Connect with us
Pubblicità

Trento

La «malamovida» è tornata come e più di prima. Le domande al Sindaco rimaste inascoltate.

Il comitato antidegrado della zona denuncia una situazione ormai fuori controllo. «Lascia sbigottiti l’atteggiamento di sottovalutazione e tolleranza da parte del comune e delle forze dell’ordine»

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Nelle ultime notti è tornata la malamovida davanti al Liceo Coreutico e fino a Largo Carducci, nei vicoli di Santa Maria Maddalena e San Pietro fino alla chiesa di San Marco. Ed è tornata come e più di prima.

Mediamente dalle 23.00 alle 2.00 e alle 3.00 le persone e le famiglie che risiedono lì sono private del diritto al riposo notturno. A rendere il sonno impossibile sono il frastuono delle voci che sale dai tanti gruppetti sotto le case, le urla, la musica ad alto volume. Poli di attrazione di questi assembramenti molesti sono i bar La Scaletta e Matrix, che somministrano e vendono a basso prezzo bevande alcoliche, che per questo restano aperti fino a notte fonda (almeno l’1.00), disinteressandosi purtroppo di quel che avviene appena fuori dei locali.

Ne derivano evidenti stati di alterazione e ubriachezza i cui effetti sono numerosi atti incivili e illeciti: deiezioni umane sui muri, bottiglie e bicchieri lasciati un po’ dovunque insieme a rifiuti.

Pubblicità
Pubblicità

C’è poi chi per punire i residenti che osano chiedere un po’ di rispetto dopo la mezzanotte, si attacca ai campanelli delle loro abitazioni. Altri muniti di secchi di colore ad imbrattano le pareti degli edifici, lordate anche con immagini e scritte minacciose.

Tutto questo schifo è documentato ogni notte con foto e video trasmessi alle autorità di pubblica sicurezza e pubblicati su alcuni media trentini senza però che ne segua nulla.

Il Comitato antidegrado Santa Maria Maddalena ora torna sul piede di guerra: «Lascia sbigottiti l’atteggiamento di sottovalutazione e tolleranza (e quasi indulgenza trattandosi, come è stato scritto, di “giovani”!) troppe volte dimostrati dall’amministrazione e dalle forze dell’ordine – scrivono in una nota una ventina di capi famiglia della zona –  perché solo dopo svariate telefonate dei residenti che, esasperati, chiedono agli agenti di intervenire, viene inviata una pattuglia. In ogni caso i colpevoli restano impuniti».

Pubblicità
Pubblicità

UNA SITUAZIONE CHE CONTINUA A PEGGIORARE – «Dal momento che la situazione sta peggiorando di notte in notte – continua il comitato antidegrado – è arrivato il momento di porre alcune domande ai responsabili della città, in primis al Sindaco di Trento e all’assessore alle attività economiche».

LE DOMANDE SENZA RISPOSTA DA PARTE DELLE  ISTITUZIONI –  «Che ne è del Regolamento di Convivenza approvato quasi all’unanimità dal Consiglio comunale il 16 dicembre scorso che doveva introdurre misure di contenimento e prevenzione della malamovida a partire dal 1° gennaio di quest’anno? Quando verrà attivato il Tavolo previsto dallo stesso Regolamento per coinvolgere polizia locale, pubblici esercizi, i residenti e gli studenti per monitorare e segnalare i problemi e avviare lo strumento della patente a punti per i bar? Giunti a questo punto, il Primo Cittadino non ritiene urgente e opportuno esercitare la sua facoltà, prevista dal Regolamento di Convivenza, di limitare l’orario di apertura notturna dei due bar in modo che chiudano dopo le 23.00 o 23.30? Che ne è della “Sindaca della notte” appositamente incaricata di occuparsi del problema?» – Chiedono i residenti della zona

E ancora: «Perché non dedicare almeno due unità del personale di polizia locale recentemente assunto dal Comune per presidiare l’area (non però di giorno come annunciato ma nelle ore notturne maggiormente critiche (dalle 23.00-23.30 alle 2.00-3.00), e scoraggiare in tal modo preventivamente le deiezioni e l’imbrattamento dei muri anziché rassegnarsi a pagarne la ritinteggiatura ex post? Perché non utilizzare le varie telecamere comunali della zona per identificare e perseguire gli autori degli atti vandalici anziché servirsene solo per multare i conducenti dei veicoli che entrano senza permesso nella Ztl?

Perché non misurare con strumenti adeguati il livello di rumorosità nella zona per verificare se supera le soglie stabilite dalle norme dopo una certa ora? A questi interrogativi (ma ce ne sarebbero altri) urgono risposte tempestive se il Comune in primis e le autorità preposte alla sicurezza e all’ordine pubblico vogliono dimostrarsi all’altezza del loro dovere di garantire il rispetto della legalità e dei diritti dei cittadini, a cominciare da quello al riposo, sanciti dalla Costituzione».

 

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Val di Non – Sole – Paganella43 minuti fa

I Marlene Kuntz sbarcano in Val di Pejo

Trento1 ora fa

Ponte di san Lorenzo: dopo una fuga in contromano, bloccato nigeriano ubriaco

Politica2 ore fa

Da domani in aula a riforma delle Comunità in aula senza tempi contingentati

Trento2 ore fa

Servizio civile: candidature entro fine luglio, 102 nuove proposte e 95 posti a disposizione

Valsugana e Primiero2 ore fa

Tezze rivendica le barriere antirumore

Valsugana e Primiero2 ore fa

Incidente sulla strada verso Baselga di Pinè: rimangono feriti una 76enne e un 83enne – IL VIDEO

Italia ed estero3 ore fa

Napoli: 10 ore al giorno per 280 euro al mese, scoppia la polemica

Trento3 ore fa

È morto Leonardo Del Vecchio, il fondatore del colosso Luxottica. A 22 anni si era trasferito in Trentino

Trento3 ore fa

Investimenti in impianti fotovoltaici: domande per le imprese dal 4 luglio fino a fine dicembre 2023

Italia ed estero3 ore fa

Covid, contagi in aumento: oggi vertice Governo-Inail sulle mascherine. I piani potrebbero cambiare

Rovereto e Vallagarina4 ore fa

“Orto San Marco-Setàp”, a Rovereto un progetto di rigenerazione urbana e sociale

Arte e Cultura4 ore fa

A Mezzano apre i battenti la mostra “Schweizer e i luoghi dell’Anima”

Italia ed estero4 ore fa

The Great Resignation: un fenomeno che preoccupa ma che apre le porte al cambiamento

Fiemme, Fassa e Cembra4 ore fa

Canazei: da non perdere la mostra “70 anni di Soccorso Alpino e Speleologico Trentino”

Trento4 ore fa

Ristorante Zushi: la cucina giapponese a Trento diventa una vera moda

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 83 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 121 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 99 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. Calano i ricoveri

eventi3 settimane fa

Dal 17 al 26 giugno tornano a Trento le Feste Vigiliane

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 166 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Alto Garda e Ledro3 settimane fa

Stop alla viabilità a Riva del Garda: si girano le scene di un film americano

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Sbanda, va in contromano e rischia di scontrarsi con altre auto prima di entrare in statale – IL VIDEO

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 49 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino con nessun positivo al molecolare

Trento3 settimane fa

Attimi di paura alla stazione delle corriere di Trento!

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 267 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Società3 settimane fa

L’impresa di Melissa Mariotti tra lavoro in Germania e progetti turistici in Valbrenta

Politica2 settimane fa

Referendum, vittoria dei sì ma niente quorum. Amministrative: nei grandi comuni avanti il centro destra

Le Vignette di Fabuffa3 settimane fa

Il 51% degli adolescenti italiani non capisce un testo scritto. Una scuola che fa acqua da tutte le parti

Telescopio Universitario3 settimane fa

UniTrento: da vent’anni il mondo fa tappa qui

Io la penso così…4 settimane fa

Protesta pronto soccorso di Arco: dov’erano i manifestanti quando governava il centro sinistra?

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza