Connect with us
Pubblicità

Trento

In Trentino arriva la prima condanna per mafia: per Saverio Arfuso oltre 10 anni di carcere

L’indagine era partita nel 2017 e ha confermato la presenza della dell’ndragheta in Val di Cembra tra gli anni ’80 e ’90. Condannati anche Paviglianiti e Arafat

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Ieri mattina presso il tribunale di Trento sono state emesse le prime sentenze a seguito dell’inchiesta “Perfido”, riguardante le infiltrazioni della ‘ndrangheta nel settore del porfido in val di Cembra. Di fronte al gup Enrico Borrelli sono finiti i quattro imputati che hanno scelto il rito alternativo.

La condanna più pesante, che ha riconosciuto l’associazione mafiosa oltre al reato di riduzione in schiavitù, è toccata a Saverio Arfuso, 49 anni, calabrese di Cardeto: 10 anni e 10 mesi di reclusione (compreso lo sconto di pena prevista dal rito abbreviato), così come richiesto dall’accusa rappresentata in aula dai pm Davide Ognibene, Maria Colpani e Licia Scagliarini.

Arfuso è stato condannato anche a pagare le spese processuali e di mantenimento in carcere e l’interdizione perpetua dai pubblici uffici e interdizione legale durante l’espiazione della pena.

Pubblicità
Pubblicità

È stato inoltre condannato a risarcire ciascuna delle parti civili con 50 mila euro. Inn particolare i tre operai cinesi ridotti in schiavitù.

Arfuso, secondo l’accusa, aveva un ruolo apicale negli interessi della ‘ndrangheta nei comuni di Albiano e Lona-Lases. Assolto da ogni accusa e per non aver commesso il fatto, invece, Fabrizio De Santis – difeso dall’avvocato Valer –  il carabiniere di 48 anni di Roma che secondo i pm aveva ricoperto il ruolo di “braccio operativo” dell’organizzazione criminale. L’accusa aveva chiesto 6 anni e 8 mesi di reclusione. Di fronte al giudice, sono cadute tutte le contestazioni.

Hanno invece patteggiato la pena di 2 anni Mustafà Arafat, macedone, 45 anni (ora in carcere per il pestaggio di un operaio cinese), e Giuseppe Paviglianiti, 61 anni, incensurato, originario di Montebello Ionico ma residente a Trento di 1 anno a sei mesi di reclusione.

Pubblicità
Pubblicità

A quest’ultimo la condanna è stata commutata con la sospensione della pena.

Per entrambi è caduta l’accusa più pesante, quella di associazione mafiosa. Ad entrambi è stato contesto di aver fornito appoggio ai membri dell’organizzazione criminale, ma di non far parte della stessa. Ad Arafat sono stati dissequestrati due veicoli e e macchinari preventivamente sequestrati durante l’indagine.

L’operazione dei carabinieri Ros e dei comandi di Trento, Roma e Reggio Calabria nel 2020 aveva dato esecuzione a 19 misure cautelari nei confronti di soggetti indagati per associazione mafiosa in quanto appartenenti alla ‘ndrangheta. L’indagine era partita nel 2017.

Tra i reati contestati lo scambio elettorale politico-mafioso, porto e detenzione illegale di armi da fuoco e riduzione o mantenimento in schiavitù. Oltre alle 19 misure il Ros insieme alla Polizia di Stato di Reggio, aveva eseguito un fermo di indiziato di delitto, emesso dalla locale Procura Distrettuale, a carico di altri 5 soggetti indagati anche loro per associazione mafiosa e di altri gravi delitti, sui quali sono state registrate, in fase di indagine, convergenze investigative che hanno quindi portato al coordinamento investigativo, sotto l’egida della Direzione Nazionale Antimafia e Antiterrorismo, tra le Procure della Repubblica di Reggio Calabria e Trento.

Il risultato aveva costituito l’esito di un’articolata attività investigativa condotta dal Raggruppamento Operativo Speciale dell’Arma dei Carabinieri che ha accertato esistenza e operatività di una Locale di ‘ndrangheta in Lona Lases ma avente influenza sull’intera provincia di Trento, quale proiezione della omonima struttura operante in Cardeto (RC), in particolare delle cosche reggine “Serraino”, “Iamonte” e “Paviglianiti”.

Per quanto concerne il Trentino, la complessiva attività investigativa ha permesso di ricostruire come il processo di insediamento della ‘ndrangheta nella Val di Cembra sia collocabile tra gli anni ’80 e ’90, verosimilmente poiché attratta dalla ricca industria legata all’estrazione del porfido.

  • Pubblicità
    Pubblicità
Politica8 ore fa

Elezioni 25 settembre: niente uninominale a Trento per De Bertoldi. Sostituito da Martina Loss

Val di Non – Sole – Paganella8 ore fa

A Cles domenica 21 la Fiera di San Rocco e viabilità modificata

Giudicarie e Rendena11 ore fa

Sabato pomeriggio Matteo Salvini a Pinzolo per la festa della Lega

Politica11 ore fa

Conzatti, Patton e Sartori candidati al Senato in Trentino

Politica11 ore fa

Ecco il programma degli alleati del PD: più tasse, «Ius Scholae» e depenalizzazione della cannabis

Trento12 ore fa

Coronavirus in Trentino: 276 contagi nelle ultime 24 ore

Arte e Cultura12 ore fa

Brian Eno inaugura oggi le installazioni audio/video al Castello del Buonconsiglio e a Castel Beseno

Italia ed estero12 ore fa

Altri 1.500 migranti sbarcati in Italia nelle ultime 48 ore

Alto Garda e Ledro13 ore fa

Uno scambio operativo per i vigili del fuoco di Riva del Garda con i colleghi tedeschi di Bensheim

eventi14 ore fa

Domenica 21 agosto si inaugura la Trentino Danza Estate

Rovereto e Vallagarina15 ore fa

Carambola in A22 direzione Sud tra Rovereto ed Ala: si schianta contro guard rail, ferite tre persone

Val di Non – Sole – Paganella15 ore fa

74 enne muore schiacciato da un telaio nella sua azienda, ferito un tirocinante 17 enne

L'Editoriale16 ore fa

La giornata degli sfondoni del PD: dal messaggio di Sara Ferrari a ben più di peggio…

Alto Garda e Ledro16 ore fa

Domenica 21 agosto la presentazione del catalogo “Paolo Vallorz, la figura e una stanza di fiori”

Bolzano17 ore fa

Miss Italia: doppia Finale regionale a Brunico!

Trento2 giorni fa

«Via da Trento per la paura»: la storia di Patrizio e Ivana emigrati felici in Slovenia

Trento3 giorni fa

Trovate dai cani antidroga centinaia di dosi nascoste nelle piazze di Trento: 30 denunce nello scorso week end

Rovereto e Vallagarina7 giorni fa

Tragico incidente nella notte a Isera, perde la vita un 21 enne di Avio

Val di Non – Sole – Paganella1 settimana fa

Mamma orsa in giro con i cuccioli a Spormaggiore – IL VIDEO

Trento6 giorni fa

Rischia di travolgere i bambini, bloccato dai genitori: «Sono soggetto alla 104, non possono farmi nulla»

Valsugana e Primiero3 giorni fa

Imer, cane da conduzione attaccato dai lupi

Rovereto e Vallagarina6 giorni fa

Noriglio in mano alle baby gang e al degrado. La denuncia di Andrea Bertotti

Trento1 settimana fa

Tutti animalisti con gli orsi degli altri

Trento1 settimana fa

Mega rissa tra stranieri in centro storico nella notte – IL VIDEO

eventi1 settimana fa

Miss Italia: è Eleonora Lepore di San Candido «Miss Schenna»

Val di Non – Sole – Paganella1 settimana fa

Per ferragosto a Cles quattro giorni di eventi ‘fantastici’

Trento5 giorni fa

Vittoria De Felice contro il PD Trentino: «Partito borghese che non vede i veri problemi della gente»

Fiemme, Fassa e Cembra6 giorni fa

Miss Italia torna a Moena: la reginetta è Giulia Barberini. Eletta anche la Soreghina 2023

Trento12 ore fa

Coronavirus in Trentino: 276 contagi nelle ultime 24 ore

Trento1 settimana fa

Morì durante una pratica sadomaso a Trento: assicurazioni condannate a risarcire la famiglia

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza