Connect with us
Pubblicità

Tecnologia

Far crescere le competenze digitali dei dipendenti della pubblica amministrazione

Pubblicato

-

Consolidare e rafforzare le competenze digitali di base e specialistiche del personale dell’amministrazione pubblica mediante percorsi professionalizzanti e certificati, per gestire al meglio – attraverso l’acquisizione di strumenti e metodologie internazionali – le azioni e i progetti per la transizione digitale e offrire ai cittadini e alle imprese servizi sempre più efficaci, semplici nell’utilizzo, al passo con le ultime tecnologie, sicuri rispetto al trattamento e alle gestione dei dati.

“La visione che spinge la Provincia ad iniziative di questo tipo spiega l’assessore allo sviluppo economico, ricerca e lavoro Achille Spinelliè legata all’aumento di competitività del territorio e allo sviluppo, anche dentro la pubblica amministrazione, di attitudini e professionalità già presenti nel mercato. La trasformazione sempre più accelerata imposta dalla transizione digitale ha portato ad un cambio di paradigma sia delle competenze individuali che delle competenze dell’organizzazione.

Questi percorsi sono gli stessi che da sempre si sviluppano nel mercato nazionale e internazionale delle aziende e nei sistemi industriali. Avere quindiaggiunge Spinellinel proprio organico quadri, funzionari, ma anche figure dirigenziali che hanno ottenuto tali certificazioni significa condividere metodologie e dizionari comuni tra pubblico e privato, sviluppando una visione sfidante per la PA dei prossimi anni”.

In particolare il frameworkMetodologie e competenze di creazione e gestione dei progetti” rappresenta un unicum a livello nazionale, proponendosi come best practice per formare un’amministrazione pronta ad affrontare i rapidi cambiamenti in atto con competenza e professionalità.

Un impegno su cui lavorano la Provincia autonoma di Trento e Tsm-Trentino School of Management, rivolto ai dipendenti della Provincia e degli altri enti del territorio. L’obiettivo del percorso, nato dal 2020, è quello di approfondire la base di conoscenza necessaria a chi all’interno dell’Amministrazione deve ideare, definire e gestire progetti a diversi livelli di complessità, con un focus particolare ai processi di digitalizzazione.

Il percorso – oggetto dell’evento on line organizzato lo scorso venerdì 11 marzo che ha visto l’adesione dei partecipanti ai corsi, molti dei quali (circa 50) già “certificati” – costituisce un progetto fortemente innovativo per la Provincia, che vede nel rafforzamento delle competenze curriculari dei propri dipendenti uno strumento per formare un’amministrazione pronta ad affrontare gli enormi cambiamenti in atto.

Il framework formativo si articola su tre livelli di competenza (base, intermedio e avanzato) e si sviluppa attorno a tre pilastri tematici con le relative certificazioni: fondamenti e gestione dei servizi (approfondisce le metodologie per la gestione dei servizi IT nella pubblica amministrazione), gestione e sviluppo di progetti (comprende il project management sia predittivo che agile), analisi e modellazione dei processi (comprende affondi nelle metodologie di gestione del rischio).

L’acquisizione delle competenze tecnico-specialistiche è attestata dal conseguimento di certificazioni internazionali ottenibili, al termine di un iter formativo e di studio, solo attraverso il superamento di un esame finale individuale. Il progetto è incluso nelle azioni di Repubblica Digitale, l’iniziativa strategica nazionale promossa dal Dipartimento per la trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio dei ministri per contrastare ogni forma di divario digitale (https://repubblicadigitale.innovazione.gov.it/  ).

Il percorso – realizzato da Tsm in collaborazione con l’Unità di missione strategica semplificazione e digitalizzazione e il Servizio ICT e Trasformazione digitale – continuerà per tutto il 2022 ampliando la platea di partecipanti nelle tre aree previste, proseguendo nel biennio 2023-2024 con le nuove proposte formative. Nel corso del 2022 sarà rafforzata la rete tra i dipendenticertificati ai vari percorsi, attraverso la realizzazione di una comunità di pratica finalizzata allo scambio di esperienze, buone pratiche, ma anche di confronto sull’utilizzo di tali strumenti nell’ambito lavorativo.

Il progetto si inserisce nelle attività dell’hub territoriale sulle competenze digitali e metodologie per la trasformazione digitale e l’innovazione della PA attivato dalla Provincia lo scorso luglio, candidato a Nodo territoriale di Competenza nell’ambito della rete dei Centri di competenza nazionali promossi dall’Agenzia per l’Italia Digitale.

Considerata l’importanza strategica della valorizzazione delle competenze quale presupposto fondamentale per la crescita di un’amministrazione sempre più orientata alla digitalizzazione e alla creazione di valore, il Nodo si propone di fornire supporto e collaborare anche con gli altri enti del territorio su diversi ambiti metodologici (analisi comparativa dei software e tecnologie open source, gestione operativa di progetti e iniziative ICT, analisi funzionale e trasformazione digitale applicativa, misurazione e implementazione delle competenze digitali, progettazione di strumenti e piattaforme trasversali di Master data management).

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento22 minuti fa

Rischiano di rimanere senza casa: Il comune stanzia 60 mila euro per nove famiglie di rifugiati con minori

Le Vignette di Fabuffa33 minuti fa

Reddito di cittadinanza, un tema da trattare con cura

Alto Garda e Ledro3 ore fa

«Sport di cittadinanza», seconda serata a Riva del Garda

Val di Non – Sole – Paganella3 ore fa

A Flavon una “Cena al buio” in favore dell’UIC (Unione Italiana Ciechi) di Trento

Trento3 ore fa

Trasporto pubblico locale: sciopero venerdì 2 dicembre, prevista un’adesione non superiore al 10%

Le ultime dal Web5 ore fa

Provocazione di Elon Musk su Apple e Android: “potrei creare il mio smartphone”

Benessere e Salute5 ore fa

Come smettere di fumare grazie alla sigaretta elettronica

Trento6 ore fa

In arrivo i nuovi mezzi di Dolomiti Ambiente

Trento6 ore fa

Domani in aula l’esame finale del ddl sulle concessioni delle grandi centrali idroelettriche

Alto Garda e Ledro6 ore fa

Pnrr: confermato il finanziamento del Polo 0-6 anni al rione Due Giugno di Riva del Garda

Piana Rotaliana7 ore fa

“La forza del rispetto”: fotografie, danza e musica a San Michele all’Adige

Vita & Famiglia7 ore fa

Aborto, intolleranza e violenza femminista – La rubrica settimanale “Restiamo Liberi” di Pro Vita & Famiglia

Val di Non – Sole – Paganella7 ore fa

Martedì 29 novembre a Cles la proiezione del film “Fiore di gelsomino” realizzato a scopo benefico per la Cooperativa Sociale Dal Barba

Alto Garda e Ledro8 ore fa

Riva del Garda: mercoledì la fiera patronale di Sant’Andrea

Bolzano8 ore fa

I Vigili del Fuoco salvano un gatto bloccato su un albero – IL VIDEO

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Maxi rissa davanti alla coop di viale Trento a Rovereto

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Monica Cadau perde il ricorso al TAR e dovrà risarcire il comune di Borgo e il Ministero

Trento2 settimane fa

A Trento è arrivata “Pokè Monade”, la Poke trentina!

Trento5 giorni fa

Avvistato un branco di lupi tra Centa San Nicolò e Caldonazzo

Trento3 settimane fa

Occupa abusivamente 3 parcheggi da anni e nessuno fa nulla

Val di Non – Sole – Paganella1 settimana fa

Morte neonato a Cles: era già successo 42 anni fa

Trento1 settimana fa

I pendolari della sanità trentina: «È l’unico modo per curarsi e rimanere in vita»

Trento3 settimane fa

Le sconcertanti e imbarazzanti parole di Antonio Ferro sulle Oss trentine

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Massimiliano Lucietti è morto mentre era a terra per sparare

Le ultime dal Web2 settimane fa

Tesla Model Y impazzita uccide due persone – IL VIDEO

Trento4 settimane fa

34 fallimenti in Trentino negli ultimi 12 mesi

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Non più lezioni, ma esperienze in montagna. A Molveno apre la nuova «Non scuola di sci»

Trento2 settimane fa

Non poteva essere l’avvocato della Provincia di Trento. La corte dei Conti chiede 113 mila euro di risarcimento a Giacomo Bernardi

Trento2 settimane fa

Gardolo: autobus va contro un’auto, manda a quel paese il guidatore e scappa

Trento2 settimane fa

Trento in lutto, è morto Rinaldo Detassis fondatore di Elettrocasa

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza