendo all’assegnazione degli alloggi oltre che per attestazione I.S.E.E e carichi famigliari, dovrebbe essere regolamentata la partecipazione obbligatoria a tali corsi, da parte di I.T.E.A  che così offrirebbe un’ immagine pro-attiva e soprattutto concreta,  per  creare i presupposti per una migliore socializzazione e convivenza civile tra i vari nuclei familiari.

Con tale iniziativa si offrirebbe almeno potenzialmente, la possibilità di maggiore comprensione e rispetto, anche da parte di coloro che non parlano la “stessa lingua, non hanno gli stessi usi e costumi o le stesse credenze religiose”, senza dover entrare in quotidiana conflittualità con alcuni cittadini di cultura diversa che non trovano spontanea e naturale adesione a certi comportamenti civici, in uso a chi invece è naturalmente dotato di buon senso e buona educazione. (Ovviamente questo riguarda tutti: sia cittadini italiani che stranieri).

I bambini delle singole famiglie potrebbero socializzare meglio tra loro e anche gli adulti arriverebbero ad avere maggiori possibilità di reale integrazione con maggiore spirito di empatica comprensione reciproca.

Vorrei aggiungere tuttavia un’altra importante  considerazione in merito ai controlli che I.T.E.A dovrebbe eseguire (ma raramente esegue, se non davanti ad episodi di criminalità conclamata d’uso). Mi riferisco a controlli che dovrebbero avvenire  dopo l’assegnazione degli alloggi, non limitandosi alla certificazione I.S.E.E, o stabilire delle regole che poi non vengono di fatto puntualmente sanzionate.

Tale osservazione viene indirizzata nei confronti di chi occupa a volte in maniera non consona alla motivazione d’uso, l’alloggio assegnato. E’ sotto gli occhi chiusi di tutti, che alcuni alloggi sono usati  saltuariamente solo come “piede a terre”, in quanto alcuni occupanti di fatto risiedono altrove ed utilizzano esclusivamente per “motivi alternativi o transitori” gli alloggi assegnati. Tutto ciò ovviamente a discapito di chi l’alloggio lo sta attendendo in lista d’attesa avendone maggiori e più concrete necessità.

Adriano Bertolasi – Trento

(Potete inviare le email al direttore da inserire nella rubrica «io la penso così» scrivendo a: [email protected] – La vostra opinione conta, sempre….)

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento54 minuti fa

Coronavirus: 500 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Val di Non – Sole – Paganella1 ora fa

Finisce a terra con la propria moto: 24 enne trasportata al Santa Chiara

Val di Non – Sole – Paganella1 ora fa

Funerale a Revò: l’Istituto Mater Boni Consilii replica all’Arcidiocesi di Trento professandosi pienamente cattolica apostolica e romana

Val di Non – Sole – Paganella1 ora fa

In val di Non e Sole il casting per il nuovo film diretto da Maura Delpero

Italia ed estero2 ore fa

Scoperto un nuovo virus in Cina: 35 contagiati, attacca il fegato e i reni

Trento2 ore fa

Litigio e colpi di arma da fuoco: paura nella notte a Trento

Hi Tech e Ricerca2 ore fa

Finanziato il progetto 3DoP: oltre mezzo milione a HIT e ProM Facility

Trento2 ore fa

C’è tempo fino al 15 settembre 2022 per aderire al bando per interventi di recupero dei muri a secco e delle aree circostanti

Trento3 ore fa

Ville d’Anaunia: come promuovere il territorio in modo ironico e accattivante

Trento3 ore fa

Denunciato e rimpatriato 19 enne algerino che spacciava in centro storico

Val di Non – Sole – Paganella3 ore fa

Il professor Angelelli cittadino onorario di Sfruz

Valsugana e Primiero3 ore fa

SS47, i Comuni scelgono l’adeguamento della strada esistente

Italia ed estero5 ore fa

Veneto: crolla la parete ovest della parte sommitale del Monte Pelmo

Aziende6 ore fa

L’importanza (mai svanita) del brand

Val di Non – Sole – Paganella6 ore fa

Pejo: perde il controllo della bicicletta, 18 enne finisce in una scarpata

Fiemme, Fassa e Cembra3 settimane fa

Trentasette anni fa la tragedia di Stava: per non dimenticare!

Alto Garda e Ledro4 settimane fa

Si allarga pericolosamente il fronte dell’incendio sul Monte Baldo – IL VIDEO

Alto Garda e Ledro4 settimane fa

Riva del Garda: tornano i fuochi della «Notte di fiaba»

Trento4 settimane fa

Coronavirus in Trentino: 977 contagi nelle ultime 24 ore. Dai 40 ai 59 anni la fascia più colpita

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Laghi di Levico e Caldonazzo fuori controllo: risse, pestaggi, furti e atti di pirateria

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Tragedia sul Monte Peller: muore un giovane di Cles

Politica4 settimane fa

Ugo Rossi: «Non mi ricandiderò, il PATT ha rinunciato ad essere protagonista»

Trento4 settimane fa

Valanga della Marmolada non è caso unico, 10 turisti salvi per miracolo – IL VIDEO

Trento4 settimane fa

Dopo la separazione arriva anche il divorzio: finisce la storia d’amore tra Francesco Moser e Carla Merz

Politica4 settimane fa

Sondaggio Mentana: si arresta la discesa della Lega, cresce Forza Italia

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Attentato alla sede della Lega: l’anarchico «trentino» Sorroche condannato a 28 anni di carcere

Italia ed estero4 settimane fa

Clamorose rivelazioni di Nicola Gratteri: «Questo Governo sta smontando un secolo e mezzo di Antimafia»

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 496 contagi e boom di ricoveri nelle ultime ore in Trentino

Trento1 settimana fa

Coronavirus: 117 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Rovereto: le testimonianze di chi ha subito furti dal benzinaio

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza