Connect with us
Pubblicità

Trento

Lupi, presenti almeno 20 branchi in Trentino. Il rischio per la diffusione della peste suina

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Gestione, emergenze e buone pratiche. Il tema relativo alla presenza del lupo in Trentino con almeno venti branchi è stato affrontato nel corso di un incontro con i sindaci e gli assessori competenti di tutti i Comuni, alla presenza dell’assessore provinciale all’agricoltura, foreste, caccia e pesca Giulia Zanotelli, del dirigente Giovanni Giovannini e del presidente del Consorzio dei Comuni trentini, Paride Gianmoena. “Fornire ai rappresentanti istituzionali locali informazioni mirate sul tema dei grandi carnivori, è fondamentale anche al fine di monitorare il fenomeno e affrontare le situazioni più problematichesono state le parole dell’assessore Zanotelli.

“Al fine di migliorare la gestione, stiamo collaborando con Ispra nella messa a punto di un progetto sperimentale ad hoc, così come concordato dal presidente Maurizio Fugatti con il ministro Roberto Cingolani” ha ricordato.

L’esponente della Giunta, ha dunque parlato della prevenzione per contenere l’impatto dei grandi carnivori sulle attività di montagna ma anche di tutti gli strumenti che la Provincia mette a disposizione, oltre al percorso che la Giunta provinciale sta perseguendo. “Si è trattato di un importante momento di informazione e condivisione con i sindaci, quali rappresentanti di riferimento delle comunità locali, che anche grazie agli elementi raccolti potranno affrontare questo delicato e sentito tema” ha osservato il presidente Gianmoena, che ha evidenziato il valore dell’attività promossa dalla Provincia a livello nazionale.

Pubblicità
Pubblicità

L’Assessore ha toccato durante l’incontro anche ulteriori questioni assieme agli amministratori locali, quali il contenimento dei cinghiali ed il Piano bostrico. Per contenere il rischio di diffusione della peste suina, che per ora – va detto – non ha interessato il nostro territorio, l’Amministrazione provinciale ha messo in campo già da tempo, grazie alle modifiche apportate alla disciplina con delibera di Giunta, misure di contenimento in collaborazione con l’associazione cacciatori che stanno dando buoni risultati , mentre è stato istituito un tavolo tecnico già nel 2021 con l’Assessorato, l’Azienda provinciale per i servizi sanitari, i Servizi provinciali Foreste e Agricoltura e i cacciatori.

L’invito rivolto ai primi cittadini è di informare la cittadinanza sui rischi legati alla peste suina ed a segnalare al Corpo forestale del Trentino l’eventuale rinvenimento sul territorio di carcasse di cinghiale.

Alla luce delle preoccupazioni manifestate dai rappresentanti degli enti locali, è stato poi riferito che il Servizio foreste presenterà a breve il nuovo Piano di intervento per il recupero del legname e la messa in sicurezza delle aree colpite dal bostrico, che fino allo scorso anno rientrava tra le attività di gestione post-Vaia. Un percorso che vedrà coinvolti tutti i soggetti interessati.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Val di Non – Sole – Paganella1 ora fa

L’Asuc di Tuenno sistema la strada forestale, il consigliere Santini si complimenta col direttivo

fashion1 ora fa

Ecco la donna più desiderata dagli italiani per una «scappatella»

Italia ed estero1 ora fa

Lancia pietre sulle macchine in autrostrada e minaccia di tagliarsi la gola: bloccato col taser 22 enne egiziano

Alto Garda e Ledro2 ore fa

A Ferragosto la solenne celebrazione votiva di Santa Maria Assunta

Rovereto e Vallagarina2 ore fa

Violento scontro tra un furgone e una corriera a Santa Lucia di Ala, ferito un 48 enne

Alto Garda e Ledro2 ore fa

Arco, sospetti bocconi avvelenati in via San Sisto

Val di Non – Sole – Paganella2 ore fa

Orso, diversi avvistamenti a Spormaggiore: le raccomandazioni del sindaco Pomarolli

Val di Non – Sole – Paganella2 ore fa

Brucia una legnaia nella notte in Paganella: i danni sono ingenti

Rovereto e Vallagarina5 ore fa

Chiuso l’Hotel Des Alpes di Serrada di Folgaria: l’impianto antincendio non funzionava correttamente

Spettacolo6 ore fa

Per Olivia Newton John funerali di Stato in Australia

Rovereto e Vallagarina6 ore fa

Si terranno sabato 13 agosto a Lonigo i funerali di Willy, il 17 enne annegato nel lago di Lavarone

Io la penso così…7 ore fa

«Body shaming»: una discriminazione quotidiana che passa sotto silenzio

Trento7 ore fa

Circonvallazione ferroviaria, non si ferma il cantiere pilota

Rovereto e Vallagarina7 ore fa

La festa dell’Assunta in mano ai giovani della Proloco di Villa Lagarina

Trento7 ore fa

Maltempo: Coldiretti, 1140 eventi estremi nell’estate bollente

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza